Google+

In Usa la Chiesa lotta per una giusta legge sulla pedofilia

giugno 16, 2012 Benedetta Frigerio

In diversi Stati le associazioni legali per le vittime vogliono togliere i limiti di tempo per la denuncia del reato. Anche se così si va contro al diritto alla difesa.

La battaglia per abolire i limiti alla legge sulla pedofilia sta attraversando gli Stati Uniti d’America.
Come ogni altro crimine, però, anche quello della pedofilia non può essere perseguito per sempre. Esiste, infatti, un diritto alla difesa. Impossibile da far valere nei casi di reati commessi troppi anni prima rispetto al momento della denuncia. La causa che giustifica i paletti presenti in qualsiasi codice civile e penale democratico è l’oblio, l’assenza di testimoni e l’impossibilità di reperire prove valide alla ricostruzione la vicenda.

Ma alcune associazioni legali per la difesa delle vittime di abusi stanno spingendo affinché i legislatori aprano una “finestra temporanea”, come viene definita, per permettere alle vittime di denunciare eventuali abusi senza limiti temporali. Sta accadendo in New Jersey, in Pennsylvania, in Massachusetts e nello Stato di New York. Fino ad ora molti Stati hanno respinto la richiesta. Sopratutto dopo che nel 2003 il parlamento della California l’aveva accolta. Da allora, quasi seicento persone hanno fatto causa alla Chiesa cattolica. E nonostante la difficoltà a ricostruire i fatti, e quindi a stabilire la verità, la Chiesa ha dovuto sborsare quasi 2,5 miliardi di dollari per difendersi dalle accuse.

Patrick R. Brannigan, direttore esecutivo della Conferenza episcopale del New Jersey, chiamato ad argomentare di fronte allo Stato la sua opposizione sulla revisione delle norme, ha chiarito: «Come può un’istituzione difendere se stessa plausibilmente contro un crimine commesso quaranta, trenta o addirittura sessant’anni fa? I limiti esistono perché i testimoni muoiono e la memoria si cancella».
Non solo, secondo i vescovi americani, «una tale revisione non serve a proteggere nemmeno un bambino, ma solo a trasferire cifre enormi dalle tasche dei clienti a quelle degli avvocati». Inoltre, la legge colpirebbe solo la Chiesa, «invece che concentrare l’azione sul problema vivo oggi, dato che le scuole pubbliche, sede dei maggiori abusi, e i Comuni cittadini hanno lottato con successo per essere esenti da una tale revisione delle norme».

In Massachusetts la Conferenza episcopale della Chiesa cattolica ha parlato contro l’abolizione dei limiti per quanto riguarda sia le accuse di tipo penale sia quelle di natura civile. Ma gli avvocati e le associazioni delle vittime, che negli ultimi anni hanno fatturato milioni di dollari, continuano a protestare. In Pennsylvania, il cardinale di Philadelphia, Charles Chaput, eletto nel 2011 da papa Benedetto XVI proprio per far fronte agli scandali, ha sottolineato il fatto che non c’è nulla di religioso nelle obiezioni della Chiesa: «Il limite imposto dalla legge ha motivazioni legali universali».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Davide scrive:

    Semplice combattere la pedofilia: basta mandare via i preti

    • gmtubini scrive:

      E bravo Davide, hai avuto un’ideona! Perciò, se ti decidi a far le valigie, possiamo combattere anche l’idiozia!

  2. andrea scrive:

    perchè su tempi ci sono articoli come questo, ipocriti e faziosi, che quanto a ipocrisia e faziosità fanno concorrenza a repubblica???

    Meglio leggere spesso le parole del Santo Padre sullo scandalo della pedofilia nella chiesa per rendersi conto che questo abominevole fenomeno va stroncato per sempre!

  3. Alex Galvani scrive:

    Signora Frigerio,
    grazie per averci mostrato un’altra volta di cosa sia capace.
    “Non solo, secondo i vescovi americani, «una tale revisione non serve a proteggere nemmeno un bambino, ma solo a trasferire cifre enormi dalle tasche dei clienti a quelle degli avvocati»”
    Frose un commentio sull’effetto dissuasore di queste cifre poteva mettercelo, dato che ORA che ci sono questi processi, i casi sono piu’ rari, e quindi E’ FALSO che non serva a proteggere nemmeno un bambino. Ma capisco che lei sia incapace di avere un’opinione sua, tranne quando si tratta di insultare altre categorie.
    “Inoltre, la legge colpirebbe solo la Chiesa, «invece che concentrare l’azione sul problema vivo oggi, dato che le scuole pubbliche, sede dei maggiori abusi, e i Comuni cittadini hanno lottato con successo per essere esenti da una tale revisione delle norme»”.
    E complimenti pure qua. Adesso la Chiesa sotto processo insinua che le scuole pubbliche che lei non controlla siano peggio. Una bella frase col beneficio di innocenza, vero? Cosi’, fatta cadere senza supportare niente: dati, sentenze, inchieste, articoli… Ancora una volta, quando non si tratta dei usoi amichetti, la morale la lascia nel gabinetto…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana