Google+

Incredibile. Il papavero dc Tabacci accusa Formigoni di «commistione col potere»

marzo 17, 2012 Redazione

Tabacci guidò la Lombardia «per volere di De Mita» in anni in cui ogni piega dello Stato era sotto il controllo dei demitiani, col sostegno di Repubblica. Le sue denunce all’Espresso sono ridicole. Anticipiamo l’editoriale che apparirà sul numero 09/2012 di Tempi da giovedì in edicola.

Se si cerca la voce “Bruno Tabacci” nell’enciclopedia di Giorgio Dell’Arti (Catalogo dei viventi, Marsilio), si capisce perché l’ex Dc ed ex Udc con doppia poltrona (di parlamentare e assessore nella giunta Pisapia) si è fatto prendere la mano nel denunciare all’Espresso coloro che «hanno tradito don Giussani». Il leader di Cl era «un uomo spartano». E se Cl resta «un movimento ecclesiale», la Cdo «una realtà importante», Formigoni è il “traditore” in «commistione col potere» (leggi qui l’intervista di Tabacci).

In effetti, da segretario della Dc lombarda Tabacci «nell’87 divenne presidente della Regione per volere di Ciriaco De Mita» (cfr. Catalogo). Ed è sempre rimasto nelle stanze del potere e delle sue commistioni. Per questo, pur avendo egli affidato al settimanale debenedettiano una rivelazione importante (fu lui a far parlare Giussani a un convegno Dc nonostante «che dall’arcivescovado – Carlo Maria Martini, ndr – si tentò di impedire l’evento con pressioni su di me e su De Mita»), sembra un po’ annebbiato.

Tanto per intenderci: Tabacci è stato presidente della Lombardia nell’epoca di Prima Repubblica in cui il suo pigmalione fu capo Dc e di governo. Epoca dove non c’era piega dello Stato che non fosse sotto il controllo dei demitiani e non godesse del sostegno della Repubblica di Scalfari. Tabacci fu sfiorato da Tangentopoli, ma non perse il suo scranno in parlamento e nemmeno le aderenze nel bel mondo bancario.

Oggi è l’uomo forte della giunta di Milano e sta a Roma pronto a cavalcare il Grande Centro. E crede di saperne una di più del diavolo? Suvvia, che l’allievo del Giuss abbia amministrato la Lombardia con risultati un po’ più decenti di quelli conseguiti dal pupillo del Dc di Nusco, questo è un fatto. Ma che Formigoni sia il loglio nel buon campo di grano di Cl e Cdo, bè, questo dovrebbe dirlo Berlicche non l’angelico Bruno.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. JP scrive:

    Come sono patetici i cattocomunisti. I soldi e il potere fanno schifo quando sono in mano agli altri, loro ovviamente fanno tutto per amore alla sacra Costituzione e per spirito di servizio e di responsabilità.
    Formigoni ha tradito lo spartano Giussani con i pantaloni viola e le camicie arancioni?

  2. 0527881474 scrive:

    Tabacci…Tabacci….ma perché non “ti tacci”..perdonate la licenza poetica, ma sentire il verbo di Tabacci, colui che insieme a Pisciapia porta aria nuova su Milano……mi fa venire il vomito. Sarà che questa aria nuova puzza di sterco?

  3. paolo delfini scrive:

    TABACCI FA IL SIMPATICO…….

  4. BIASINI scrive:

    Il governo De Mita fu l’unico, vero governo “clerico-democristiano”. Non si muoveva foglia senza il placet di De Mita, con girandola di preti, vescovi e cardinali. De Mita tentò anche di rifilare suo fratello alla presidenza della Regione Lombardia. Ve lo siete dimenticato?

  5. lectiones scrive:

    Avrebbe dovuto nascere e morire ai tempi della Rivoluzione (1755-1794), un Robespierre INCORRUTTIBILE della trasmigrazione partitica ospitata dai CASINISTI sempre caritatevoli. Un tribuno iperdemocratico, censore severo delle pagliuzze negli occhi altrui. E’ il fumo dei Tabacci.
    Celestino Ferraro

  6. malta1565 scrive:

    Aspettiamo la sua ‘trasparente’ gestione del bilancio milanese

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana