Google+

Iran, condannata a 20 anni di carcere la donna inglese che ha scritto su Facebook: «È un paese troppo islamico»

giugno 4, 2014 Leone Grotti

Roya Saberi Negad Nobakht, donna con la doppia nazionalità iraniana-inglese, è stata condannata a 20 anni di carcere in Iran. Per il Times «è stata torturata, sta male e non essendo un’attivista è devastata»

iran-facebook-islamUna donna con la doppia nazionalità iraniana-inglese è stata condannata a 20 anni di carcere in Iran per aver pubblicato dei commenti offensivi nei confronti del regime islamico su Facebook. La donna, «che non è un’attivista», è «devastata, sta male e preferisce morire che rimanere 20 anni in prigione», ha scritto ieri il Times.

«IRAN TROPPO ISLAMICO». Roya Saberi Negad Nobakht è stata arrestata lo scorso autunno durante una visita a Shiraz ad alcuni membri della sua famiglia. È stata arrestata dalla polizia appena scesa dall’aereo accusata di aver insultato le «santità islamiche» e di essersi «scontrata con la sicurezza nazionale».
Nobakht avrebbe scritto su Facebook che «l’Iran è un paese troppo islamico» e ossessionato dalla sicurezza. 
Secondo il Times, «la donna è stata torturata e le condizioni di prigionia sono terribili».

CENSURA IN IRAN. La notizia era uscita a ottobre, quando il marito della donna, Daryoush Taghipoor, ha parlato dell’accaduto a un amico inglese. Questi ha quindi scritto a un parlamentare di Stockport, dove la coppia aveva vissuto. Il governo inglese non è però riuscito a fare niente per Nobakht.
In Iran Facebook, Google e Twitter sono vietati ed è possibile connettersi ai social network solo attraverso server illegali. La censura è all’ordine del giorno e la polizia controlla che per strada un rigido codice morale e di vestiario introdotto dagli ayatollah venga rispettato.

VIETATO ESSERE FELICI. A fine maggio, sei giovani iraniani sono stati arrestati per aver postato su Facebook, Instagram e Youtube un video intitolato “Happy in Teheran”, ballando sulle note della famosa canzone di Pharrell Williams “Happy”. I sei, ora rilasciati, sono stati accusati di aver realizzato un filmato «volgare», colpevole di «urtare la castità pubblica».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download