Google+

Israele-Hamas, salgono a 1.113 i morti palestinesi e 55 quelli israeliani

luglio 29, 2014 Chiara Rizzo

Una delegazione palestinese è in viaggio verso il Cairo per discutere la tregua proposta dall’Egitto. Intanto nuovi raid colpiscono la centrale elettrica di Gaza. Mogherini: «Imperativo fermare il conflitto, non cediamo alla partigianeria»

Gli osservatori internazionali hanno definito quella appena trascorsa come «la notte più violenta da giorni», nel conflitto tra Israele e Hamas. Gli scontri in nottata sono ripresi in modo ancor più cruento, solo a poche ore dai missili che hanno colpito un ambulatorio dell’ospedale Shifa di Gaza e il parco giochi del campo profughi di Shati, attacchi in cui hanno perso la vita anche 8 bambini che stavano giocando sull’altalena, e per i quali Israele ha respinto ogni responsabilità: «I terroristi di Gaza hanno sparato missili contro Israele. Uno di questi ha colpito l’ospedale al-Shifa a Gaza, un altro il capo profughi di al-Shati» ha dichiarato lo Stato maggiore dell’esercito israeliano in una nota.

NUOVO BILANCIO. Stamattina però si contano già 26 nuove vittime palestines, tra cui 9 donne e 4 bambini, a Gaza e 11 persone rimaste uccise da un attacco ad una casa nel campo profughi di Bureij, e 5 soldati israeliani, uccisi da un commano palestinese contro cui hanno avviato un attacco, dato che si stava infiltrando in un tunnel a Nahal Oz, vicino alla frontiera. Complessivamente secondo i servizi di soccorso palestinesi i morti sono ormai 1.113 e su una popolazione di 1,8 milioni di persone ci sono già 220mila sfollati. Le vittime israeliane sono almeno 55, tra cui anche 3 civili uccisi dai razzi di Hamas verso Israele: solo stamattina ne sono caduti sul suolo israeliano almeno dieci, di cui due solo a dieci chilometri a sud di Tel Aviv.

GAZA SENZA ELETTRICITA’. Israele intanto ha sferrato un attacco anche contro gli edifici della televisione e radio di Hamas, e ha colpito la centrale elettrica di Gaza, lasciandola in mezzo alle fiamme e ai roghi e rendendola inutilizzabile per mesi: gli abitanti di Gaza finora avevano almeno energia elettrica per tre ore al giorno, adesso nemmeno questo. Obiettivo degli attacchi è stata anche la casa di un capo di Hamas, Ismail Haniyeh, che però non si trovava nella sua abitazione quando è stata centrata da un missile.

DELEGAZIONE PALESTINESE AL CAIRO. Intanto l’emittente araba Al Arabiya, una delegazione di rappresentanti palestinesi si è messa in viaggio per il Cairo, per valutare e discutere la proposta di tregua avanzata dall’Egitto. Della delegazione farebbero parte un esponente di Fatah (Azzam El-Ahmed), uno di Hamas (Moussa Abu Marzouk), uno della jihad islamica (Zeyad El-Nakhala) e il direttore dei servizi segreti palestinesi Majed Faraj.

MOGHERINI: «NON CEDERE ALLA PARTIGIANERIA». Il ministro degli Esteri italiana Federica Mogherini durante un’informativa urgente alla Camera ha dichiarato che «L’imperativo di queste ore è fermare il conflitto, fermare le operazioni militari di Israele a Gaza, fermare il lancio di razzi di Hamas». Poi ha spiegato che «Stiamo tutti lavorando perché ci sia un cessate il fuoco duraturo. L’invito che vorrei fare, a tutti noi in quest’aula e all’opinione pubblica italiana è di non farci intrappolare anche noi in quella bolla di odio, di non cedere alla logica della partigianeria, all’idea che ci si debba dividere tra amici di Israele e amici della Palestina, che si debba scegliere da che parte stare, nel conflitto tra due disperazioni e tra due esasperazioni».

KHAMENEI: «ISRAELE, CANE RABBIOSO». Intanto, durante la diretta della tv di stato per la celebrazione della festa musulmana Eid al-Fitr (la fine del ramadan), l’ayatollah Ali Khamenei, guida suprema dell’Iran ha attaccato duramente Israele definendolo «cane rabbioso» che starebbe commettendo «un genocidio a Gaza». Khamenei ha chiesto al mondo islamico di «armare» i palestinesi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download