Google+

Inghilterra e Francia vogliono che l’Europa armi i ribelli in Siria per «aiutare il dialogo»

maggio 9, 2013 Leone Grotti

Il Regno Unito ha fatto girare tra i paesi membri dell’Ue una bozza di modifica dell’embargo che scadrà a fine mese. La volontà è di armare i ribelli per rafforzarli

L’Unione Europea deve armare i ribelli che si battono in Siria contro il regime di Assad. È la proposta che a fine mese il Regno Unito farà agli Stati membri dell’Ue con l’appoggio della Francia. Alla fine di maggio, infatti, scadrà l’embargo imposto dall’Europa alla Siria che vieta a tutti i paesi di inviare armi a Damasco.

COME IN LIBIA. Secondo molti l’unico modo per porre fine alla guerra civile che si protrae da oltre due anni è facilitare la vittoria degli oppositori di Assad, con uno schema simile a quello usato in Libia. Sono sempre meno, a parte la Chiesa, coloro che sostengono che l’unica soluzione per il paese è il dialogo tra le parti e che la vittoria dei ribelli difficilmente porterà la pace e la democrazia.

DUE OPZIONI. Secondo la Bbc, il Regno Unito ha fatto girare tra i paesi membri una bozza di modifica dell’embargo. Nel documento si contemplano due possibili soluzioni: la prima è non rinnovare l’embargo per la Coalizione di opposizione siriana, riconosciuta da molti Stati tra cui America e Italia come il legittimo rappresentante del popolo siriano. La seconda è rinnovare l’embargo, eliminando però le parole “non letali” dalla lista degli armamenti che si possono inviare in Siria, aprendo così la strada al rifornimento bellico vero e proprio.

DUBBI SUI RIBELLI. Molti Stati in Europa hanno già espresso dei dubbi al riguardo, temendo che le armi possano essere usate contro i civili, specie da quei gruppi di ribelli che si rifanno esplicitamente ad al-Qaeda e che hanno già perseguitato la popolazione cristiana, sembra anche con il rapimento dei due vescovi ortodossi sequestrati il 22 aprile vicino ad Aleppo in una zona controllata da loro. Inoltre, è in corso un’indagine dell’Onu sull’uso di armi chimiche in Siria. Per ora, non è affatto escluso che siano state usate dalle milizie ribelli. Ma secondo i britannici per spingere al dialogo le parti è necessario rafforzare la potenza di fuoco dell’opposizione. Non si conosce ancora la posizione dell’Italia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. marzio says:

    Con le nostre tasse dovremmo finanziare i mercenari terroristi anti Assad? Li finanziassero cameron e hollande! Dovremmo invece cominciare a finanziare le truppe lealiste pro Assad, è un conflittoche va evitato ma che purtroppo ci riguarda tutti!

  2. francesco taddei says:

    con le nostre tasse dovremmo finanziare solo il nostro esercito e fare solo i nostri interessi.

  3. This is usually a with care managed blog. It will make me desire to sign up for the RSS feed

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.