Google+

Iraq, l’appello di Scola: «La persecuzione dei cristiani deve scuotere tutti noi che crediamo troppo tiepidamente»

agosto 1, 2014 Redazione

Anche molti musulmani si sono pronunciati contro il califfato e le persecuzioni dei cristiani in Iraq. Dall’Indonesia è arrivata una condanna «senza appello»

«In troppi Paesi del mondo professare la fede in Gesù Cristo significa mettere a repentaglio la vita, quella della propria famiglia e condannarsi ad essere considerati cittadini di rango inferiore. Questa persecuzione, più feroce di quella subita dai cristiani nell’epoca apostolica, deve provocare e scuotere tutti noi che a Milano, in Italia e in Occidente crediamo troppo tiepidamente». Ha parlato così l’arcivescovo di Milano Angelo Scola in riferimento al «calvario» che stanno subendo i cristiani in Iraq «nell’indifferenza pressoché generale».

L’APPELLO DI SCOLA. Il cardinale Scola ha anche voluto fare un «appello a tutta la Chiesa ambrosiana e a tutte le donne e gli uomini di buona volontà affinché non manchi la preghiera incessante per la condizione drammatica di questi fratelli perseguitati. Ciascuno si impegni nell’aiuto concreto per i loro bisogni e alzi la propria voce presso le Istituzioni deputate affinché facciano quanto è in loro potere per intervenire a porre fine al calvario che da troppo tempo i cristiani stanno vivendo nella regione mediorientale».

LA CONDANNA DELL’INDONESIA. In difesa dei cristiani e contro le usurpazioni e i crimini dei terroristi islamici a Mosul, dove hanno creato un califfato, si sono levate anche alcune importanti voci del mondo musulmano. Le due maggiori organizzazioni islamiche dell’Indonesia, il paese musulmano più popoloso al mondo, hanno condannato «senza appello» le azioni dello Stato islamico. «Abbiamo bisogno di pace e di coesistenza armoniosa, non di un califfato. Il nostro insegnamento è chiaro: niente guerra fra di noi e con le altre religioni», hanno dichiarato i vertici dell’organizzazione Nahdlatul Ulama, che conta 70 milioni di membri, come riporta AsiaNews.

L’ERESIA JIHADISTA. In Italia Abd an-Nur Gabriele Iungo, analista politico e studioso presso l’Università islamica di Medina, ha detto in un’intervista ad Avvenire: «Dal punto di vista dottrinale, da parte dei sapienti musulmani la condanna di questo movimento è stata ferma e pressoché unanime, perfino tra coloro che sostengono l’eresia jihadista. (…) Per i musulmani iracheni l’Isil rappresenta un ennesimo drammatico episodio, nel contesto di una lunga agonia, simile a quelle che affliggono ad esempio Gaza». La «illegittima violenza», che ha colpito «tanto i propri avversari politici, quanto la minoranza cristiana e numerose guide sunnite “dissidenti”», insieme «all’incoerenza interna e l’assenza di una solida base dottrinale ne determineranno probabilmente un rapida, ulteriore disgregazione, nonostante catalizzi il disagio di molti e possa contare su ingenti finanziamenti internazionali».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. augusto scrive:

    Meno male che esiste ANCHE qualche Arcivescovo che si preoccupa dei nostri correligionari perseguitati e massacrati.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana