Google+

«Inutile, immorale e incontrollabile». La secolarizzata Scozia rigetta il suicidio assistito

maggio 29, 2015 Leone Grotti

Con 82 voti contrari, 36 favorevoli e 9 astenuti è stato bocciato il disegno di legge che voleva introdurre il diritto alla “morte buona e degna”

Chi l’avrebbe mai detto? Mentre in Europa, un paese dopo l’altro, si cerca di autorizzare l’eutanasia attiva e passiva, mentre in tutto il mondo nascono e crescono movimenti favorevoli alla “morte buona e degna”, la sempre più secolarizzata Scozia ha rigettato mercoledì con un voto eclatante il suicidio assistito, ribadendo che «è illegale aiutare qualcuno a suicidarsi».

«TROPPI DIFETTI». Con 82 voti contrari, 36 favorevoli e 9 astenuti è stato rigettato il disegno di legge introdotto in origine da Margo MacDonald, affetta da morbo di Parkinson e morta l’anno scorso. Secondo la commissione che l’aveva esaminato, il testo conteneva «troppi difetti significativi», anche se è in tutto simile a quello approvato da paesi come Olanda e Belgio.

TESTO DI LEGGE. La prima legge orientata a legalizzare il suicidio assistito è stata portata in Parlamento nel 2010 e rigettata con 85 voti contro 16. Questa volta il testo prevedeva che «malati terminali o affetti da deterioramento delle condizioni progressive che rendono la vita intollerabile» potessero chiedere ad un medico di aiutarli a morire. Solo le persone maggiorenni sarebbero state abilitate «a informare il proprio medico di famiglia dell’intenzione di morire», almeno sette giorni prima dell’eventuale suicidio assistito.

«MANCANZA DI CHIAREZZA». Il principale problema del testo, secondo Alison Britton, coordinatrice della commissione Sanità del Parlamento scozzese, era la mancanza di chiarezza: «Abbiamo detto che ogni passaggio sarebbe dovuto essere assolutamente chiaro e che chi vuole suicidarsi e quelli che li assistono hanno bisogno di un processo robusto e trasparente. Restiamo preoccupati per la mancata definizione di termini chiave come “assistenza” e “accorciamento della vita”. Questa mancanza di chiarezza porta ambiguità e lascia la legislazione aperta all’interpretazione».

«INUTILE E INCONTROLLABILE». La sconfitta dei partigiani della “buona morte” era stata annunciata con due giorni d’anticipo dall’Alleanza “Care Not Killing”, che ha portato avanti la campagna per il “no”: «Dalla nostra analisi delle intenzioni di voto, possiamo dire che i due terzi o i tre quinti dei parlamentari voteranno contro la legge. Questo è incoraggiante», aveva scritto il suo leader Gordon MacDonald. «Abbiamo condotto una campagna lunga e difficile presentando argomenti forti. Il suicidio assistito non è solo inutile, è anche immorale e incontrollabile. Questo testo di legge era sbagliato nella sua stessa essenza».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Si attendono con ansia i commenti del tipo “Scozia asservita al Vaticano” e amenità simili.

  2. Una Cubista in Pensione scrive:

    La Scozia l’ho visitata. Impressiona vedere che le chiese siano usate come pub, teatri, musei.. di solito per tutto tranne che per il culto (tranne qualcuna.. alcune volte si trovano invece delle belle messe cantate.. non è che sia tutta un blocco la Scozia). Sempre le mie amate guide turistiche raccontano di storie truci di chiese messe a ferro e fuoco. Normalmente era il protestante John Knox che metteva a ferro e fuoco le chiese cattoliche, ma è successo un po’ di tutto. Per quello pare che si siano “secolarizzati” gli scozzesi.. sono stati un epicentro di guerre di religione. Comunque fa specie che a Glasgow ci sia un museo sui fenomeni religiosi ospitato in una struttura che appartiene alla cattedrale di Saint Mungo. Praticamente contiene reperti sulle varie religioni del mondo e pannelli con varie statistiche, è bello perché promuove la tolleranza religiosa, ma apparentemente proprio a gente che non sa nulla d fede.
    Questo sulla Scozia secolarizzata.
    Sulla legge, se era fatta male hanno fatto bene a respingerla, quello è un problema grave. A onta di chi mi cataloga tra le persone secolarizzate, o in qualche non ben precisato partito politico con idee radicali, io penso che sia più facile che si suicidi una persona depressa di una con il tumore, per cui bisognerebbe andare molto cauti. Poi sono molto sensibile a tutto quello che ricorda il nazismo.
    In ogni caso la secolarizzazione può venire anche da istanze comprensibili, come l’avere assistito a crimini compiuti, sì, qualche volta anche “in nome di Dio” (purtroppo).

