Google+

India. Perché la vittoria dei nazionalisti non è una buona notizia per i cristiani e per i marò

maggio 17, 2014 Redazione

Il futuro premier Modi: «Attacchi indù contro i cristiani? Non ne ho mai sentito parlare». Il caso dei marò si complica

I nazionalisti indù, guidati da Narendra Modi, leader del Janatha Bharathiya Party (BJP), hanno vinto le elezioni indiane. Il premier uscente Manmohan Singh, membro del partito del Congresso, legato alla famiglia Gandhi, si è congratulato con Modi, e ora lascerà l’incarico.
Il Partito del Congresso, per dieci anni al potere, ha perso alle elezioni ben 156 seggi parlamentari su 206 ottenuti cinque anni fa. Una debacle. Nulla da fare nemmeno per Arvind Kejriwal, il “beppe grillo” indiano. Anche il suo partito della “ramazza” è stato superato nettamente dall’exploit Modi.

COSA ACCADRÀ? Modi, già governatore dello stato del Gujarat, si appresta a diventare primo ministro, forte della maggioranza assoluta ottenuta, con il miglior risultato ottenuto da un partito in India negli ultimi trent’anni. Ha incentrato la campagna elettorale soprattutto sulle questioni economiche, promettendo nuovi posti di lavoro e sostenendo la necessità di riforme per rilanciare la crescita e lo sviluppo del paese. Le sue idee sono state accolte favorevolmente dalla popolazione e gli hanno garantito l’appoggio dei più importanti imprenditori indiani.

RISCHIO PERSECUZIONI. Sul fronte della politica interna, però, Modi suscita molti dubbi, in particolare per quanto riguarda la libertà religiosa e la repressione delle persecuzioni contro i cristiani e contro le altre minoranze religiose. Desta preoccupazione in particolare l’alleanza del partito di governo con i fanatici indù del Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss), che, secondo gli attivisti cristiani in India, rappresentano una seria minaccia per le minoranze religiose. Una delle leggi proposte dal Rss riguarda infatti il divieto delle conversioni forzate. Uno strumento che, in realtà, denunciano i leader cristiani, sarà utilizzato dagli estremisti per attaccare le minoranze religiose e per impedire in particolare la crescita del cristianesimo.

ATTACCHI ANTI-CRISTIANI. Modi non è ben visto dai leader cristiani in India. In una recente intervista il futuro premier ha addirittura negato l’esistenza delle violente persecuzioni contro i cristiani e altre minoranze religiose da parte degli estremisti indù. Quando gli è stato chiesto come intendesse in futuro proteggere i cristiani e i luoghi di culto da parte dai fanatici, Modi, secondo l’International Christian Concern si è limitato a rispondere: «Non ho mai sentito parlare di questi attacchi». Un cattivo auspicio, visto che nello stato del Gujarat, dove governava Modi nel 2002, avvenne una delle più grandi stragi motivate dall’odio religioso in India, che fece 1800 morti, in maggioranza musulmani.

«SA COSA E’ SUCCESSO». «Gli attacchi contro i cristiani e i loro luoghi di culto aumentano ogni anno in tutta l’India, e la finta ignoranza di Modi non solo spaventa i cristiani, ma li rende anche scettici sul loro destino sotto il suo governo», riporta il sito persecution.org.
John Dayal, segretario generale dell’All India Christian Council (AICC), e membro del Consiglio nazionale per l’integrazione (NIC), ha spiegato ai giornalisti dell’International Christian Concern che Modi «sa bene cosa è successo a Kandhamal, Orissa, Mangalore e Karnataka e altrove nel 2007 e nel 2008, quando più di 300 chiese e più di 6 mila case di cristiani sono state distrutte da folle di fanatici indù e più di 120 cristiani e dalit sono stati uccisi».

IL CASO MARÒ. Anche se la vittoria di Modi appare sui media italiani come un fattore positivo per il ritorno in Italia dei due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, detenuti in India con l’accusa di omicidio, in realtà potrebbe rivelarsi il contrario.
Da un lato, il futuro premier afferma di voler intrattenere rapporti amichevoli con l’estero per favorire il commercio (quelli fra Italia e India, secondo il giornalista Toni Capuozzo, si sono guastati proprio a causa dei marò), e quindi sarebbe spinto a risolvere la questione; dall’altro, il leader nazionalista ha più volte accusato il governo di «non aver fatto niente» per assicurare alla giustizia i due marò, suggerendo che la presidente del partito del Congresso, Sonia Gandhi (cresciuta in Italia), abbia voluto concedere un trattamento di favore ai due marò perché suoi ex connazionali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. carolus says:

    Per un motivo o per un’altro i nostri governi di inetti incapaci (Monti, e successori) non fanno nulla per riportare a casa i nostri soldati. Siamo ridotti a un Paese delle banane e dobbiamo importare anche quelle insieme con 200.000 indiani che sguazzano liberamente in Italia.

    • Menelik says:

      Riguardo allo sguazzare liberamente in Italia, ti rendo noto che nella zona Valdagno-Chiampo-Arzignano (prov. Vicenza) c’è una numerosa comunità di indiani, migliaia sono.
      Sono in gran parte operai delle concerie.
      Fino agli anni 70/80 l’operaio conciario era italiano, vicentini e meridionali importati.
      Poi c’è stato il turn over generazionale e le fabbriche si sono trovate drammaticamente sotto di personale.
      Gli impiegati si pestavano i piedi l’no con l’altro da quanti erano, ma gli operai erano drammaticamente pochi e alcune aziende non potevano coprire i turni per mancanza di operai.
      Gli italiani giovani, in età da operaio, con un diplomino di scuola superiore, volevano solo fare gli impiegati e basta, e nessuno voleva più fare l’operaio.
      Si lamentavano delle sostanze chimiche, del cromo, dei coloranti, i mordenti, ecc….
      Così sono arrivati gli indiani.
      Questo per la cronaca.

  2. michele says:

    Il vero problema è quello sollevato dal articolo: Modi estenderà a tutto il paese ol sistema persecutorio delle sue regioni? I fanatici indù pronosticano l’impiccagione dei maro in nome del orgoglio nazionale dell’India.

  3. Alessandro says:

    Modi in India? Probabilmente sarà la replica di Morsi in Egitto! Entrambi fascisti, assassini e falsi…figli prediletti del serpente antico!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download