Google+

Israele dice sì al cessate il fuoco. Hamas respinge la proposta

luglio 15, 2014 Chiara Rizzo

Dopo 7 giorni di raid, il bilancio delle vittime sale a 194 morti (tra cui, secondo l’Unicef, 31 bambini) e 1.400 feriti. Ieri il Cairo ha proposto uno stop a partire dalle 8 di oggi, mentre Tel Aviv ha detto sì, Gaza fa sapere: «Si tratta si una resa, e la rifiutiamo senza appello»

Hamas e il suo braccio armato, le Brigate al-Qassam, hanno respinto la proposta egiziana di cessate il fuoco, nello scontro tra Gaza e Israele. La proprosta è arrivata ieri in serata, dopo che dal tramonto si è riunita la Lega araba, che ha avallato il cessate il fuoco chiesto dal Cairo, che dovrebbe partire dalle 8 ora italiana di oggi, con la disponibilità ad accogliere entro 48 ore delegazioni rappresentanti Israele e palestinesi. Su pressione anche degli Stati Uniti (anche Obama ha avallato la proposta egiziana), Israele ha deciso di accettare la proposta.

IL NO DI HAMAS. Proprio mentre il governo di Tel Aviv ha dato la sua disponibilità, sull’altro fronte le Brigate al-Qassam per prime hanno rilasciato un durissimo comunicato: “Se il contenuto di questa proposta di tregua è quello che sembra, si tratta di una resa e noi la rifiutiamo senza appello. La nostra battaglia contro il nemico si intensificherà”. Poco dopo Sami Abu Zuhri, alto esponente di Hamas, ha confermato che anche dal “fronte” politico la proposta viene rifiutata, in barba all’impegno della Lega araba: la tregua per Zuhri «non è accettabile».

31 BAMBINI UCCISI. Dopo sette giorni di raid israeliani, il bilancio in termini di perdite umane è altissimo: 194 morti, 1400 feriti. Inoltre ieri i miliziani palestinesi hanno continuato a lanciare razzi contro Israele, creando panico diffuso sia a Gerusalemme che a Tel Aviv. L’Unicef ieri ha diffuso i dati sulle vittime minorenni: sono 33 i bambini morti a Gaza. “Nessun bambino dovrebbe soffrire l’impatto terrificante di una simile violenza. Le ostilità in corso producono danni all’infanzia, sia sul piano fisico che psicologico, e hanno conseguenze allarmanti per le future possibilità di pace, stabilità e dialogo”.

I NODI DI UN POSSIBILE DIALOGO. La diplomazia continua incessantemente a lavorare però per arrivare alla fine delle ostilità. Stamattina giungono al Cairo il segretario di Stato Usa John Kerry e il ministro italiano degli Esteri Federica Mogherini, che ora ricopre la carica di presidente di turno dell’Ue. Già da ieri è nell’area anche il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier. Il piano egiziano prevederebbe come punto di partenza per un accordo sul cessate il fuoco il precedente accordo raggiunto nel novembre 2012, grazie alla mediazione egiziana. Israele da parte sua chiederebbe ad Hamas di consegnare tutte le riserve di razzi a sua disposizione e di smantellare tutti i tunnel tra la Striscia e Israele. Dal canto suo Hamas chiederebbe la liberazione di 56 operativi arrestati tra Israele e Cisgiordania, dopo il rapimento dei tre ragazzi ebrei (la cui uccisione ha scatenato quest’ultima settimana di conflitto) Hamas chiederebbe inoltre la riapertura del valico di Rafah, tra la Striscia e l’Egitto, e il denaro per pagare 40mila propri impiegati a Gaza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana