Google+

Ischia, Bertolaso: «Se costruisci un castello di carte, basta una scossa per farlo venire giù»

agosto 23, 2017 Francesca Parodi

«In nessun altro paese civilizzato e industrializzato un terremoto di questa intensità avrebbe provocato vittime e danni». Intervista all’ex capo della Protezione civile

terremoto ischia ansa

Davanti alle tragiche conseguenze del terremoto di lunedì 21 agosto a Ischia, gli esperti hanno fatto notare che i danni provocati erano eccessivi in rapporto all’intensità del sisma. La causa è la scarsa qualità dei materiali e delle tecniche con cui sono stati costruiti gli edifici. «Se costruisci un castello di carte è chiaro che basta la minima scossa per farlo venire giù. Le case a Ischia non rispettavano alcuna misura di sicurezza e il 50 per cento degli edifici erano abusivi» dice a tempi.it Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile. In effetti, secondo un rapporto del 2017 di Legambiente, la Campania è la prima regione della classifica in materia di abusivismo costiero e l’isola di Ischia è tra le quattro località con i peggiori e più numerosi abusi edilizi d’Italia. «Questo episodio ci deve ricoprire di vergogna davanti al mondo. In nessun altro paese civilizzato e industrializzato un terremoto di questa intensità avrebbe provocato le vittime e i danni che ha causato a Ischia».

FERMI ALLA CHIACCHIERE. L’Italia, si è sempre detto, è un paese ad alto rischio sismico, soprattutto nelle regioni centrali, per questo le misure di prevenzione e messa in sicurezza degli edifici dovrebbero essere una prassi obbligata e consolidata. Eppure, nonostante i numerosi terremoti che hanno costellato la storia del paese mietendo vittime e e provocando ingenti danni, sembra che l’Italia sia ancora lontana dall’adozione di queste misure. «Finora ci sono state solo dichiarazioni roboanti da parte dei politici, ma nessuna azione concreta. Bisognerebbe brindare se Palazzo Chigi stanziasse davvero dei fondi per la prevenzione ai terremoti, ma finora non si è visto nemmeno l’ombra di un finanziamento» dichiara Bertolaso. «In Italia è sempre stato così: dopo ogni tragedia, solo vuote promesse. C’è da scommettere che disastri del genere e conseguenti inutili dichiarazioni d’intenti si ripeteranno ancora». Bertolaso ritiene che ad oggi non si sia registrato il minimo progresso in fatto di prevenzione, nonostante le occasioni non siano mancate. «Se avessimo cominciato a mettere in sicurezza le varie località a rischio dopo il terremoto dell’Umbria e delle Marche o il sisma dell’Aquila, adesso saremmo qualche passo avanti, invece siamo sempre fermi alle chiacchiere».

EMERGENZA. Il risultato è che a risentirne sarà soprattutto l’economia dell’isola come conseguenza di una prevedibile caduta del flusso turistico. «Ischia sarà al collasso. La decisione di ignorare il problema, nonostante i numerosi segnali d’allarme, porta all’aumento di vittime e a ripercussioni economiche che non toccano solo gli abitanti di Ischia ma l’intero paese». A pagare quindi sarà l’intera comunità, anche per la ricostruzione degli edifici crollati. «Siamo davanti a uno dei più urgenti problemi nazionali, la messa in sicurezza dell’Italia, ma presto tutti torneranno ad anteporre altre priorità».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piccole, economiche ma capaci di grandi cose, le nuove moto dedicate ai patentati A2 possono piacere anche al motociclista navigato. Abbiamo confrontato tre naked di questa categoria.

L'articolo Confronto: KTM 390 Duke, Honda CB 500 F e BMW G 310 R proviene da RED Live.

Piccole ma capaci di grandi cose, le nuove moto dedicate ai patentati A2 possono piacere anche al motociclista navigato. Qui la prova della BMW G 310 R.

L'articolo BMW G 310 R proviene da RED Live.

In Svezia ci hanno preso gusto. Dopo aver fatto registrare il nuovo record sullo 0-400-0 km/h, strappato alla Bugatti Chiron, il costruttore nordico si è spinto oltre, conquistando con la hypercar Koenigsegg Agera RS il primato di vettura di serie più veloce del pianeta con 468 km/h. La Hennessey Venom GT si “ferma” a 435 km/h Nel […]

L'articolo Koenigsegg Agera RS è l’auto più veloce del mondo proviene da RED Live.

Grazie alla collaborazione di Garage Italia Custom Volkswagen propone due serie speciali della T-Roc. Chiamate Black e Cyber, saranno realizzate in 50 esemplari ciascuna e vendute attraverso Amazon

L'articolo Black e Cyber, la Volkswagen T-Roc di Lapo proviene da RED Live.

Le vetture elettriche sono considerate il futuro dell’automobile, ma non hanno ancora riscosso il successo auspicato. Ecco i migliori modelli a zero emissioni, suddivisi per fasce di prezzo.

L'articolo Le migliori auto elettriche proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download