Google+

Israele. Si intensifica il bombardamento di Gaza. Il parroco della striscia controllata da Hamas: «Dove fuggire?»

luglio 14, 2014 Redazione

Israele invita la popolazione a nord di Gaza a evacuare. Il parroco Hernanez: «Nella striscia non esiste un luogo tranquillo, uno spazio neutrale, un rifugio sicuro per le persone»

L’operazione “Protective edge” prosegue. Mentre l’esercito israeliano intensifica i bombardamenti sulle postazioni di Hamas a Gaza, il governo presieduto da Benjamin Netanyahu si prepara a una eventuale occupazione della Striscia. Tel Aviv ha richiamato 30 mila riservisti e ieri ha avvertito i palestinesi della zona a nord di Gaza di nuove operazioni militari, invitando la popolazione ad abbandonare le proprie case. I bombardamenti israeliani hanno come obiettivo le sedi di lancio e di stoccaggio di missili di Hamas, nonché i campi di addestramento e le case dove ci sono i comandi dell’organizzazione che controlla Gaza.

DOVE FUGGIRE? In una lettera spedita ieri all’associazione Pro Terra Sancta (che ha scritto un appello per l’emergenza), il parroco cattolico della Sacra Famiglia di Gaza, Jorge Hernandez, ha spiegato che la situazione per i civili palestinesi è sempre più critica, a causa dell’intensificarsi dei bombardamenti israeliani e del lancio di missili da parte di Hamas. Secondo don Hernandez la situazione è peggiore della crisi del 2012. «Il rumore degli aerei, delle esplosioni e delle sirene delle ambulanze è già diventato parte della vita quotidiana», scrive padre Hernandez. Da due giorni, prosegue il parroco, «è aumentata l’intensità dei bombardamenti per aria, terra e mare. E anche la persistenza dei lanci di razzi da qui». Il parroco di Gaza ha messo in luce la difficoltà per i civili palestinesi di abbandonare le zone di Bet Hanoun e Beit Lahia, dopo l’avvertimento degli israeliani. La striscia, larga dieci chilometri e lunga quaranta accoglie un milione e mezzo di persone (fra cui 2.500 cristiani): «Dove si può andare? – si chiede il parroco – Gaza è piccola. Tutti quartieri sono vicini. Non esiste un luogo tranquillo, uno spazio neutrale, un rifugio sicuro per le persone. Dove fuggire?».

CESSATE IL FUOCO. Gli Stati Uniti, a cui si deve il finanziamento dell’Iron Dome, il sistema anti-missile israeliano che sta intercettando la gran parte dei razzi lanciati da Gaza, hanno cercato senza successo di farsi mediatori di un accordo di pace. Settimana scorsa, il presidente americano Barack Obama ha offerto l’assistenza del governo per negoziare la fine delle ostilità e per ripristinare il cessate il fuoco che Hamas e Israele avevano concordato dopo otto giorni di combattimenti nel 2012. Alla richiesta di pace ha aderito Israele, ma solo in linea di principio. Hamas ha rigettato l’offerta.
A differenza del conflitto del 2012, l’Egitto non può più ricoprire il suo ruolo di mediatore fra Israele e Hamas. Il nuovo presidente, il generale Al-Sisi, ha usato la mano dura con Hamas, alleata con i Fratelli Mussulmani, nemici del governo del Cairo. Secondo i media arabi, i possibili mediatori per un cessate il fuoco sono il Qatar o la Turchia.
Hamas, che ha in suo possesso 10 mila missili, fra cui alcuni con una gittata di 200 chilometri, punta ad alzare il livello di guardia per chiedere accordi più favorevoli alla sua causa. La situazione è complicata dal fatto che l’organizzazione è isolata internazionalmente e che il suo consenso stia calando a favore dei salafiti legati al califfato islamico, da una parte, e dall’altra, a favore di Fatah.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. claudio68 scrive:

    Da cattolico non posso tacere che i poveri palestinesi sono tra l’incudine e il martello. Da una parte Hamas, gruppo di potere e governo a Gaza, notoriamente dei terroristi e dall’altra parte Israele che bombarda indiscriminatamente la popolazione civile con metodi nazisti. Il tutto nel silenzio di Onu, Unione Europea, Usa, Russia, Francia, …….incredibile…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana