Google+

Iraq. Sotloff dopo Foley, ma Obama non sa che fare. Vaticano: comunità internazionale ha la «responsabilità della protezione»

settembre 3, 2014 Redazione

Due diverse fazioni si contrastano nell’amministrazione Obama. Continua la persecuzione anticiristiana. Monsignor Tomasi: i responsabili «di questi crimini contro l’umanità devono essere puniti con determinazione»

Dopo James Foley, i jihadisti dello Stato islamico (Is) hanno decapitato anche Steven Sotloff, giornalista americano, rapito l’anno scorso in Siria. Nel secondo “Messaggio all’America”, il boia (che pare essere lo stesso del precedente video), minaccia ancora il presidente Barack Obama, gli intima di ritirarsi dall’Iraq, minaccia di uccidere un altro ostaggio: il britannico Cawthorne Haines.

OBAMA TENTENNA. La Casa Bianca è oggettivamente in difficoltà. Di qualche giorno fa è la gaffe del presidente che si è lasciato sfuggire di «non avere una strategia» in Iraq. Oggi sul Corriere della Sera Guido Olimpio spiega bene il dilemma dell’amministrazione Usa. Da un lato, si teme che un intervento armato importante sia esattamente quel che voglia Abu Bakr al Baghdadi, il leader dell’Is. Dall’altro, una posizione attendista e tentennante rischia di lasciare campo libero ai jihadisti fino alle più imprevedibili e tragiche conseguenze. D’altronde, nota Olimpio, i bombardamenti usa nella zona di Mosul hanno funzionato, «perché non ampliarli?».
Attorno a Obama vi sono due opposte fazioni: da un lato il Dipartimento di Stato, parte dell’intelligence e del Pentagono che hanno «chiesto di intensificare le operazioni aeree dall’Iraq alla Siria accrescendo anche i legami con gli insorti siriani “buoni”». Dall’altro, «i consiglieri della Sicurezza nazionale, qualche generale e una “fazione” di 007. Questo partito è contrario a impelagarsi in altro conflitto, è convinto che la sola risposta militare sia controproducente e non si fida dei ribelli siriani. Scetticismo appaiato ai dubbi, espressi anche da Obama, sugli alleati regionali. Molti sono bugiardi, ambigui, con una doppia agenda che spesso finisce per fare il gioco del nemico».
Un problema non indifferente, scrive il Corriere, è che le informazioni in possesso dell’amministrazione sono precarie e contraddittorie. «In questa guerra i nemici sono lì, si mostrano in video, postano foto su Internet, ma quando vogliono diventano fantasmi».

LA CHIESA: PUNIRE I RESPONSABILI. Ieri è giunta notizia anche di un’altra uccisione da parte dei terroristi islamisti. Si tratta del cristiano Salem Matti Kourki, torturato fino alla morte perché ha rifiutato di abiurare (qui la sua storia). Sulla terribile situazione dei cristiani, ieri, monsignor Silvano Maria Tomasi, Osservatore permanente della Santa Sede presso l’ufficio delle Nazioni Unite di Ginevra, ha ribadito a Radio Vaticana che «si è conclusa qui a Ginevra la sessione speciale del Consiglio dei diritti umani sull’Iraq, per consenso è stata approvata una risoluzione che chiede che sia inviata una missione di investigazione in Iraq per documentare le violenze fatte, in modo da poter portare in tribunale i colpevoli e non accettare l’impunità che potrebbe poi favorire altri gruppi a commettere le stesse atrocità».
Il Foglio racconta che lunedì lo stesso Tomasi ha illustrato in otto punti la linea del Vaticano davanti al Consiglio dei diritti umani. Il diplomatico della Santa Sede ha ricordato che in Iraq «le persone vengono decapitate a causa della loro fede, le donne sono violentate senza pietà e vendute come schiave al mercato, i bambini sono costretti a combattere, i prigionieri massacrati in barba a ogni legge». Tutto ciò chiama la comunità internazionale alla «responsabilità della protezione» «nell’ambito del diritto internazionale e del diritto umanitario». I responsabili «di questi crimini contro l’umanità devono essere puniti con determinazione. Non deve essere loro concesso di agire impunemente, con il rischio che le atrocità commesse dal cosiddetto Stato islamico possano ripetersi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Cisco scrive:

    La titubanza di Europa e USA conferma che più che di scontro di civiltà si dovrebbe parlare di guerra di “religione” (ammesso che la barbarie islamista possa essere catalogata come tale). Perché, infatti, un paese di tradizione protestante con il presidente più anticristiano della storia come gli USA dovrebbe intervenire? Soprattutto ora che ha raggiunto l’indipendenza energetica? E l’atea Europa, che ha rinnegato le proprie radici cristiane, perché dovrebbe sentirsi chiamata in causa? Infatti sono solo gli jihadisti che abitano da noi che vanno a combattere. Temo che non ci sarà mai ma Norimberga per questi criminali.

  2. francesco taddei scrive:

    ecco gli effetti dell’esportazione della democrazia in Medioriente e Nordafrica. e poi non vogliono farsi carico degli immigrati che vengono, tanto c’è il ventre molle coi suoi preti.

  3. Ale scrive:

    Dobbiamo sforzarci di non catalogare tutti i musulmani come favorevoli alla jihad ma al tempo stesso e’ necessaria una netta presa di posizione di Tutti gli Imam Europei contro la jihad e contro l’ IS ( stato islamico) del nuovo Califfato. Comunque questi pazzi non uccidono soltanto i cristiani ma anche i musulmani moderati . Infine bisogna fare un distinguo tra sunniti e sciiti. Invocare la guerra ed interventi armati potrebbe essere pericoloso. Come lo e’ un intervento in Ucraina. Obama fa presto ad invocare interventi armati in Ucraina ma noi Europei dobbiamo opporci perché avere una guerra in casa, in un momento tanto delicato come questo, non è opportuno.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana