Google+

Indagini sulla sanità in Regione Lombardia. Ma quali sono i fatti?

giugno 15, 2012 Redazione

Dei tre progetti contestati, due non sono stati né autorizzati né ammessi a finanziamento e il terzo è stato approvato con delibera dopo essere stato validato da un qualificato organismo consultivo

“Appalti su misura nella Sanità lombarda. Indagato il direttore”. “Sanità, indagato per aste truccate il braccio destro di Formigoni”. Questi i titoli che, rispettivamente, stamattina compaiono su Corriere e Repubblica. Il direttore generale dell’assessorato alla sanità Carlo Lucchina è indagato con un’altra trentina di persone per «turbata libertà del procedimento di scelta del contraente» e «associazione a delinquere». L’accusa è, nella sostanza, quella di aver preparato dei “bandi su misura” per favorire aziende e progetti di sperimentazione clinica.

Sui giornali si cerca di ricostruire quali siano questi bandi, anche se, come ammette il Corriere, «cosa ci sia nell’informativa si intuisce solo in parte». I titoli e il tono degli articoli, però, non paiono essere così dubitativi. Quali sono, dunque i fatti? Già ieri Regione Lombardia ha diramato una nota ufficiale che mette un po’ d’ordine tra le tante ipotesi o “intuizioni” (per dirla col Corriere) apparse sui giornali.

«In riferimento alle indagini di cui si è avuta notizia oggi – dice la nota di Regione Lombardia –, in merito ad alcuni progetti di sperimentazione in campo sanitario, si chiarisce che “dei tre progetti oggetto di indagine, solo uno, intitolato ‘L’ecoscopio: un nuovo strumento diagnostico per completare la visita medica dall’ambulatorio di medicina generale all’Ospedale’, è stato finanziato con 1,1 milioni di euro dalla Giunta regionale, con una delibera del 23 dicembre 2010, dopo essere stato validato da un qualificato organismo consultivo, ossia un Gruppo di approfondimento
tecnico, in cui siedono esperti della materia. Gli altri due progetti oggetto di indagine non sono stati né autorizzati né ammessi a finanziamento da Regione Lombardia”. “Il progetto finanziato era stato presentato da varie aziende ospedaliere (Niguarda e Lecco tra le altre). Come da obblighi di legge, le apparecchiature (ecoscopi) da mettere a disposizione dei medici ospedalieri di medicina generale e di medicina interna dovevano essere poi acquisiti mediante gara pubblica. Le elaborazioni e le indicazioni circa le caratteristiche tecniche delle apparecchiature da acquistare
sono state stabilite in piena autonomia dalle strutture complesse dell’Azienda ospedaliera Niguarda e dell’Azienda Ospedaliera di Lecco. La gara è stata poi effettuata tramite procedura negoziata (ex art. 57, comma 2, del d. Lgs 163/2006). Come previsto dalla legge, sono stati chiesti progetti e preventivi a 5 aziende. Due non hanno risposto. Dei restanti 3 progetti concorrenti, solo uno è stato giudicato conforme alle caratteristiche tecniche richieste».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. pietro scrive:

    La magistratura dovrebbe dire dove è il reato

  2. Luigi Lupo scrive:

    Non capisco perchè i giornalisti del Corriere e di Repubblica continuano a scrivere di queste cose che non interessano a nessuno .

    Formigoni fa le ferie con un esperto di sanità che opera in Lombardia e poi perde le ricevute. Non me ne frega niente.

    Penati va al ristorante e mangia le cozze pelose. Non me ne frega niente! Non me ne frega niente lo stesso.

    Renzo Bossi è stato costretto a emigrare in Albania per laurearsi. Non me ne frega niente.

    Lusi ha investito a sua discrezione dei soldi della Margherita ricevuti anche se il partito non c’è più. Non me ne frega niente.

    La Minetti, per dedicarsi anima e corpo a consigliare Formigoni, ha abbandonato una brillante carriera di igenista dentale. Non me ne frega niente.

    Il giudice, che ha condannato Berlusconi a pagare De Benedetti, va in giro con i calzini corti e di colore ROSSO. Dal colore dei calzini si capisce subito le sue simpatie politiche. Questa mi interessa perchè è informazione

    Fà bene Tempi a dedicare numerosi articoli per spiegare le malefatte di Pisapia che non ha dato la cittadinanza al Dalai Lama, senza spiegare perchè la Moratti non l’ha data nel 2007 Questa si che è informazione e non propaganda.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana