Google+

Israele-Gaza, riprendono i bombardamenti

luglio 15, 2014 Chiara Rizzo

Stamattina Tel Aviv aveva acconsentito alla tregua proposta da Egitto e Lega Araba, ma Hamas l’ha respinta. Il ministro degli Esteri israeliano Lieberman: «Israele vada fino in fondo, ci fermiamo quando controlleremo Gaza»

C’era stato un piccolo margine per la speranza di una tregua tra Israele e Gaza, dopo che Tel Aviv stamattina dalle 9 aveva comunque rispettato lo stop ai raid. Ma il fatto che Hamas e le Brigate al-Qassam abbiano rigettato qualunque ipotesi di dialogo e proseguito nei loro lanci di razzi, ha fatto di nuovo precipitare la situazione: dalle 14 anche Israele ha ripreso i raid. Secondo Tel Aviv nelle sei ore di tregua unilaterale Hamas da Gaza ha sparato 47 razzi. Iron Dome, lo scudo che protegge Israele ha continuato a funzionare, ma il bilancio dei morti nella Striscia è salito a 194 morti (tra cui, per l’Unicef, 31 bambini) e 1.400 feriti.

«ISRAELE VADA SINO IN FONDO». Il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman ha chiuso, almeno a parole, all’ipotesi di un’altra tregua: «Israele vada fino in fondo. Dobbiamo mettere termine alla operazione quando il nostro esercito avrà controllato la striscia di Gaza» ha ammonito. Il premier Benjamin Netanyahu ha fatto seguito a questa linea, ordinando di «agire con forza contro obiettivi terroristici».

L’APPELLO DI ABU MAZEN. Le Brigate al-Qassam avevano respinto la proposta avanzata dall’Egitto, con l’avallo di tutta la Lega Araba, dichiarando che «Se il contenuto di questa proposta è quel che sembra, si tratterebbe di una resa e noi la rigettiamo senza appello». Tra le richieste di Israele c’era lo smantellamento dell’arsenale missilistico di Hamas e dei corridoi sotterranei della Striscia, tra quelle di Hamas il denaro per il pagamento di 40mila dipendenti, l’apertura del valico di Rafah tra la Striscia e l’Egitto e la liberazione dei 56 operativi del movimento islamico arrestati da Israele. A favore della tregua, dopo il no delle Brigate e di Hamas, si era espresso stamattina anche il leader dell’Anp, Abu Mazen che ha lanciato un appello «a tutte le parti per risparmiare ulteriori vittime al popolo palestinese nel supremo interesse nazionale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana