Google+

«Inzaghi, Del Piero, Nesta: se ne va una parte importante del nostro calcio»

maggio 14, 2012 Daniele Guarneri

Luciano Moggi fa un bilancio al termine del campionato di Serie A: «La Juventus ha meritato lo scudetto, nessun processo ad Allegri».

È finito il campionato. Gli appassionati non resteranno per molto tempo a bocca asciutta perché tra meno di un mese cominceranno gli Europei e subito dopo le Olimpiadi. E nel frattempo sarà cominciata la nuova stagione, perché questa sera sono arrivati gli ultimi verdetti. Ai preliminari di Champions League va l’Udinese per il secondo anno consecutivo. In Europa League Lazio, Napoli e Inter. I nerazzurri ci arrivano come sesti classificati – il peggior piazzamento dal 1998 a oggi – e inizieranno la stagione il 2 agosto con la prima partita ufficiale. «C’è poco da dire della stagione dell’Inter: una squadra che cambia tre allenatori non può fare meglio di quello che è stato fatto». Luciano Moggi rilegge il campionato appena concluso per tempi.it. «La Juventus ha meritato lo scudetto per la carica agonistica che ha mostrato dall’inizio alla fine. Il Milan ha perso il campionato per i troppi infortuni che ha subìto, ma non facciamo nessun processo ad Allegri. Il Napoli ha fatto meno di quello che ci si aspettava: ha dato tutto per la Champions e ci ha sorpresi, però in questo modo ha trascurato il campionato. E adesso si ritrova in Europa League. Della Roma abbiamo sempre detto: quello di Enrique non era un progetto, e se lo era, era deteriorato in partenza. In serie B dopo Cesena e Novara è andato il Lecce. Peccato, perché ha fatto un finale di campionato molto bello, meritava qualcosa di più».

A parte questo, oggi molti giocatori italiani hanno salutato il calcio italiano. Che effetto le ha fatto?
Se ne va una parte importante del calcio italiano. Del Piero, Inzaghi, Nesta, Zambrotta, Gattuso. Se non sbaglio tutti campioni del mondo nel 2006. Se ne vanno professionisti importanti a cui nessuno ha mai obiettato nulla. E poi se ne va gente di talento. Inzaghi e i suoi record, Del Piero e il suo talento e la sua classe, la corsa e l’intelligenza di Zambrotta, la grinta, la rabbia e l’agonismo di Gattuso e l’eleganza e la forza di Nesta. Non è poco.

Il nostro campionato si sta impoverendo? I migliori giocatori se ne vanno o smettono, ma non arrivano dei top player.
Purtroppo devo dire di sì. Il nostro campionato dopo gli anni Novanta ha perso il suo fascino e lentamente è sempre peggiorato. A parte casi eccezionali le stelle del calcio preferivano Inghilterra e Spagna. Negli ultimi anni poi non ho visto solo giocatori allontanarsi dalla serie A. ho visto anche i migliori allenatori andare via e vincere dove sono andati a lavorare. Oggi ha vinto la Premier League Roberto Mancini; Di Matteo è in finale di Champions League; Spalletti ha vinto il secondo scudetto di fila in Russia; Ancelotti sta lottando per la Ligue1 e comunque andrà in Champions; e Lippi andrà ad allenare in Cina. Siamo sempre più poveri e ne paghiamo le conseguenze in Europa.

Sono arrivate le prime convocazioni di Prandelli per l’Europeo Polonia e Ucraina. L’hanno sorpresa? Manca qualcuno?
Più di tutti mi ha sorpreso la mancanza di Pepe, però credo nel lavoro di Prandelli e sono convinto che abbia scelto bene. Se avessi dovuto scegliere io avrei portato con me Immbobile perché tra gli attaccanti che ci sono, oltre a Balotelli, è l’unico forte fisicamente. Ciro è un bomber nato e le sue caratteristiche ci avrebbero fatto comodo. Parlo di lui ma non voglio dimenticarmi di Insigne. Però al posto del napoletano sono presenti dei giocatori che hanno le sue caratteristiche. Invece sono molto contento per Verratti e Ogbonna perché la nostra serie B esprime talenti di primissimo piano. In difesa avrei portato anche Santon perché mi pare che abbia fatto un ottimo campionato: dopo che si è ripreso dall’infiammazione al ginocchio che lo ha tenuto lontano dai campi nella prima parte della stagione pian piano è riuscito a diventare titolare e a dare un ottimo contributo per il campionato del Newcastle. Ho visto il Santon del primo anno dell’Inter e secondo me meritava di far parte di questo listone.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.