Google+

Iran e Medio Oriente. Scontro frontale tra Qatar e Arabia Saudita (e Trump)

maggio 26, 2017 Leone Grotti

Donald Trump ha appaltato ai paesi sunniti del Golfo la lotta all’Iran sciita e al terrorismo. Ma il piccolo Qatar fa scoppiare una «grave crisi politica»

GCC leaders arrive in Saudi ArabiaNel suo primo viaggio all’estero da presidente degli Stati Uniti, Donald Trump ha visitato l’Arabia Saudita, schierandosi con gli sceicchi e con tutto il mondo sunnita per contrastare l’Iran in Medio Oriente ed «eliminare il terrorismo». Ma il mondo sunnita in generale, e i paesi del Golfo in particolare, non sono così uniti come sembrano.

«IRAN GRANDE POTENZA». Martedì Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti hanno preso una decisione senza precedenti, oscurando in patria tutti i siti web del Qatar, compresa la potente emittente Al Jazeera. La mossa è stata dettata dai commenti scottanti e inusuali usciti sull’agenzia di stampa qatariota su Iran e Israele.
Secondo una notizia pubblicata dall’agenzia QNA, l’emiro sunnita del Qatar Al-Thani avrebbe definito l’Iran, potenza sciita più importante della regione e nemico numero uno dell’Arabia Saudita, «una grande potenza», descrivendola come fondamentale per mantenere la stabilità nel Medio Oriente. Il commento è stato visto subito come una critica nei confronti del discorso di Trump e della strategia saudita, visto che l’emiro avrebbe anche aggiunto che «non è saggio nutrire sentimenti di ostilità verso l’Iran, che è una grande potenza islamica».

GRAVE CRISI POLITICA. Al-Thani, sempre secondo l’agenzia ufficiale, avrebbe definito inoltre «buone» le relazioni tra il Qatar e Israele e descritto Hamas come «i rappresentanti ufficiali dei palestinesi». Altre frasi appoggiavano invece i miliziani sciiti libanesi di Hezbollah. Dopo essere uscita e aver creato un terremoto politico, la notizia è subito stata cancellata e il Qatar ha accusato non meglio precisati hacker di aver pubblicato la «fake news». Arabia Saudita ed Emirati hanno risposto oscurando i siti qatarioti, mentre il vice capo della polizia di Dubai (Emirati), Dhahi Khalfan Tamim, ha dichiarato: «Il Qatar che preferisce i Fratelli Musulmani e l’Iran all’Arabia Saudita, gli Emirati, il Kuwait e il Bahrain è una grave crisi politica».

FAIDA INTERNA. L’agenzia di Stato qatariota potrebbe davvero essere stata hackerata ma non c’è dubbio che critiche simili alle politiche degli altri paesi sunniti, Arabia Saudita in testa, si possono leggere ed ascoltare tutti i giorni su Al Jazeera. E non è certo la prima volta che i paesi del Golfo litigano tra loro. La stessa Qna ha subito puntato il dito contro «Arabia Saudita, Egitto, Emirati, Bahrain e Kuwait che cercano di minare la reputazione del Qatar». Non è questo il tipo di frasi che si rivolge ai propri alleati.

FRATELLI MUSULMANI. Già nel marzo del 2014 tutti questi paesi avevano per la prima volta ritirato i propri ambasciatori da Doha, accusando gli sceicchi di cercare di destabilizzare l’Egitto. In quell’occasione, i paesi sunniti lamentavano che l’alleato del Golfo sosteneva in Egitto i Fratelli Musulmani per destabilizzare il paese e far cadere il presidente Abdel Fattah al-Sisi (salito al potere con un colpo di Stato nel 2013, che ha deposto proprio il presidente espressione della Fratellanza, Mohamed Morsi). Il Qatar, era l’accusa, «sostiene chi minaccia la sicurezza e la stabilità dei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (Gcc) attraverso un lavoro diretto o con l’influenza politica». Tra le accuse c’era anche quella di appoggiare «media ostili».

RUOLO DI AL JAZEERA. Quest’ultima accusa era dovuta allo spazio che la tv satellitare Al Jazeera lascia ai sermoni incendiari del predicatore islamico Yusuf Al Qaradawi, che non perde occasione per criticare emiratini e sauditi per la loro decisione di scaricare la Fratellanza. I Fratelli Musulmani, messi al bando in Egitto come «organizzazione terroristica», sono mal visti anche dall’Arabia Saudita, che si sente minacciata dai loro tentativi di conquistare il potere nei paesi arabi.

Qatari Emir visits Saudi Arabia

TERRORISMO IN SIRIA. L’Egitto non è l’unico terreno di scontro tra i paesi del Golfo. Nonostante le monarchie sunnite cerchino di abbattere il regime dell’alawita (setta sciita) e alleato dell’Iran Bashar al-Assad, Arabia Saudita e Qatar hanno sostenuto sia l’Isis sia Al-Qaeda sia altre milizie in guerra tra loro. Doha ha puntato con forza sulla Coalizione nazionale siriana, dominata dai Fratelli Musulmani, mentre Riyad ha appoggiato politicamente, militarmente ed economicamente milizie salafite e islamiste riunite nel Fronte islamico.

MANTENERE IL POTERE. Il Qatar, paese piccolissimo e ricchissimo, ma senza una vera potenza militare, non agisce in modo opposto rispetto agli altri paesi del Golfo da oggi. Quando ha accettato di ospitare una base americana sul suolo patrio, lo ha fatto in chiave antisaudita, e se Al-Thani intrattiene ottimi rapporti con Iran e Hamas (che finanzia da anni) lo fa per non inimicarsi una grande potenza che dista solo 300 km dalle sue coste e non rischiare di perdere il potere. Con l’Iran, oltretutto, il Qatar condivide il giacimento marino di North Dome, sede di 1.800 milioni di miliardi di metri cubi di gas naturale. Il Qatar, insomma, deve sgomitare e fare il doppio gioco per non farsi inglobare dai paesi più grandi. Sia gli “amici” sunniti dell’Arabia Saudita, che i “nemici” sciiti dell’Iran.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana