Google+

Incidente? Attentato? Ognuno ha il suo interesse nella tragedia dell’aereo russo caduto nel Sinai

novembre 6, 2015 Leone Grotti

I jihadisti rivendicano l’attentato, americani e inglesi danno loro ragione, l’Egitto nega con forza e la Russia sta alla finestra. Nessuno aspetta le conclusioni dell’indagine ufficiale

È stato un attentato come dicono gli inglesi? Un’operazione dell’Isis come sostenuto dalla Cia e dagli stessi jihadisti? O un banale incidente come ribadito da Russia e Abdel Fattah Al-Sisi? Si rincorrono senza sosta le voci e le ipotesi sulle responsabilità dello schianto dell’Airbus russo A321, partito sabato da Sharm el Sheikh e diretto a San Pietroburgo, ma precipitato nel Sinai. A bordo si trovavano 217 passeggeri e sette membri dell’equipaggio, tutti morti.
Sull’incidente, il più grande della storia dell’aviazione russa, è stata aperta subito un’inchiesta congiunta dei paesi coinvolti: Egitto (luogo dell’incidente), Russia (compagnia aerea), Irlanda (Stato di registrazione del mezzo), Francia (Stato di design) e Germania (Stato di manifattura). L’incidente è importante, può essere utilizzato per diversi scopi e poiché tutti gli attori coinvolti hanno interessi da difendere, scoprire la verità non sarà facile.

STATO ISLAMICO. Poche ore dopo il disastro aereo, l’Isis ha rivendicato la paternità dell’attentato. I jihadisti si sono spesso attribuiti attacchi in giro per il mondo senza che fosse possibile verificare la veridicità di simili affermazioni. Anche in questo caso, l’interesse è chiaro: oltre a farsi pubblicità nell’ambiente jihadista, poiché quasi tutte le vittime sono di nazionalità russa, l’Isis può vendere al mondo l’attentato come una clamorosa risposta all’intervento russo in Siria in aiuto dell’esercito di Bashar al-Assad. Nei giorni scorsi, i jihadisti hanno rivendicato l’attacco una seconda volta, dichiarando però di non potere ancora rivelare come ci siano riusciti, ma minacciando Putin: «Sei un maiale, invaderemo il tuo paese, uccideremo la tua gente».

EGITTO/ECONOMIA. Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi si è affrettato a definire «propaganda» la rivendicazione dell’Isis. I perché di tanta fretta si possono immaginare facilmente. Al-Sisi ha solo da perdere in questo disastro per motivi economici e politici. Prima di tutto, se si trattasse di un attentato, la località turistica per eccellenza dell’Egitto, Sharm el Sheikh, non potrebbe essere più considerata sicura. Come per la Tunisia, anche per l’Egitto la ripresa economica è fondamentale per la rinascita del paese dopo la Primavera araba e il governo dei Fratelli Musulmani. Un attentato così ben riuscito rischierebbe di far crollare il turismo e con esso la ripresa economica, aumentando l’instabilità del paese.

EGITTO/POLITICA. Inoltre, dal punto di vista politico Al-Sisi rischia. L’Egitto è nel bel mezzo di una delle tornate elettorali più importanti della sua storia: la nomina del nuovo Parlamento, che permetterebbe al paese di avere così sia il presidente che l’Assemblea eletti dal popolo. La coalizione del presidente è in vantaggio, ma l’ex generale ha sempre sostenuto come il suo primo compito sia quello di garantire la sicurezza degli egiziani contro il terrorismo, soprattutto nel Sinai: un attentato di queste proporzioni potrebbe delegittimarlo.

INGHILTERRA E STATI UNITI. Proprio nel giorno in cui il presidente egiziano si trovava a Londra in visita di Stato, l’Inghilterra ha rilasciato un comunicato che ha rovinato (per usare un eufemismo) il clima di accoglienza: «Alla luce delle informazioni raccolte riteniamo che l’aereo sia stato abbattuto da un ordigno esplosivo, sebbene non possiamo affermarlo con assoluta certezza». La Cia ha rincarato la dose: «È stata Isis a mettere la bomba».

OBAMA VS PUTIN. Ma Inghilterra e Stati Uniti hanno tutto l’interesse a riconoscere la matrice terroristica dell’incidente. Entrambi in Siria sostengono i ribelli “moderati”, che sul campo sono alleati anche con la fazione siriana di Al-Qaeda, e hanno come obiettivo dichiarato quello di abbattere il governo di Assad, alleato di Putin. Sia Londra che Washington hanno criticato l’invio dell’esercito russo in Siria e non aspettano altro che sottolineare le ripercussioni negative di questo intervento e la debolezza russa in materia di sicurezza. Per quanto riguarda il rapporto generale con Mosca, è ai minimi storici da anni e Putin è diventato il nemico numero uno di Barack Obama.
Alcuni indizi portano a pensare che la pista jihadista sia quella giusta, ma ancora non c’è nessuna certezza. E per tutti questi motivi è meglio andarci cauti e aspettare i risultati di indagini più approfondite prima di tirare le dovute conclusioni.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi