Google+

Israele. Lakin, l’ebreo che voleva la pace, accoltellato da un palestinese a Gerusalemme

novembre 2, 2015 Leone Grotti

La morte di Richard Lakin riassume le tante contraddizioni dell’eterno scontro: voleva la pace ma è stato ucciso da due palestinesi favorevoli alla nuova Intifada

lakin-facebook

Voleva la pace fra israeliani e palestinesi, era favorevole alla soluzione “due popoli, due Stati”, tanti dei suoi studenti erano musulmani, ma è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa e due coltellate al petto e al volto su un autobus a Gerusalemme da due palestinesi favorevoli alla nuova Intifada.
La morte di Richard Lakin (foto a destra) riassume bene le tante contraddizioni dell’eterno scontro tra israeliani e palestinesi. L’insegnante di 76 anni è uno dei nove ebrei israeliani uccisi nel mese di ottobre in singoli attentati da parte di palestinesi. Uno dei due assassini è tra gli oltre 25 palestinesi morti nello stesso periodo per mano delle forze di sicurezza israeliane.

UOMO DI PACE. «Com’è possibile che una persona così magnifica sia stata uccisa in un modo così brutale e orribile?», si chiede Micah Avni al funerale del padre. Lakin, americano, si era trasferito nel 1984 in Israele, dove insegnava inglese a bambini israeliani e palestinesi delle elementari. Il rabbino della moschea di Gerusalemme che frequentava, lo descrive così: «Non era un ingenuo, ma non poteva neanche pensare che fosse impossibile trovare una soluzione e che la gente non potesse imparare a vivere insieme. Non è mai mancato a una singola manifestazione per la pace», riporta il New York Times.

MORTO IN OSPEDALE. Ma il 13 ottobre è salito sull’autobus numero 78 di ritorno a casa da un controllo medico ed è stato attaccato. Subito l’hanno trasportato d’urgenza all’ospedale Hadassah Ein Karem, dove medici israeliani e palestinesi collaborano fianco a fianco. Il dottore che ha cercato di salvarlo, Abed Khalaileh, vive in Cisgiordania e l’infermiera palestinese che l’ha accudito ha mandato i suoi figli a scuola da lui. Nonostante tutti i tentativi, dopo due settimane Lakin è morto.

«NON È GIUSTO». «Che cosa ha fatto per meritare una simile punizione?», si è chiesto il medico palestinese dopo la sua morte. «Io qui non faccio politica, non devo giudicare nessuno. Ma vivo con la sensazione che non è giusto, perché dopo tutto chi ha compiuto questo omicidio fa parte del mio popolo». Uno degli attentatori, Bilal Abu Ghanem, operato nello stesso ospedale, si è salvato dopo essere stato ferito dalla polizia israeliana.

FACEBOOK. Mentre era in ospedale, Avni ha scoperto che il secondo attentatore, Bahas Alian, ucciso dalla polizia, aveva preannunciato l’attentato su Facebook. Sotto il suo profilo, centinaia di persone «incoraggiavano altri a seguire il suo esempio e davano precise informazioni su come sventrare una persona, proprio come hanno fatto con mio padre».
Lakin era un amante di Facebook e il logo del suo profilo era rappresentato da due bambini, un israeliano e un palestinese, sotto il famoso logo “Coexist”. «Purtroppo è rimasto vittima dei messaggi che incitano all’odio pubblicati proprio su quei social network che amava».
Il 28 ottobre, giorno del funerale, la cerimonia si è conclusa con le parole che la nipote 16enne, Shachar Boteach, ha rivolto al nonno: «Nonostante quello che ti hanno fatto, sono certa di quello che tu vorresti: che io non provi neanche un briciolo di odio».

Foto Lakin Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. underwater scrive:

    Leggano, i troll, e si inginocchino.

  2. Cisco scrive:

    Imparino gli integralisti di ogni risma, da Hamas ai coloni, passando per i loro leader…

    • Mappo scrive:

      Cisco, non è neppure lontanamente possibile paragonare i coloni ebrei a quelle belve assetate di sangue di Hamas

      • Cisco scrive:

        @Mappo

        Hamas e’ peggio, ma sono entrambi integralisti.

        • Raider scrive:

          Integralisti vale anche per chi non ha uno statuto come quello di Hamas, che agisce di conseguenza e in forza di uno statuto jiahdista quanto l’ideologia shariatica dell’Isis. E percià gli islamo-nazi troll hanno pensato bene di qualificare Hamas come uno spin-off del Mossad: gli islamo-nazisti conoscono bene i loro polli: e all’occorrenza, scaricano anche gente che, un minuto dopo, esalta come campioni dell’Islam allo stato puro.

  3. Sebastiano scrive:

    Hamas quegli assassini (e tutti gli altri compresi) li chiama eroi. L’ANP, non li chiama per nulla (ovvero se ne sta bella zitta per paura di perdere consensi).
    I nostri “pacifisti à la page” aspettano che il clamore si sia levato per riprendere ad attaccare il mostro occidentale e la sua propaggine sionista.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana