Google+

In Val di Susa un manifesto inneggia a Luigi Preiti. Si teme un’iniziativa No Tav

maggio 3, 2013 Marco Margrita

Nel manifesto comparso nella Valle dove si svolge la crociata antitreno, anche critiche e insulti ai carabinieri

 Torino e la Val Susa, per opera dell’area dell’autonomia, ma anche per quantomeno incaute dichiarazioni del fronte grillino, è l’epicentro del “giustificazionismo politico” del folle gesto di Luigi Preiti. Un non invidiabile primato, con annesse onori delle cronache.

Andiamo con ordine. Nelle immediatezze della sparatoria di fronte a Palazzo Chigi, domenica scorsa, il capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio Comunale affidava a Facebook un commento perlomeno inopportuno. Scriveva Vittorio Bertola: “Il vero problema non è che qualcuno, magari uno squilibrato, vada davanti a Palazzo Chigi e spari durante il giuramento del governo. Il vero problema è che in questo momento, ne sono assolutamente certo, ci sono alcuni milioni di italiani che pensano «peccato che non abbia fatto secco almeno un ministro»”. Non molto distante, nei toni e nei contenuti, dalle affermazioni del (non più) ideologo grillino Paolo Becchi sulla naturalezza del prendere i fucili tra qualche mese.

Preiti, dagli aderenti al Centro Sociale “Askatasuna” è stato addirittura esibito in effige, a Torino, al corteo del Primo Maggio. Il suo volto campeggiava su uno striscione dall’inquietante slogan “Il 1 maggio è per voi, la crisi uccide”. Gli stessi autonomi hanno tentato di cacciare fuori dal corteo i militanti del Pd. Nella notte tra mercoledì e giovedì, poi, in Val Susa, a Bussoleno sono comparsi degli anonimi manifesti gialli, poi fatti rimuovere, dove sotto il titolo “Gli spari sopra” compariva una sostanziale apologia dell’attentatore. “Luigi Preiti ha semplicemente fatto quel che tutti dicono in ogni buon bar d’Italia – si legge nel volantino – lui ha solo accorciato la distanza tra il dire e il fare. Non è un gesto sorprendente. Quel che è davvero sorprendente è che sia un gesto isolato”. Per poi proseguire in altri farneticanti passaggi: “Ci vorrebbero abituati e rassegnati alle notizie – ormai quotidiane – di suicidi, gente che si ammazza perché portata all’esasperazione, vittime di una guerra contro i poveri fatta di sfruttamento sul lavoro, disoccupazione, multe, tasse (il pizzo di Stato), sfratti, strozzinaggio… e a chi non si adegua le manganellate, i lacrimogeni…”.

Più avanti il riferimento agli scontri avvenuti in Val Susa al cantiere della Tav di Chiomonte. I due carabinieri feriti davanti a Palazzo Chigi appartengono al battaglione Toscana, “noto – si specifica nel manifesto – per gli stupri, le sevizie, le torture, i lacrimogeni ad altezza uomo, arroganti e impuniti, in Val di Susa lo sappiamo bene!”. Sull’episodio indagano i carabinieri della compagnia di Susa. Il testo riprende concetti già espressi in diversi articoli sui siti della galassia dell’Autonomia torinese. Si sospetta che il manifesto possa essere stato realizzato dalle frange estreme del movimento antitreno.

C’è, evidentemente, oltre all’imprudenza grillina, il tentativo, non si sa quanto strutturato, di innalzare il livello dello scontro. Un’eventualità di cui, nella recente relazione annuale, si erano già detti preoccupati i Servizi di Sicurezza. Scrivevano, tra l’altro, i nostrani 007: “In un contesto di crisi, qualora questa dovesse acuirsi, c’è il rischio di innalzamento delle tensioni sociali e un’intensificazione delle contestazioni ad esponenti di governo, nonché rappresentanti di partiti politici e sindacali”. Cosa che, in Val Susa e a Torino, come sa chi ci legge da queste colonne, è già accaduto. “In assenza di segnali di un’inversione del ciclo congiunturale – si legge nella Relazione del Dis – l’incremento delle difficoltà occupazionali e delle situazioni di crisi aziendale, potrebbe minare progressivamente la fiducia dei lavoratori nelle rappresentanze sindacali, alimentare la spontaneità rivendicativa ed innalzare la tensione sociale, offrendo nuove opportunità ai gruppi dell’antagonismo di intercettare il dissenso e incanalarlo verso ambiti di elevata conflittualità”. Tra questi, in primis, la Valle di Susa, dove gli ambienti antagonisti e del dissenso cercano un collante con la popolazione per “generalizzare il conflitto”.

Sale anche la paura, in un Piemonte dove la sinistra vive forti divisioni. Con il Pd dai vertici provinciali e regionali dimissionari, dopo l’accordo con il Pdl a sostegno del Governo Letta. Con il movimento No Tav sempre in fermento. Con l’alta concentrazione di centri sociali e gruppi estremisti. Dice qualcuno, guardando alla storia, che dalla mitizzazione all’emulazione il passo potrebbe essere breve.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana