Google+

Iran. Al grido di «morte all’America», il Parlamento ostacola i colloqui sul nucleare

giugno 22, 2015 Redazione

I deputati hanno votato per proibire l’accesso agli inviati dell’Aiea ai siti militari e per impedire le interviste con gli scienziati, come previsto invece dagli accordi di aprile

Al grido di «Morte all’America», il Parlamento iraniano ha votato ieri per proibire l’accesso agli inviati dell’Aiea (Agenzia internazionale per l’energia atomica) ai siti militari e per impedire le interviste con gli scienziati. Se verrà ratificata, la legge complicherà molto i dialoghi sul nucleare tra l’Iran e il gruppo del 5+1 (Stati Uniti, Inghilterra, Francia, Russia, Cina e Germania), che dopo un primo accordo di massima raggiunto ad aprile, dovranno concludersi entro il 30 giugno.

CANCELLARE LE SANZIONI. La legge votata da 199 parlamentari su 213 chiede anche che un eventuale accordo preveda, il giorno dopo la stipula, la cancellazione di tutte le sanzioni contro Teheran. Ora tocca al Consiglio dei guardiani decidere se ratificarla o meno e ostacolare così i negoziati promossi dal presidente della Repubblica islamica Hassan Rohani.

MARCIA INDIETRO. Ad aprile, i negoziatori iraniani avevano garantito che gli ispettori internazionali avrebbero potuto avere accesso ai siti militari sotto stretta sorveglianza iraniana a particolari condizioni. L’obiettivo è verificare che Teheran mantenga davvero i patti e non arricchisca ulteriormente l’uranio per dotarsi di una bomba atomica. I negoziatori avevano anche acconsentito alle interviste degli scienziati nucleari iraniani, punto sul quale anche il leader supremo Ali Khamenei si era detto contrario.

LA RISPOSTA USA. Su questo punto, però, gli Stati Uniti non sembrano transigere. Il Dipartimento di Stato ha infatti rilasciato questo comunicato: «Tutte le parti sono consapevoli di ciò che è necessario per raggiungere un accordo finale, compresi accesso e trasparenza che rispettino la nostra linea di fondo. Altrimenti, non accetteremo alcun patto». Il limite per firmare l’accordo è il 30 giugno e nei prossimi giorni si capirà se l’Iran fa sul serio, cercando di mandare tutto all’aria, o se sta solo cercando di strappare condizioni più vantaggiose.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Ma ce ne vuole per far capire agli uomini che popolano la terra che siamo in un palla sospesa nel vuoto che gira perbene perbene, in una galassia tra le tante galassie che popolano lo spazio cosmico! Cioè metti che un bel dì al giramento di balle celeste non gli andasse di girare perbene per una frazione millesimo di secondo (?), sarebbe un bel guaio (un casino) per Iraniani ed Americani, con tutta la compagnia del sette e mezzo! Non temono nemmeno l’ingigantirsi del buco nero?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana