Google+

India. Si apre la causa di beatificazione dei cristiani massacrati nei pogrom dell’Orissa

gennaio 8, 2016 Redazione

Nel 2008, circa 100 cristiani sono stati uccisi, 6.500 case distrutte e 395 chiese rase al suolo. Mons. Barwa guiderà il processo dei «martiri di Kandhamal»: «Siamo orgogliosi»

cristiani-india-orissa-martiri-ansa

Circa 100 cristiani uccisi per essersi rifiutati di convertirsi all’induismo, 56 mila sfollati, 6.500 case distrutte e 395 chiese rase al suolo in 600 villaggi. È il bilancio dei pogrom dell’Orissa del 2008, quando i cristiani del distretto di Kandhamal vennero attaccati da un gruppo di fondamentalisti indù. Per quei cristiani massacrati il cardinale Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Conferenza episcopale indiana, ha ufficialmente deciso di aprire la causa di beatificazione.

«MARTIRI DI KANDHAMAL». «Tutta la Chiesa è orgogliosa perché i nostri uomini, le nostre donne e i nostri bambini, che sono stati martirizzati per la loro fede, non sono stati dimenticati», ha dichiarato a Cna John Barwa, arcivescovo della diocesi di Cuttack Bhubaneswar, all’interno della quale si trova il distretto dove è avvenuta la strage, e incaricato di guidare il processo dei «martiri di Kandhamal».
Nell’agosto del 2008 i cristiani furono presi di mira dai radicali indù dopo essere stati incolpati dell’omicidio del guru Swami Lakshmanananda, leader dell’organizzazione nazionalista indù Vishna Hindu Parishad. L’assassinio è stato più volte rivendicato dai guerriglieri maoisti, ma i cristiani sono ugualmente stati colpiti. Come raccontato dai parenti, molti cristiani sono stati bruciati vivi, fatti letteralmente a pezzi, altri sono stati costretti a convertirsi e 10 mila persone a distanza di 7 anni non hanno ancora fatto ritorno a casa.

«ORGOGLIOSI DELLA NOSTRA FEDE». La commissione incaricata di raccogliere tutta la documentazione per la causa di beatificazione deve ancora essere formata ma monsignor Barwa ha già avanzato alcuni nomi e progettato un monumento e un museo in memoria delle vittime. Secondo il prelato, «la morte [dei cristiani] ha rinnovato la nostra fede». Parlando con i concittadini e i parenti delle vittime, si è sentito spesso dire: «Sì, hanno distrutto tutte le nostre proprietà, le nostre case e ucciso i nostri cari, ma non hanno distrutto la nostra fede e noi siamo orgogliosi di essa. La causa di beatificazione porterà unità e solidarietà tra la nostra gente e aumenterà la diffusione della fede».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Onore ai martiri per essere stati cristiani fino in fondo….
    Però, come sarebbe più bello un mondo più buono, dove ci si rispetta tutti…Praticamente un’utopia.

    • Menelik scrive:

      Hai ragione. Solo un’utopia.
      Io non credo sia possibile sulla Terra una vita umana dove ci sia rispetto e bontà.
      Penso che il vero discriminante sia imparare a difendersi dalle aggressioni.
      Chi non lo fa, o non ci riesce in tempo utile, è inesorabilmente votato al suicidio.
      Purtroppo, mi dispiace davvero, ma è l’opinione che mi sono fatto in questi ultimi anni.
      Prima ero un illuso.
      Praticamente sei libero solo se chi ti vuole schiavizzare teme di essere ucciso.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

5 giorni di viaggio no stop con la maxi enduro del momento per capire se dietro al suo successo c’è più suggestione o più sostanza. L’Africa Twin DCT esce vincente su tutti i fronti. L’avventura è dietro l’angolo

Un pantaloncino, una maglia e un giacchino antivento accomunati da materiali tecnologici e soluzioni votate al comfort e alla praticità. Comincia con il piede giusto l'ingresso di Karpos nel mondo della Mtb.

La sportiva nipponica raccoglierà l’eredità delle coupé RX-7 ed RX-8 adottando un motore turbo a combustione interna di tipo rotativo. Potrà contare su 400 cv e un peso inferiore a 1.300 kg. Il debutto è atteso nel 2020.

Nell'era del SUV, il Multivan propone un approccio al trasporto che può apparire desueto e che invece, per comfort e funzionalità, è attualissimo. Alti i prezzi, come del resto la qualità del viaggio

Tubazioni italiane in Al 7000 per il nuovo telaio scatto fisso made in Deda. Sarà presentato all'Eurobike e porterà in dote forcella Carbon/Alloy, sterzo tapered e possibilità di verniciatura custom.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana