Google+

L’ingresso dei grillini “francescani” nella casta. Con diecimila e passa euro al mese (a testa)

marzo 22, 2016 Redazione

Rendicontazione generica, incassi (penta)stellari tra stipendi e rimborsi. Ecco le buste paga e i giustificativi degli eletti del M5S, spulciati dalla Stampa

Vaffa e rendicontazione. Si può dire che sono queste le due parole (al netto di scie chimiche, chip sottopelle e altre facezie) intorno alle quali il partito “non-partito” di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio ha costruito la sua fortuna elettorale. Ma come sembra dimostrare un articolo di Jacobo Iacoboni pubblicato oggi dalla Stampa, ormai il Movimento 5 Stelle sembra essersene completamente dimenticato. E se qualche vaffa ogni tanto ci scappa ancora, assai più imbarazzante è il tradimento del mantra dei rimborsi “restituiti” agli italiani. Dimenticata l’ispirazione a san Francesco, sbandierata da Casaleggio come un marchio pentastellato. Archiviato il “politometro” proposto da Grillo per «paragonare redditi e patrimonio dei politici al momento in cui entravano in politica con i redditi dei politici durante e dopo l’attività politica».

RESTITUZIONE UN CORNO. Ecco, scrive Jacoboni, «se lo applicassimo adesso [il politometro] vedremmo per esempio che nel 2013 (non un secolo fa) Luigi Di Maio dichiarava zero euro, e nell’ultimo anno ha dichiarato 98.471 euro». E pensare che durante il famoso Tsunami Tour «Grillo arringava le folle, “i nostri parlamentari prenderanno 2.500 euro al mese e restituiranno ranno il resto”». A quanto pare la Stampa si è presa la briga di spulciare buste paga e rendiconti degli eletti grillini e ha potuto ricostruire «una realtà completamente diversa». Con una precisazione. I numeri estrapolati dal quotidiano torinese non dimostrano «nulla di illegale», ma solo «la prova inoppugnabile che il grosso dei parlamentari cinque stelle», con un paio di «eccezioni virtuose» citate dal cronista, «vive ormai una vita distante da quella dei cittadini, e identica a quella dei politici degli altri partiti». La casta, insomma.

DIECIMILA EURO AL MESE. Ricordando poi come la «scarsa rendicontazione» sia stata – almeno in passato e «almeno formalmente» – l’accusa infamante con cui sono state giustificata «le espulsioni di tanti» dal movimento di Casaleggio, la Stampa procede a elencare le sostanziose cifre incassate dagli onorevoli “cittadini”. «Mario Giarrusso, parlamentare catanese (…) nella busta paga di novembre 2015 ha incassato 3.362 euro di quota fissa di indennità (restituendo una parte di 1.662 euro), più una quota di rimborsi e spese varie sbalorditiva: 10.066,07 euro». Diecimila e rotti euro in un solo mese giustificati come segue: «Alloggio, 1.880 euro; 1.182 euro di trasporti (spesa curiosa, considerando le varie agevolazioni dei parlamentari sui trasporti pubblici); vitto, 1.149 euro; attività sul territorio, 713; collaboratori, 4678». Nota a margine: si tratta rigorosamente di «voci genericissime» con nessun dettaglio ulteriore, secondo Jacoboni.

IL CASO DI MAIO. Ancora. «Carlo Sibilia a ottobre ha incassato 3.245 euro di indennità, più rimborsi per 10.516 euro», per i dettagli dei quali, vedi sopra. La Stampa spulcia anche le tasche di Luigi Di Maio, «aspirante leader del direttorio», che sempre a ottobre ha ricevuto cifre analoghe a quelle dei colleghi già citati, e che “giustifica” i 10.516 euro di rimborsi incamerati come spese relative ad «attività ed eventi sul territorio». Tutto lecito e sacrosanto per un parlamentare italiano ma, domanda Jacoboni, «non è una forma di finanziamento pubblico (sia pure indiretto) al Movimento, che diceva di non finanziarsi così?».

ABITI, MOTO E MUTUI. L’articolo prosegue impietoso parlando dell’esistenza di «decine di esempi di uno stile di vita più rilassato» rispetto all’asserito “francescanesimo” degli annunci originari: «Abiti assai più costosi, sedute quasi quotidiane di make up». Non solo. «C’è chi s’è comprato la moto costosa. Chi, mentre prima divideva casa con quattro colleghi, è andato a vivere dalle parti di piazza di Spagna», e anche chi, da perfetto esemplare dell’odiata casta, «rinegozia mutui favorevolissimi utilizzando la banca della Camera».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. dodi scrive:

    non sono un gufo …ma mi sono chiesta quando sarebbe uscito questo resoconto…visto che loro sono così “puri”secondo i giovani e meno giovani…già quando si va con lo zoppo si impara a zoppicare e a roma nella casta sono tutti zoppi!e noi sempre più gobbi per mantenerli senza avere nessun riscontro.

  2. Sebastiano scrive:

    “Chie toccat su mele, si nde linghet sos poddighes”

  3. gianluca segre scrive:

    Adesso anche La Stampa e Jacoboni saranno inseriti dai 5Stelle in qualche oscuro complotto internazionale..
    Casaleggio, di Maio & C. risponderanno e giustificheranno oppure li iscriveremo alla specialità olimpica
    di arrampicata sui vetri? Già affollata, peraltro.

  4. Tiberio Del Ponte scrive:

    Le critiche sono legittime. Resta il fatto che la maggior parte degli eletti del M5S – come verificabile dalle distinte di bonifico pubblicate sul sito – effettua versamenti mensili delle indennità percepite. E’ comunque il tentativo di un comportamento virtuoso, in un momento di grande difficoltà per molte persone; credo che sia molto difficile prelevare parte del proprio stipendio “girarlo” allo stato.
    Tanto è vero che molti hanno deciso di cambiare “casacca” ed ora non restituiscono più nulla.
    Non ho mai letto un articolo di un giornalista che dice: “L’idea di restituire parte delle indennità è buona dovrebbero farlo anche gli altri” (sic); piuttosto che criticare quella parte politica che prova a non essere casta, la stampa dovrebbe realmente insistere affinché il parlamento approvi una decurtazione delle indennità dei parlamentari, parificandole a quelle degli altri paesi europei.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana