Google+

Israele-Gaza, altre 9 vittime negli ultimi raid

luglio 11, 2014 Chiara Rizzo

Sale a 95 morti e 600 feriti in quattro giorni il bilancio degli scontri: Iron Dome solo nelle ultime 24 ore ha intercettato 550 razzi sparati da Hamas

Soldati e tank israeliani disposti al confine con Gaza

Stamattina alle 9 ora italiana l’ultimo raid israeliano: una bomba da mezza tonnellata ha demolito a Gaza City la casa di un comandante di Hamas, Abas Abu-al Kassum, miliziano jihadista. Il bilancio del quarto giorno di scontri è di 95 morti e 600 feriti da martedì. Tra le sei vittime di stamane, anche una donna che abitava in una palazzina a Rafah, centrata dal fuoco israeliano. Anche dalla Striscia è continuato il lancio incessante di razzi, oggi gli ultimi nove contro il centro di Ashdodmentre: il sistema antirazzi israeliano Iron Dome ha intercettato nelle ultime 24 ore però complessivamente 200 razzi: in Israele non ci sono per il momento – fortunatamente – altre vittime, e il portavoce del ministero della Difesa ha a sua volta quantificato in 550 i razzi sparati da Hamas a partire da martedì verso centri abitati.

«HAMAS PRONTO A COMBATTERE». Ieri era stato Netanyahu, il premier israeliano, il primo a sottolineare che «Una tregua non è in agenda». Stamattina è arrivata la risposta di Mahmu a-Zahar, dirigente di Hamas, che ad un’emittente di Gaza ha ribadito che anche «Hamas è pronto a combattere per mesi». Gli ammonimenti della comunità internazionale a interrompere subito l’escalation sono per il momento caduti nel vuoto.

LE DIPLOMAZIE INTERNAZIONALI. Eppure ieri il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha ribadito la richiesta di uno stop all’escalation, e dato la disponibilità degli Usa a mediare. Il consiglio di sicurezza dell’Onu ieri pomeriggio è stato convocato d’emergenza a porte chiuse, e il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-Moon ha definito «intollerabile l’eccessivo uso della forza da parte di Israele» pur condannando allo stesso tempo il lancio dei razzi da Gaza. Ban Ki-Moon ha riferito di aver parlato sia con il premier Netanyahu che con il presidente palestinese Abu Mazen, a cui ha chiesto «massima calma per evitare il rischio di un ulteriore escalation». Ma ieri nelle stesse ore i tank israeliani hanno cominciato a raggiungere il confine con la Striscia di Gaza, per ribadire nei fatti quanto minacciato dal presidente israeliano Shimon Peres: «L’attacco di terra ci sarà se i razzi non cesseranno».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download