Google+

Isis taglia gli stipendi: «50 dollari a testa al mese, 50 per ogni schiava sessuale»

aprile 29, 2016 Leone Grotti

Il tariffario è stato rinvenuto, e poi analizzato da esperti, nelle città riconquistate all’Isis. Ai combattenti viene anche chiesto di tagliare l’elettricità e l’uso delle “auto blu”

islam-stato-islamico-donne-schiave-catene

Lo Stato islamico ha tagliato le paghe ai suoi combattenti di circa il 50 per cento, a causa di una crisi di liquidità. È quanto risulta da alcuni documenti con il marchio del Califfato trovati in diverse città riconquistate dall’esercito di Assad o dai ribelli in Siria. I documenti sono stati analizzati dalla Cnn.

«50 DOLLARI PER LE SCHIAVE». Risulta che oggi un combattente guadagna in media «50 dollari al mese». Ci sono poi gli “assegni familiari”: «Cinquanta dollari aggiuntivi per ogni moglie, 35 per ogni bambino, 50 per ogni schiava sessuale, 35 per ogni bambino avuto da una schiava sessuale, 50 per ogni parente a carico e 35 per ogni altra persona a carico».

TAGLI ALLE “AUTO BLU”. Altre direttive dell’Isis richiedono ai combattenti di tagliare il consumo di elettricità e di non utilizzare più le “auto blu” del califfato per scopi personali. Secondo l’esperto Aymenn al-Tamimi, ricercatore sul jihad del think tank Middle East Forum, «il taglio dei benefit dimostra che l’Isis è nel mezzo di una crisi finanziaria».

«AUMENTANO LE DISERZIONI». A venire meno sono anche le truppe. Secondo il generale maggiore americano Peter Gersten, che guida l’offensiva aerea della coalizione anti-Isis, «le diserzioni aumentano, il morale è basso. Non riescono più a pagare e tanti cercano di abbandonare il Califfato». Se l’anno scorso i foreign fighters che raggiungevano l’Isis erano circa 2.000 al mese, ora il numero è sceso a 200. Molti di questi, poi, cercano di evitare il campo di battaglia «facendosi fare dai medici falsi certificati di malattia», prosegue al-Tamimi, che ne ha analizzati moltissimi.

BOMBARDAMENTI. La crisi dell’Isis non dipende solo dalla perdita di importanti città e territori, ma anche dai bombardamenti occidentali che finalmente mirano alla distruzione delle infrastrutture petrolifere jihadiste. Secondo il generale Gersten, i proventi del Califfato sono diminuiti di almeno 300 milioni di dollari, forse addirittura 800 milioni.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Rolli Susanna scrive:

    C’è crisi…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana