Google+

Ingvar Kamprad lascia la poltrona. O forse no. Ma chi è davvero mister Ikea?

settembre 18, 2012 Paola D'Antuono

A 86 anni forse è pronto a lasciare la guida della sua azienda ai tre figli. Nel suo passato ci sono fiammiferi, pesce e decorazioni di Natale. Nel suo presente viaggi in classe economia e la stessa macchina da 15 anni.

Se ne va o non se ne va? In questi giorni il nome di Ingvar Kamprad è al centro dell’attenzione mediatica, da cui ha sempre preferito star lontano. Basti pensare che il suo nome è sconosciuto ai più, ma il suo impero no. L’86enne imprenditore svedese è infatti il fondatore di Ikea, il colosso di mobili nato nel 1943 dalla mente, allora diciassettenne di mr Kamprad. Un signore che di strada ne ha fatta e che, nonostante stazioni da anni ai vertici delle classifiche annuali che fanno i conti in tasca agli uomini più ricchi del mondo, conduce uno stile di vita morigerato, lontano dai riflettori e dalla mondanità, applicando il codice “Ikea” anche a se stesso: viaggi in classe economica, la stessa macchina da 15 anni e un’attenzione quasi maniacale per lo spreco e il risparmio (pare che consigli ai dipendenti di Ikea di usare i fogli di carta da ambo i lati).

DAI FIAMMIFERI AI MOBILI. Di sicuro le sue regole hanno contribuito in maniera determinante alla costruzione della sua fortuna che, a quanto dice la stampa, starebbe per passare di mano ai tre figli dell’imprenditore, che da tempo occupano posti dirigenziali nel colosso del padre e che per la prima volta, qualche settimana fa, hanno concesso un’intervista a un settimanale svedese, con tanto di foto di gruppo. Mr. Ikea però, per il momento siede ancora ai posti di comando anche se, per motivi fiscali, la sua azienda è sotto il controllo di una Fondazione lussemburghese. Ma chi è davvero l’uomo che è riuscito a portare il suo marchio in 37 paesi, con 258 centri di vendita e nessuna intenzione di fermarsi? La sua storia comincia nella fredda cittadina di Ljungby, lontana dal mare e governata dalla foresta. Per arrotondare il giovane Ingvar vende fiammiferi porta a porta a bordo della sua bicicletta. Un giorno scopre che a Stoccolma c’è un fornitore che vende fiammiferi a un prezzo molto basso e decide di acquistarli e di venderli a un prezzo più basso, per attirare clienti e guadagnare qualcosa in più. L’intuizione lo spinge poco dopo ad abbandonare i fiammiferi per il pesce per poi passare alle decorazioni di alberi di Natale, semenze da giardino, penne a sfera e matite. Questo fino ai 17 anni, quando suo padre gli regala un gruzzoletto come premio per i buoni risultati scolastici. Soldi che il ragazzo usa per costruire il suo primo stabilimento IKEA. Un nome dall’aurea romantica, perché unisce le iniziali del suo nome, la E di Elmtaryd, la fattoria di famiglia dove ha passato l’infanzia e Agunnaryd, un piccolo villaggio nella provincia di Småland.

IL SUCCESSO, LA VITA MODESTA E L’ALCOL. Il giovane Ingvar ha un problema, la dislessia, che lo spinge a cercare nomi svedesi (ai più impronunciabili) per i suoi mobili Ikea, preferendoli ai numeri, che ha difficoltà a ricordare. La sua storia piena di successi da selfmade man ha solo una macchia: la sua adesione a un gruppo filo nazista svedese, anche se per pochi anni, resa nota da un attivista fascista, con cui Mr. Ikea aveva mantenuto i contatti anche dopo la sua fuoriuscita dal gruppo. Dopo l’inaspettata divulgazione della notizia, Kamprad inviò una lettere di scuse a tutti i suoi impiegati ebrei e poco dopo aprì un deposito Ikea nello stato di Israele. L’altra nota stonata nella vita del signor Ikea è il suo problema con l’alcolismo, che Kamprad non ha mai nascosto ma che ha detto di tenere a bada da qualche tempo, tanto che è arrivato a 86 lune in splendida forma e l’azienda di mobili gode di ottima salute sotto la sua guida. I tre figli rimangono alla finestra, aspettando di conoscere quando e se il padrone deciderà di lasciare lo scettro e godersi la pensione. O magari di iniziare un nuovo, entusiasmante progetto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana