Google+

Io vorrei essere quel ragazzo Down. Non credo esista niente di più pienamente umano

dicembre 3, 2014 Renato Farina

Oggi è la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità. Una buona occasione per rileggere questo articolo e rivedere questo video

francia-lejeune-festa-papà-downOggi è la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità. Una buona occasione per rileggere un articolo già apparso su Tempi. Qui lo riproduciamo in parte. In fondo, invece, trovate  il video promosso dalla Fondazione Jérôme Lejeune in occasione della festa del papà in Francia. Lo scopo del filmato era «festeggiare» i 60 mila padri di bambini con la sindrome di Down che abitano in Francia e mostrare che «un bambino con la trisomia 21 è prima di tutto un bambino e un padre di un bambino con la trisomia 21 è prima di tutto un padre». Nel video, un bambino affetto dalla sindrome di Down ringrazia il suo papà perché «hai fatto un ottimo lavoro. Ti sei preso cura di me fin da quando ero piccolino», «hai fatto per me un sacco di cose», anche se non sempre perfette, giocando non riesci mai a trovarmi «anche se è facilissimo», ma voglio «diventare grande come te. Papà, volevo dirti: buona festa, papà». Slogan finale: «L’amore non tiene conto dei cromosomi».

Da qualche mese a questa parte sono spettatore di un fatto che meriterebbe un grande scrittore o un grande regista cinematografico. Un ragazzo ormai quasi quarantenne, con i segni inconfondibili della sindrome di Down, tiene al braccio l’anziana madre ammalata di Alzheimer. Attraversano il paese e vanno a Messa, sempre sulla stessa panca. Questo ragazzo – le persone con questa sindrome restano meravigliosamente ragazzi per sempre – sono stato abituato a vederlo nel negozio di questa famiglia, amato, coinvolto in tutte le attività, travolto da una dolcezza senza smancerie da tutti.

È da un bel po’ di anni che i casi della vita mi hanno portato lontano. Ed ora vedo questo miracolo. Quella donna non ha una badante, un’infermiera (o forse sì, non intendo scoprire di più) ma di certo ha suo figlio.

Non ho nessuna voglia o intenzione di teorizzare l’opposizione all’orrore della pratica di selezione eugenetica dei bambini non ancora nati ma che si sa avranno un qualche cromosoma sbagliato. Non mi appello alla morale, ai diritti umani che dovrebbero valere dal momento in cui la scintilla della vita accade, ma alla convenienza umana.

Io vorrei essere quel ragazzo. O alternativamente quella vecchia mamma. Non credo esista niente di più pienamente umano.

Proprio mentre rivedevo in me questa camminata lenta di madre e figlio, come un incedere regale, mi è arrivato il messaggio di un’amica. «Oggi ho rivisto una famiglia che non vedevo da tempo. Hanno un bimbo disabile. La sua presenza in 15 anni ha trasformato la vita di tutti i componenti di questa famiglia. Davvero provvidenziale. Il padre, imprenditore, ha creato una scuola alberghiera “privata”, anche se non è la parola giusta, perché non c’è nulla di più pubblico, per tutti quei “ragazzi impossibili” che nessuna scuola vuole. Ha aperto a settembre. Gli alunni sono sette e sono felici di andare a scuola. C’è chi ha imparato a puntare la sveglia per non correre il rischio di perdere un minuto di questa scuola. L’amico cerca fondi perché le rette sono molto basse e non riescono a coprire i costi».

Mi fornisce anche il nome e il numero di telefono. Ma qui non li scrivo. Non si sa mai. Non vorrei che magari qualcuno dirigesse una manifestazione contro le “scuole private” da quelle parti, o si mettesse a controllare i centimetri di larghezza di tutte le porte pur di farla chiudere così da rispettare i diritti umani delle persone disabili a morire in casa e a essere trattate con condiscendenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Andrea scrive:

    “La beatitudine del paradiso non è lontana da ciò che vedo ogni mattina: la serenità di una mamma che accompagna il figlio down: coglie una foglia d’edera, gliela dà e lui la fa roteare tenendo lo stelo tra le dita. E la guarda quasi contemplandola. La mamma dà un bacio dolcissimo a quella dolcezza che anche lei contempla in quel bambinone. E camminano lentamente, mano nella mano. E io li conservo tutti e due nello sguardo, che mi si scioglie. Il paradiso deve essere qualcosa di simile. Se il paradiso non è così, possiamo chiedere a Dio che lo sia. Non può negarcelo: noi giudicheremo gli angeli (1 Cor. 6,3), perché qualunque cosa chiediamo a Dio ce la darà (Mt 18,19).” [padre Giuseppe Barzaghi o.p. “La fuga” pag. 104]

  2. giuliano scrive:

    oggi è la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità. Ci sono persone che hanno una disabilità mentale ovvero distorta, vedono il mondo al contrario ,e siccome sono violenti e tenaci impongono tale visione allucinata agli altri che subiscono e non si oppongono. Questo raggruppamento umano si riconosce da un tratto distintivo che li accomuna in un aggettivo di appartenenza: “di sinistra”. Sono socialmente pericolosi e non esiste antidoto per la loro malattia che è incurabile, scompare solo con la morte

  3. filomena scrive:

    Poi ci sono i disabili mentali più gravi che non distinguono più la Politica dal dogma religioso e cominciano a ingiuriare i passanti dando loro dei “vermi rossi”. Per loro non c’è più speranza….

    • Giannino Stoppani scrive:

      La speranza c’è per tutti, anche quelli che passano la giornata a fare l’attivista lbtxyz spacciandosi per carampana femministoide residuato del sessantotto.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana