Google+

The Iron Lady, gli inglesi del nord boicottano la pellicola: «La Thatcher ci rovinò la vita»

gennaio 13, 2012 Paola D'Antuono

Nel primo weekend di programmazione il film con Meryl Streep, The Iron Lady, guadagna il terzo posto al box office. Ma una parte degli inglesi ha deciso di boicottare la pellicola: «Nell’84 la signora Thatcher represse ferocemente gli scioperi dei minatori per fermare la chiusura delle miniere. Non abbiamo alcuna intenzione di guardare una pellicola dedicata a quella donna»

In Italia arriverà il prossimo 27 gennaio The Iron Lady, biopic dedicato a Margaret Thatcher e interpretato da una Meryl Streep in odore di Oscar. La pellicola diretta da Phyllida Lloyd è stata proiettata lo scorso weekend in Inghilterra, patria della Lady di ferro che qui fu primo ministro dal 1979 al 1990. Nei primi tre giorni di programmazione ha incassato 2,2 milioni di sterline, piazzandosi al terzo posto dietro Mission: Impossible e Sherlock Holmes – Gioco di ombre.

Un risultato ottimo, ma fortemente penalizzato da una parte dell’Inghilterra che ha deciso di boicottare il film. La parte nord del paese, infatti, dove sono concentrate diverse comunità di ex minatori, non ha mai dimenticato la lotta che il Primo ministro inglese condusse nel 1984 contro i sindacati dei minatori che si opponevano alla chiusura delle miniere organizzando scioperi a oltranza. La Thatcher non esitò a usare il pugno di ferro con una forte azione repressiva della polizia inglese. Oggi le famiglie di quei minatori non hanno alcuna intenzione di spendere una sterlina per ammirare la Streep nei panni dell’ex premier, come ha spiegato alla stampa Hilary Cave, ex membro del sindacato dei minatori: «Il governo guidato dalla Thatcher è stato responsabile della disoccupazione di massa, della povertà e della perdita di coesione della comunità intorno alle vecchie miniere. Il suo governo ha voluto la mano pesante contro i minatori. Siamo contrari al ritratto della Thatcher promosso dal film, che la mostra come una donna coraggiosa in lotta contro un potere maschile, quasi un’eroina del femminismo. È tutto falso. Lei disprezzava l’Inghilterra, la Scozia, il Galles e ha distrutto l’industria mineraria. Non era una donna coraggiosa che affronta un’elite di uomini, ma un uomo che non ha fatto nulla per le donne».
 

Intanto su Facebook ogni giorno nascono e proliferano gruppi che chiedono agli spettatori di boicottare il film, mentre nella cittadina di Chesterfield alcune donne coinvolte negli scioperi dell’84 hanno protestato davanti alla multisala dove si sta trasmettendo il film al grido di: “Siamo noi le vere Lady di ferro” (hanno fondato anche un gruppo intitolato così). Così, mentre a Londra e nell’Inghilterra del sud in tantissimi hanno riempito i cinema per godersi la straordinaria performance della Streep, al nord la gente non ne vuole proprio sapere e dal primo all’ultimo giurano che non metterano piede in sala fino a che il film non avrà lasciato la città. Il postino Myles Boothman di Selby non dimentica: «Ho lasciato la scuola negli anni ’80 e ricordo bene l’Inghilterra della Thatcher. Ha distrutto tutto ciò che ha toccato. Ora è una vecchia donna sola». Chissà se la sedici volte candidata all’Oscar starà pensando «Ma chi me l’ha fatto fare!». 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    POVERA MERYL STREEP!CON TANTE ATTRICI AL MONDO PENSERA’ VERAMENTE A CHI GLIELO HA FATTO FARE AD INTERPRETARE LA BELLICOSA THATCHER.CONGRATULAZIONI E RICHIESTE D’AUTOGRAFI A LONDRA E DINTORNI, INVETTIVE E LANCI D’ORTAGGI NEL GALLES, IN SCOZIA E NELLA ZONA DI NEWCASTLE.TEMPI DURI ANCHE PER LE DIVE DEL CINEMA!GRAZIE A PAOLA D’ANTUONO PER SIMPATICO ARTICOLO.

  2. Francesca Padovese scrive:

    Eh già poverina … con questa interpretazione ha vinto solo 1 BAFTA (British Academy of Film and Television Art 2012), 1 Golden Globes il premio del New York Film Critics Circle Awards e l’Oscar 2012 … proprio poverina!

    Credo che qualche lancio d’ortaggi e qualche invettive si possa sopportare per tutto ciò!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana