Google+

Isee. Ecco come entrano nel calcolo le case di proprietà e la giacenza media dei conti

settembre 22, 2015 Massimiliano Casto

Nuove regole sul valore del patrimonio immobiliare da dichiarare per il rilascio dell’indicatore. Il nostro esperto tributarista spiega come compilare la Dsu

immobile-proprieta-shutterstock_115623811Massimiliano Casto, autore di questo articolo, è Tributarista e Consulente del Lavoro. Chi avesse interrogativi particolari o volesse sottoporre domande su questioni riguardanti la fiscalità può scrivere a studiocasto@virgilio.it, specificando nell’oggetto: “Fisco semplice”. Altri quesiti li potete trovare qui.

Quesito

Per compilare l’Isee devo dichiarare la proprietà intera della casa di mia moglie. Specifico che nel 1979 è stato fatta la separazione dei beni e nel 1999 il fondo patrimoniale. Perché devo dichiarare ancora proprietà non mie? Grazie per la cortese risposta.

Risposta

Il modello Isee, come ben noto, è uno strumento per ottenere benefici ed esoneri nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, tasse universitarie, agevolazioni per utenze, eccetera.

Da gennaio 2015 ci sono state novità nelle procedure di rilascio dell’Isee e nei dati da inserire nella procedura di elaborazione. Novità anche nella consistenza del patrimonio mobiliare da inserire nel modello Dsu che non deve essere più valutata al 31/12 dell’anno precedente ma con un valore rappresentativo dell’intero anno. Questo nuovo sistema di Isee è stato introdotto per assicurare maggiore equità ed evitare manovre elusive, con l’inserimento del valore della giacenza media del patrimonio mobiliare cioè una media ponderata della giacenza annua.

Per calcolare la giacenza media del conto corrente è necessario analizzare gli estratti conto e moltiplicare le singole giacenze per i giorni in cui sono rimaste immutate. La somma dei prodotti così ottenuti deve essere divisa per 365 e il calcolo si annuncia piuttosto complicato nel caso in cui il conto corrente abbia subìto molte movimentazioni. Nel caso in cui la consistenza al 31/12 sia superiore rispetto alla giacenza media, nella Dsu deve essere inserita la consistenza a fine anno, mentre nel caso contrario è necessario inserire la giacenza media, a meno che la diminuzione patrimoniale non derivi dall’acquisto di un immobile. È prevista una franchigia di 6.000 euro sull’ammontare del conto corrente, elevata in presenza di nuclei familiari composti da più persone.

A partire da quest’anno gli immobili verranno dichiarati utilizzando come valore la base imponibile ai fini Imu, che si ricava moltiplicando per 168 il valore della rendita catastale. Nel caso in cui l’immobile sia gravato da mutuo, il valore da dichiarare è pari al valore d’acquisto meno il debito ancora in atto nei confronti della banca. Nel caso dell’abitazione principale, il valore dell’immobile, che eccede l’eventuale debito con la banca, deve essere ulteriormente ridotto di 52.500 euro (valore elevato in presenza di nuclei familiari composti da più persone).

Il 20 per cento del patrimonio dichiarato (valore al netto delle franchigie) deve essere sommato ai redditi (al netto delle detrazioni) per ottenere l’Ise, che verrà diviso per un coefficiente variabile a seconda della composizione del nucleo familiare, per ottenere l’Isee.

Il nostro lettore dovrà indicare l’intera quota di proprietà dell’immobile della moglie, purché essa sia presente nello stesso nucleo familiare di residenza e anche se esiste una separazione dei beni. Inoltre anche se sui beni immobili sia stato contratto un fondo patrimoniale, con atto notarile, non è rilevante ai fini del calcolo Isee.

I dati forniti dal nucleo familiare nella Dsu verranno integrati con i dati a disposizione nell’anagrafe tributaria, che effettuerà controlli sulla consistenza patrimoniale dichiarata.

Foto documenti da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. bvzpao scrive:

    un chiarimento: valore imponibile ai fini IMU e valore di acquisto sono sempre diversi, di molto.
    ISEE parla del primo, non del secondo. Perciò il valore dichiarato degli immobili sarà dato dalla differenza tra il valore catastale (rendita x 168) e debito residuo. E poi di decurta la franchigia di 52500 euro.

    Se si usasse il valore di acquisto si farebbero troppe gravi differenze, ci vorrebbe, ovviamente, un catasto aggiornato che non avesse bisogno di nessun moltiplicatore!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download