Google+

India. Si apre la causa di beatificazione dei cristiani massacrati nei pogrom dell’Orissa

gennaio 8, 2016 Redazione

Nel 2008, circa 100 cristiani sono stati uccisi, 6.500 case distrutte e 395 chiese rase al suolo. Mons. Barwa guiderà il processo dei «martiri di Kandhamal»: «Siamo orgogliosi»

cristiani-india-orissa-martiri-ansa

Circa 100 cristiani uccisi per essersi rifiutati di convertirsi all’induismo, 56 mila sfollati, 6.500 case distrutte e 395 chiese rase al suolo in 600 villaggi. È il bilancio dei pogrom dell’Orissa del 2008, quando i cristiani del distretto di Kandhamal vennero attaccati da un gruppo di fondamentalisti indù. Per quei cristiani massacrati il cardinale Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Conferenza episcopale indiana, ha ufficialmente deciso di aprire la causa di beatificazione.

«MARTIRI DI KANDHAMAL». «Tutta la Chiesa è orgogliosa perché i nostri uomini, le nostre donne e i nostri bambini, che sono stati martirizzati per la loro fede, non sono stati dimenticati», ha dichiarato a Cna John Barwa, arcivescovo della diocesi di Cuttack Bhubaneswar, all’interno della quale si trova il distretto dove è avvenuta la strage, e incaricato di guidare il processo dei «martiri di Kandhamal».
Nell’agosto del 2008 i cristiani furono presi di mira dai radicali indù dopo essere stati incolpati dell’omicidio del guru Swami Lakshmanananda, leader dell’organizzazione nazionalista indù Vishna Hindu Parishad. L’assassinio è stato più volte rivendicato dai guerriglieri maoisti, ma i cristiani sono ugualmente stati colpiti. Come raccontato dai parenti, molti cristiani sono stati bruciati vivi, fatti letteralmente a pezzi, altri sono stati costretti a convertirsi e 10 mila persone a distanza di 7 anni non hanno ancora fatto ritorno a casa.

«ORGOGLIOSI DELLA NOSTRA FEDE». La commissione incaricata di raccogliere tutta la documentazione per la causa di beatificazione deve ancora essere formata ma monsignor Barwa ha già avanzato alcuni nomi e progettato un monumento e un museo in memoria delle vittime. Secondo il prelato, «la morte [dei cristiani] ha rinnovato la nostra fede». Parlando con i concittadini e i parenti delle vittime, si è sentito spesso dire: «Sì, hanno distrutto tutte le nostre proprietà, le nostre case e ucciso i nostri cari, ma non hanno distrutto la nostra fede e noi siamo orgogliosi di essa. La causa di beatificazione porterà unità e solidarietà tra la nostra gente e aumenterà la diffusione della fede».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Onore ai martiri per essere stati cristiani fino in fondo….
    Però, come sarebbe più bello un mondo più buono, dove ci si rispetta tutti…Praticamente un’utopia.

    • Menelik scrive:

      Hai ragione. Solo un’utopia.
      Io non credo sia possibile sulla Terra una vita umana dove ci sia rispetto e bontà.
      Penso che il vero discriminante sia imparare a difendersi dalle aggressioni.
      Chi non lo fa, o non ci riesce in tempo utile, è inesorabilmente votato al suicidio.
      Purtroppo, mi dispiace davvero, ma è l’opinione che mi sono fatto in questi ultimi anni.
      Prima ero un illuso.
      Praticamente sei libero solo se chi ti vuole schiavizzare teme di essere ucciso.

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

La 911 Serie 991 sovralimentata si fregia dell’allestimento GTS. Alle carreggiate ampliate stile 4S si accompagna un’iniezione di grinta per il 6 cilindri boxer 3.0 biturbo che passa da 420 a 450 cv. È disponibile nelle configurazioni Coupé, Cabriolet e Targa.

Arriverà in tarda primavera la nuova versione sportiva della gamma Q5. Con 354 cv, scatta da 0 a 100 in 5,4 secondi e può raggiungere i 250 km/h. Ricchissima la dotazione di serie.

Modulare tanto in abitacolo quanto nella meccanica, il microbus elettrico tedesco ispirato al mitico Bulli è omologato per otto persone e adotta due motori con una potenza complessiva di 370 cv. Autonomia di 600 km e guida autonoma.

Erede della monovolume Meriva, è una crossover compatta che si affianca a Mokka X e può contare su di un ampio spazio a bordo e una generosa capacità di carico. Ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In arrivo a giugno.

Nissan ripercorre in un breve video dieci di storia della sua crossover best-seller, la Qashqai. A breve partiranno le celebrazioni ufficiali, con eventi dedicati anche alla clientela

banner Mailup
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana