Google+

Inghilterra. Pochi fedeli, risorse scarse: chiesa di San Pietro venduta a musulmani. Diventerà moschea

ottobre 22, 2013 Redazione

Succede a Stoke-on-Trent, città di 200 mila abitanti dello Staffordshire. Un portavoce della parrocchia: «Il numero dei cattolici nell’area è diminuito troppo»

Da luogo di culto cattolico a islamico. È il destino della chiesa cattolica di San Pietro di Stoke-on-Trent, città di 200 mila abitanti dello Staffordshire, nel nord-ovest dell’Inghilterra, costretta a chiudere a causa della mancanza di fedeli.

POCHI FEDELI. «L’arcidiocesi di Birmingham – spiega un portavoce della parrocchia – ha oltre 200 chiese per una popolazione cattolica di circa 285 mila persone. La decisione è stata presa insieme ai sacerdoti, fedeli e comunità locale: i proventi della vendita serviranno a sostenere i bisogni della popolazione cattolica, la cui presenza è molto diminuita qui».

LA CHIESA SARÀ MOSCHEA. La parrocchia locale, Cobridge, ha una lunga storia e continuerà a esistere «ma negli ultimi tempi il numero di cattolici nell’area è diminuito fino al punto che la chiesa non può più essere mantenuta. per questo l’abbiamo messa in vendita». L’offerta migliore è arrivata da una comunità musulmana locale e la Chiesa l’ha accettata. San Pietro diventerà dunque una moschea.

CALANO I CRISTIANI PRATICANTI. Secondo uno studio del 2007  solo il 15 per cento dei britannici va a Messa almeno una volta al mese. Il Regno Unito è dunque il quarto paese in Europa con il più basso tasso di persone che frequentano attivamente la Chiesa. Al contrario, il numero dei musulmani è in continuo aumento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. beppe says:

    meglio una carica di tritolo.

  2. Mappo says:

    Piuttosto che venderla per farne una moschea era meglio venderla a Mc Donald perché ne facesse un fast food. Oppure demolirla, ma una moschea no, è semplicemente un abominio e non importa quanto pagheranno i mussulmani per averla, quel denaro porterà solo disgrazia a chi lo riceverà.

  3. GABRIELE says:

    Il problema che deve toccare i cattolici specialmente le alte gerarchie è chiedersi il perché della fuga dalla religione degli autoctoni

  4. francesco taddei says:

    ha ragione gabriele.

  5. walid says:

    Noto che l’odio verso i musulmani e’dunque atavico.
    Chi scrive “meglio il tritolo”, chi teme la sharia (Berlusconi ed i bunga bunga, matrimoni gay con bimbi acqustati come al Pam, veline in mutande come modello imperante e prostitute ai lati delle strade sono piu’ accetti in Italua..me ne rendo conto…), chi come Don Rosario invita a recitare il rosario (ave Maria….ennesima inmovazione inesistente nel Vangelo e nel culto insegnato dal Cristo…in cui noi crediamo fermamemte…ah…somo ex Cristiano) e dimentica che noi abbiamo una invasione di preti pedofili, lobby gay nella Chiesa, per nn parlare del ricliclaggio della Banca Vaticana di denaro sporco (su cui guadagna con USURA, sempre vietata dalla Bibbia).

    Ma questa paura dello straniero, dell’altro, questa mentalita’ provinciale ed oscurantista medioevale (oltre che fascista in molti casi, l’infelice battuta sul tritolo ce lo ricorda) e’ la condanna a morte di un “paesino” che nn sa stare piu’ nel mondo ormai globalizzaato ed aperto alle 1000 culture.
    Peraltro l’ignoranza storica e’ ben evidente, oltre a quella attuale in merito alla violenza che i Musulmani subiscono nelle loro terre per mano dei NON Musulmani. La lista e’ lunga, dall’Iraq al Burma…

    Ma in genere chi scrive di invasioni, sharia, ….e’ in media un semi ateo che bive piu’ di fornicazione, birre a, pub, pornografia e totale lontananza dalla fede Cristiana.
    Dunque e’ il rigurcito di un morinondo dal punto di vista morale/spirituale.

    Come questi, anche i media ogni giorno cercano episodi LONTANISSIMI dalla pratica Islamica, semmai tribali, x spaventare il prossimo e fomentare la becera Islamofobia, che ovviamente attecchisce sui piu’ sprovveduti e sviati.

    Cmq che Iddio benedica la nuova moschea, che per altri sarebbe stata Mc Donald o piu’ gradito strip club…

    Popolo davvero in piena recessione, e nn solo economica…
    Un Musulmano Italiano (fortunatamente)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download