Google+

Ingroia, giù le mani da Pellizza da Volpedo. “E’ simbolo riformista, non giustizialista”

gennaio 2, 2013 Marco Margrita

Il magistrato usa l’immagine del celebre quadro “Quarto Stato” per il logo del suo partito. Ma il sindaco e i cittadini di Volpedo protestano

Si leva da Volpedo, in provincia di Alessandria, una voce duramente critica verso il magistrato-candidato premier di “Rivoluzione Civile”, Antonio Ingroia.

Oggetto del contendere: l’appropriazione del “Quarto Stato”, il celebre quadro di Giuseppe Pellizza. Come è noto, infatti, nel simbolo del cartello elettorale che sostiene Ingroia è presente una stilizzazione dell’opera d’arte diventata simbolo del movimento socialista. Due gli interventi. Quello del sindaco della città e quello del gruppo che, in nome degli ideali del socialismo autonomista, raduna nella città dell’alessandrino personalità e sigle. “Giuseppe Pellizza – sostiene il portavoce del “Gruppo di Volpedo”, Dario Allamano – scriveva nei suoi quaderni nel 1905: “L’opera d’arte è creatura che non può appartenere soltanto al suo autore ma in certo modo a tutti, che possono trarne diletto ed ammaestramento”. Il Quarto Stato questo è, una creatura che nel corso di un secolo ha rappresentato per le classi più umili un faro, la dimostrazione che una serie di  individui se si unisce diventa un movimento. Il Quarto Stato non è solo l’immagine di un gruppo di contadini che si reca a rivendicare quanto giusto a Palazzo Malaspina di Volpedo, è la rappresentazione di un movimento più ampio che in quegli anni nasceva: il movimento socialista, è la rappresentazione di tutte le lotte che in quegli anni si svolgevano, dalle risaie alla pianura polesana ed emiliana, alle lotte in Sicilia, è la “forza tranquilla” che rivendica con orgoglio e dignità i propri diritti”.

In questo senso, la scelta di appropriarsene di un gruppo che vede al proprio interno uno dei più tenaci avversari del Partito Socialista (Antonio Di Pietro) viene vista come danno e beffa. Non ci sono considerazioni politiche, ma la stessa indignazione da parte del primo cittadino, Giancarlo Filippo Pio Caldone. Il sindaco, ostinatamente socialista, chiede a Ingroia di rinunciare a “un’icona già usata indebitamente e strumentalizzata per tanti anni e in tanti modi”. Si tratta, spiega Caldone, della necessità di tutelare un patrimonio collettivo. In passato, spiega, il quadro “è stato utilizzato e sfruttato in mille modi nel campo dello spettacolo. Da Bernardo Bertolucci, che non si è neppure degnato di dare una risposta all’invito rivoltogli dal Comune nel 2001, quando il quadro ritornò a Volpedo, e ultimamente da Adriano Celentano. Nel campo privato l’industria Lavazza l’ha utilizzato per la sua pubblicità, anche in questi casi senza educazione alcuna. Tanto per citare alcuni casi”.

Sulla polemica interviene anche il responsabile provinciale alessandrino del Partito Socialista di Nencini, Gian Luca Chiesa: “Nulla lega Ingoia al Quarto Stato. Nulla perché questa è una raffigurazione ante litteram del concetto di riformismo, ossia del perseguimento del miglioramento sociale ed economico tramite le riforme, tramite il dialogo e non tramite le rivoluzioni ed il giustizialismo. Il Quarto Stato è un’opera che rappresenta la dignità, il coraggio e la forza delle classi lavoratrici  nonché la loro aspirazione alla libertà, all’eguaglianza di diritti e alla fratellanza tra le genti, dunque nulla a che vedere con il giacobinismo rivoluzionario che mira solo a veder rotolare delle teste”. Da tutti, in sintesi, si leva la stessa richiesta: “Ridurre il tutto a simbolo di parte è un pessimo errore, se il Quarto Stato è un “bene comune” come tale va utilizzato”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. maria scrive:

    condivido… dare a cesare quel che e’ di
    cesare…ma i socialisti dove sono finiti?
    si nascondono sotto mentite spoglie di cosa si vergognano? nobili sono le ideologie socialiste manca chi le rappresenti. Ingroia e la sua squadra non c’entrano. chiederei a bersani … ma i socialisti?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana