Google+

Inps, Antonio Mastrapasqua si dimette

febbraio 1, 2014 Redazione

Decisiva nella scelta del manager di Stato l’accelerazione del governo sul ridisegno dell’Inps e dell’Inail, con l’approvazione di un ddl per disciplinare l’incompatibilità per tutte le posizioni di vertice degli enti pubblici

Nei giorni scorsi aveva escluso l’abbandono, ma le polemiche intorno al alle sue cariche e il Consiglio dei ministri di ieri devono avergli fatto cambiare idea. Antonio Mastrapasqua, presidente dell’Inps, direttore generale dell’ospedale israelitico di Roma, vicepresidente di Equitalia e con altre cariche dirigenziali in altri istituti, si è dimesso dall’Istituto di previdenza. Decisiva nella scelta del manager di Stato è stata l’accelerazione del governo sul ridisegno della governance dell’Inps e dell’Inail, con l’approvazione di un disegno di legge per disciplinare l’incompatibilità per tutte le posizioni di vertice degli enti pubblici nazionali. Obiettivo: prevenire situazioni di conflitto d’interesse.

Il governo accetta le dimissioni di quello che nei giorni scorsi i giornali hanno dipinto come «Collezionista di poltrone», «pluripoltronato», «boiardo multiplo». La piazza è stata accontentata, anche se il vero mostro non era il manager che nel 2008 era stato nominato con il voto favorevole di tutti nelle commissioni Lavoro di Camera e Senato; mostruoso è piuttosto la legge che consente di avere più cariche contemporaneamente. Il governo, comunque, ringrazia l’ex numero uno «per il lavoro svolto in questi anni, per il rinnovamento dell’Inps e il complesso processo di riorganizzazione dell’Ente derivante dall’incorporazione dell’Inpdap e dell’Enpals».
Secondo alcune indiscrezioni sarebbe Tiziano Treu il candidato più forte alla successione di Mastrapasqua. Per l’Agi, l’ex ministro del Lavoro (nominato durante il governo Dini e confermato da Prodi) rappresenterebbe in queste ore il nome più papabile e anche autorevole per guidare l’istituto in vista della riforma della governance. In quota anche Raffaele Bonanni, attuale segretario della Cisl anche se sarebbe al momento il candidato più «debole».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. beppe says:

    alla fine queste persone demonizzate dalla stampa mi suscitano quasi simpatia. qualche colpa ce l’avrà, ma tutti questi improvvisi maneggi sono ancora più sospetti, se si pensa a chi si candida alla successione.. .

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download