    • giovanna scrive:

      Ecco da dove viene la tua crassa ignoranza, ormai proverbiale : ti informi sulle guide turistiche !
      Certo, che ridursi a fare il copia-incolla delle guide turistiche del museo dell’orrore non è da tutti !
      Vedo, inoltre, che sei tornata al consueto grigiore: non potevi reggere a lungo la finzione di un tono non abbastanza glaciale e arido. Veramente rabbrividente la classifica di chi abbia più diritto ad essere ucciso dallo Stato !
      brrrrrrrr

      Ma perché non esci, vedi gente, fai cose , invece di fare l’avvoltoio in servizio permanente effettivo ?? :-)

      E il primo che prova a rispondere alle solite , ripetute, insulse boiate…se la vede con me ! :-)

      E mi raccomando, saluta i gemelli !

    • giovanna scrive:

      Ecco da dove viene la tua crassa ignoranza, ormai proverbiale : ti informi sulle guide turistiche !
      Certo, che ridursi a fare il copia-incolla delle guide turistiche del museo dell’orrore non è da tutti !
      Vedo, poi, che sei tornata al consueto grigiore: non potevi reggere a lungo la finzione di un tono non abbastanza glaciale e arido. Veramente rabbrividente la classifica di chi abbia più diritto ad essere ucciso dallo Stato !
      brrrrrrrr

      Ma perché non esci, vedi gente, fai cose , invece di fare l’avvoltoio in servizio permanente effettivo ?? :-)

      E il primo che prova a rispondere alle solite , ripetute, insulse boiate…se la vede con me ! :-)

      E mi raccomando, saluta i gemelli !

      • giovanna scrive:

        Caro Toni, solo un saluto e un piccolo commento : non ti vengono i brividi nel constatare quante persone disturbate ci siano al mondo ? E alcune inimmaginabili, credo anche per le persone accanto a loro, se ne hanno.
        Provo una pena immensa, veramente, perché le problematiche psichiche sono dure da affrontare, soprattutto da soli.
        Se fosse possibile farei loro compagnia, ma una prece la posso dire comunque.
        Naturalmente, parlo in generale : persone borderline spuntano in tutte le discussioni.

        • To_Ni scrive:

          Cara Giovanna, se non è la solita filo-triestinana-lena sospetto una mutazione genetica che standardizza nelle persone sentimenti glaciali.
          Impossibile capire da lei, che legge il Vangelo, come deduce da questo la possibilità di un matrimonio gay. Oppure, leggendo il Papa, la possibilità che ci possa essere una buona legge che autorizza una persona a chiede come diritto la propria soppressione. Chi nota tali differenze, per lei è, in tutta probabilità, un italiota (dalla discussione sulla demolizione della persona, l’articolo del direttore Amicone, deduco che ha un tratto razzista). Non capisce che se in nome di Dio si possono fare guerre, in nome di Dio si possono sostenere nefandezze morali (come fa lei). La lettura della guida turistica è la chiave che la definisce meglio.

      • Una Cubista in Pensione scrive:

        non capisco perché insulti. E’ ovvio che ho letto molto su Inghilterra e Scozia anche non nelle guide turistiche, ma sicuramente le guide sono utili perché fanno una sintesi, e una che aiuta a essere meno italioti e andare più d’accordo con il popolo che ci si accinge a visitare. Poi: ho detto che c’è gente che dev’essere uccisa? Non si capisce che sto condannando la violenza in tutte le sue forme, anche quando è fatta “in nome di Dio”? O forse lei non vuole capire? Sempre per continuare con quella che lei chiama la “crassa ignoranza”, Enzo Bianchi (non certo un ateo o un induista) ha scritto un libro molto interessante che si chiama “La violenza e Dio”. Serve a indagare il rapporto che c’è – o non c’è, legga e si faccia un’idea – tra Dio, la sofferenza, i massacri, gli omicidi, anche, e a dare delle spiegazioni in chi per l’intolleranza di certi credenti rischia di “secolarizzarsi”, Le ripeto, legga il Papa, legga padre Enzo Bianchi, legga il Vangelo o la Bibbia e non stia lei su Internet a insultare! Io sono qui perché per certi versi (l’unanimità non so neanche se sia un valore) questo sito mi rassicura, mi fa pensare che dei valori esistono ancora e quindi cerco discussioni “sane”. Ma vedo che con lei non è una discussione sana.. lei si comporta come una troll, non ascolta e insulta. Provi a capire: la secolarizzazione; com’è la Scozia, da qualcuno che c’è stato; la guida turistica, non certo Dostoevskii, ma meglio che fare gli italioti; che cosa pensano altre persone dei temi proposti. Ed eventualmente provi a dire la sua con le sue parole e senza livore (e aggiungo: dando del lei a chi gentilmente, non conoscendola, le riserva questa cortesia).

        • giovanna scrive:

          Lo vuole capire che ha stufato ? Bastaaaaa
          ( Ma un assistente sociale non c’è nel suo paese ? Possibile che nessuno possa aiutarla ? )

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana