Google+

Ischia, terremoto. Boschi «Morti e danni dovuti alla mancanza di prevenzione»

agosto 22, 2017 Francesca Parodi

«Dobbiamo aspettarci altre scosse. La protezione civile funziona. Quello che manca è la messa in sicurezza degli edifici». Intervista all’ex presidente dell’Ingv, Enzo Boschi

terremoto-ischia-ansa

Enzo Boschi, ex presidente dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), è stato il primo ad accorgersi che le iniziali notizie sul terremoto che ha colpito l’isola di Ischia alle 21 di lunedì non quadravano: «Stavo guardando in televisione la diretta del telegiornale e ho visto case e palazzi crollati, cumuli enormi di macerie. Risulta che ci siano due morti e 39 feriti. Si è subito parlato di un terremoto di magnitudo 3.6, ma era evidente che si trattava di una sottovalutazione» racconta l’esperto a tempi.it. Non appena viste le immagini, Boschi ha subito scritto su Twitter la sua opinione, sostenendo che anche la profondità andasse verificata. In effetti, il sisma è stato poi classificato con magnitudo 4.0 e la profondità dell’epicentro è scesa a soli 5 km (mentre inizialmente si riteneva di 10 km). Come spiegato dal Corriere della Sera, il precedente valore di 3.6 rilevato dall’Ingv si riferiva alla magnitudo locale (ML), mentre il nuovo valore, modificato dopo mezzanotte, si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell’evento (MD). Le iniziali informazioni sulla magnitudo e sulla profondità, ha spiegato il nuovo presidente Carlo Doglioni, si basano su dati elaborati in automatico dal sistema informatico, ma servono poi delle analisi più approfondite per arrivare a quantificazioni precise.

PREVENZIONE E SCOSSE. «Il problema è che in Italia non si fa mai la prevenzione necessaria, quindi risulta poi normale che anche un terremoto non particolarmente forte provochi tutti questi danni» spiega Boschi. Ora dovremo aspettarci nuove scosse di assestamento, anche più forti, e pertanto, sostiene l’ex presidente, bisognerà adottare tutte le misure di sicurezza per mettere al riparo abitanti e turisti. «L’Italia, lo sappiamo, è molto sismica e diverse zone hanno le stesse caratteristiche: una prima scossa seguita a catena da altre di uguale o maggior intensità. Ma questo ormai dovrebbe essere una cognizione acquisita, è sempre stato così anche in passato, in Friuli e in Emilia nel 2012, in Irpinia nel 1980, a Belice nel 1968 e via dicendo».

SICUREZZA. Per far fronte a questa prospettiva, di cui è necessario prendere atto, è urgente far partire i programmi di prevenzione. «La protezione civile funziona molto bene, ha agito con prontezza, è informato su tutti i pericoli del caso e sa come affrontarli. Quello che ancora ci manca è la messa in sicurezza degli edifici. Le vittime causate dai terremoti sono dovute solo al crollo degli edifici, perché questi vengono costruiti su terreni instabili e senza le dovute modalità antisismiche. Il risultato è che, oltre ai danni e ai morti, ne risentirà anche l’economia del posto: Ischia, come altre altre località italiane, vive soprattutto di turismo, ma la mancanza di forme di sicurezze rischia di far perdere l’attrattività del posto».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Anche i nobili, alle volte, sentono il bisogno di rinnovarsi. Si aggiorna così la Range Rover Sport, una delle SUV più blasonate e raffinate al mondo. A quattro anni dall’unveiling avvenuto al Salone di New York, la sport utility britannica beneficia di un profondo facelift estetico e di sostanza. Al punto da portare al debutto […]

L'articolo Range Rover Sport 2018: prima in tutto proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download