Google+

Isis taglia gli stipendi: «50 dollari a testa al mese, 50 per ogni schiava sessuale»

aprile 29, 2016 Leone Grotti

Il tariffario è stato rinvenuto, e poi analizzato da esperti, nelle città riconquistate all’Isis. Ai combattenti viene anche chiesto di tagliare l’elettricità e l’uso delle “auto blu”

islam-stato-islamico-donne-schiave-catene

Lo Stato islamico ha tagliato le paghe ai suoi combattenti di circa il 50 per cento, a causa di una crisi di liquidità. È quanto risulta da alcuni documenti con il marchio del Califfato trovati in diverse città riconquistate dall’esercito di Assad o dai ribelli in Siria. I documenti sono stati analizzati dalla Cnn.

«50 DOLLARI PER LE SCHIAVE». Risulta che oggi un combattente guadagna in media «50 dollari al mese». Ci sono poi gli “assegni familiari”: «Cinquanta dollari aggiuntivi per ogni moglie, 35 per ogni bambino, 50 per ogni schiava sessuale, 35 per ogni bambino avuto da una schiava sessuale, 50 per ogni parente a carico e 35 per ogni altra persona a carico».

TAGLI ALLE “AUTO BLU”. Altre direttive dell’Isis richiedono ai combattenti di tagliare il consumo di elettricità e di non utilizzare più le “auto blu” del califfato per scopi personali. Secondo l’esperto Aymenn al-Tamimi, ricercatore sul jihad del think tank Middle East Forum, «il taglio dei benefit dimostra che l’Isis è nel mezzo di una crisi finanziaria».

«AUMENTANO LE DISERZIONI». A venire meno sono anche le truppe. Secondo il generale maggiore americano Peter Gersten, che guida l’offensiva aerea della coalizione anti-Isis, «le diserzioni aumentano, il morale è basso. Non riescono più a pagare e tanti cercano di abbandonare il Califfato». Se l’anno scorso i foreign fighters che raggiungevano l’Isis erano circa 2.000 al mese, ora il numero è sceso a 200. Molti di questi, poi, cercano di evitare il campo di battaglia «facendosi fare dai medici falsi certificati di malattia», prosegue al-Tamimi, che ne ha analizzati moltissimi.

BOMBARDAMENTI. La crisi dell’Isis non dipende solo dalla perdita di importanti città e territori, ma anche dai bombardamenti occidentali che finalmente mirano alla distruzione delle infrastrutture petrolifere jihadiste. Secondo il generale Gersten, i proventi del Califfato sono diminuiti di almeno 300 milioni di dollari, forse addirittura 800 milioni.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Rolli Susanna says:

    C’è crisi…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi