Google+

Inghilterra, uccide i genitori anziani e malati. Giudice: «Era mossa da compassione, non sarà perseguita»

gennaio 17, 2014 Redazione

La donna ha somministrato ai genitori una dose letale di barbiturici e ha dichiarato: «Li amavo moltissimo, volevo aiutarli»

eutanasia-omicidio-georgina-roberts-inghilterraUna donna non sarà perseguita in Inghilterra per l’omicidio dei suoi genitori perché, secondo il coroner, ha agito «senza dubbio» mossa da uno spirito di «genuina compassione e dal desiderio di realizzare l’ultima volontà dei genitori».

GENITORI MALATI. Il caso risale al 13 luglio 2012 quando Georgina Roberts, 59 anni, ha somministrato una dose letale di barbiturici ai suoi genitori David ed Elizabeth Arnold. Il padre, 82 anni, aveva il morbo di Parkinson ed era stato costretto a farsi amputare una gamba. Alla madre invece, 85 anni, era appena stata diagnosticata una forma di demenza.
Secondo quanto affermato da Georgina, il padre le avrebbe chiesto di ucciderli perché la loro qualità della vita era diventata troppo bassa.

«LI AMAVO MOLTISSIMO». «Amavo moltissimo i miei genitori e volevo aiutarli sapendo che non potevano farlo da soli», ha detto durante l’inchiesta preliminare Roberts. Così ha comprato la dose letale online e dopo aver chiesto al padre il 13 luglio se «questo è il giorno», l’ha somministrata dentro a una tazza di tè. «Loro si sono addormentati e io li ho guardati in silenzio, come sotto shock».

INTERESSE GENERALE. Malcolm McHaffie, del Crown Prosecution Service, ha dichiarato che «ci sono prove sufficienti» per essere certi che la signora Roberts ha ucciso i suoi genitori ma che «non è nell’interesse generale perseguirla per questo», dal momento che i genitori, sempre secondo la figlia, erano consenzienti. L’omicidio dunque secondo il coroner, se mosso da presunti sentimenti di «compassione e amore» non deve essere perseguito.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. giuliano scrive:

    questa Europa è diventata un letamaio, una porcilaia, i suoi popoli ridotti a zombie dopo l’avvento del socialismo politico e culturale

  2. Ernestino scrive:

    Non so cosa dire di fronte a questo caso inglese. Vorrei abbracciare sia la figlia che i genitori uccisi. Forse noi non siano nemmeno in grado di capire questi momenti bui della vita. Mettiamo tutto nelle mani di Gesù. Però è un sintomo di come l’Occidente considera il dolore e la vita: un brutto sintomo !!!!!!!!

  3. Picchus scrive:

    Nulla di cui stupirsi, i barbari hanno le loro leggi primitive da sempre: se soffri ti ammazzo. Secoli di civiltà giuridica buttati nel cesso. Ma in fondo, chi se ne frega, sta per uscire il nuovo smartphone.

  4. Francesca scrive:

    Mio nonno col Parkinson morì di morte naturale servito e assistito in tutto dai suoi figli e dalla moglie, più giovane di pochi anni.
    Quando fu il turno di mia nonna la notte prima di morire stava talmente male che disse a mia madre, sua figlia, che la ringraziava di tutto quello che aveva fatto e che adesso voleva solo morire e che voleva fatta una puntura per morire, mia madre le rispose che questo non poteva farlo, che il Signore stesso non lo voleva. Mia nonna morì dopo una lunga notte pregando incessantemente.
    Non scambiamo la pietà per incapacità di dare aiuto, la fatica di vivere e di morire per volontà di morire.
    Mi dispiace che non mi abbia visto laurearmi quando era in vita, so che lo ha visto comunque.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana