Google+

Israele-Gaza, riprendono i bombardamenti

luglio 15, 2014 Chiara Rizzo

Stamattina Tel Aviv aveva acconsentito alla tregua proposta da Egitto e Lega Araba, ma Hamas l’ha respinta. Il ministro degli Esteri israeliano Lieberman: «Israele vada fino in fondo, ci fermiamo quando controlleremo Gaza»

C’era stato un piccolo margine per la speranza di una tregua tra Israele e Gaza, dopo che Tel Aviv stamattina dalle 9 aveva comunque rispettato lo stop ai raid. Ma il fatto che Hamas e le Brigate al-Qassam abbiano rigettato qualunque ipotesi di dialogo e proseguito nei loro lanci di razzi, ha fatto di nuovo precipitare la situazione: dalle 14 anche Israele ha ripreso i raid. Secondo Tel Aviv nelle sei ore di tregua unilaterale Hamas da Gaza ha sparato 47 razzi. Iron Dome, lo scudo che protegge Israele ha continuato a funzionare, ma il bilancio dei morti nella Striscia è salito a 194 morti (tra cui, per l’Unicef, 31 bambini) e 1.400 feriti.

«ISRAELE VADA SINO IN FONDO». Il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman ha chiuso, almeno a parole, all’ipotesi di un’altra tregua: «Israele vada fino in fondo. Dobbiamo mettere termine alla operazione quando il nostro esercito avrà controllato la striscia di Gaza» ha ammonito. Il premier Benjamin Netanyahu ha fatto seguito a questa linea, ordinando di «agire con forza contro obiettivi terroristici».

L’APPELLO DI ABU MAZEN. Le Brigate al-Qassam avevano respinto la proposta avanzata dall’Egitto, con l’avallo di tutta la Lega Araba, dichiarando che «Se il contenuto di questa proposta è quel che sembra, si tratterebbe di una resa e noi la rigettiamo senza appello». Tra le richieste di Israele c’era lo smantellamento dell’arsenale missilistico di Hamas e dei corridoi sotterranei della Striscia, tra quelle di Hamas il denaro per il pagamento di 40mila dipendenti, l’apertura del valico di Rafah tra la Striscia e l’Egitto e la liberazione dei 56 operativi del movimento islamico arrestati da Israele. A favore della tregua, dopo il no delle Brigate e di Hamas, si era espresso stamattina anche il leader dell’Anp, Abu Mazen che ha lanciato un appello «a tutte le parti per risparmiare ulteriori vittime al popolo palestinese nel supremo interesse nazionale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download