Google+

In Sicilia con Crocetta «cambia la storia»? Mica tanto. Deve fare l’inciucio

ottobre 30, 2012 Matteo Rigamonti

Il deputato Pdl Osvaldo Napoli spiega perché il prossimo presidente della regione Sicilia non potrà fare altro che seguire le orme del suo predecessore. E il Pdl? «Si è fatto male da solo»

 Con Crocetta «cambia la storia» della Sicilia, come ha detto lui stesso? Nemmeno per sogno. Primo perché il neopresidente della più grande regione a statuto autonomo d’Italia è stato eletto con un misero 13 per cento dei voti di mezza Sicilia (quella che ha votato) mentre l’altra metà è rimasta a casa. Secondo perché non ha una maggioranza e ora sarà costretto, volente o nolente, all’inciucio con Lombardo e Miccichè o con Cancelleri. Il pidiellino Osvaldo Napoli è lucido nella disamina del giorno dopo il voto in Sicilia. E non manca nemmeno di fare un’autocritica al suo partito quando dice che «il centrodestra ha perso per le sue divisioni interne». Ma su una cosa Napoli non ha dubbi: «Occorre ristabilire una dialettica democratica» con una «maggioranza e un’opposizione», pena «consegnare l’antipolitica nelle mani di Grillo».

Qual è il verdetto delle urne in Sicilia?
Il dato più eclatante è l’astensionismo al 53 per cento: ormai è evidente la disaffezione generale nei confronti della politica. E non dimentichiamo che Crocetta diviene presidente con il 13 per cento dei voti complessivi. Il suo è perciò un governo che non rappresenta la società siciliana. Questa è la verità. Probabilmente la gente è stufa della politica e ha dato un segnale forte dicendo che o si cambia oppure la democrazia corre seri rischi dal punto di vista della partecipazione. E questo è il problema.

Ma gli elettori si sono espressi: ora chi governa?
Mi ascolti: guardi che qui non ha vinto nessuno. Il Pd ha preso il 6 per cento dei voti e l’Udc il 2 per cento. Lo stesso Crocetta ha ammesso che non c’è una maggioranza e che dovrà conquistarsela di volta in volta, provvedimento su provvedimento. Se però facciamo bene i calcoli notiamo che il centrodestra ha preso il maggior numero di voti. Miccichè, infatti, piaccia o non piaccia, fino all’altro ieri era ancora nel centrodestra. E Miccichè insieme a Musumeci fanno il 40 per cento dei voti espressi contro il 30 di Pd e Udc. Purtroppo il centrodestra ha perso per le sue divisioni interne.

Non mi ha risposto però: ora chi governa?
Bisognerà fare delle alleanze e Crocetta questo lo sa. Come sa anche che Grillo non si accontenterà di alleanze: Grillo non si fermerà. Per questo Crocetta sarà costretto a governare con gli stessi di prima: ci saranno il Pd, l’Udc e una parte dei lombardiani. Ci sarà anche Miccichè? Questo io proprio non glielo so dire. Ma sono certo che il nuovo governo sarà una continuazione di quanto già visto in passato. Avremo una maggioranza tale e quale a quella di prima in termini di offerta politica, la stessa con cui il Pd ha già convissuto fino ad ora. Solo che questa volta sarà una maggioranza anomala perché dovrà vivere di giorno in giorno di compromessi.

Che fare allora?
Bisogna restituire alla politica il suo ruolo. In democrazia, anche quando si dice no, ci vogliono sempre una maggioranza e un’opposizione. Occorre ristabilire una dialettica democratica. E in questa dialettica si trova anche Grillo. I partiti non possono permettersi di consegnare l’antipolitica nelle sue mani.

Cosa si aspetta dal nuovo presidente?
Mi auguro che Crocetta amministri bene la Sicilia e che dia un taglio all’assistenzialismo dello Stato centrale. È ora di dire basta ai 26 mila dipendenti della regione (a fronte dei 2700 del Piemonte) e di fermare i contributi per lo sforamento del patto di stabilità, circa un milione di euro che lo Stato ha dato alla Sicilia. Spero che Crocetta sappia voltare pagina senza caricare sulle spalle degli italiani le problematiche della Sicilia. Ma non credo che ce la farà.

Come vede il Pdl, dopo ieri?
Il Pdl si è fatto male da solo: dodici ore prima delle elezioni alcuni suoi esponenti dichiaravano che Angelino Alfano, il coordinatore nazionale, oltretutto siciliano, avrebbe dovuto dimettersi e che il Pdl non esisteva più. Mi spiega perché mai un elettore del Pdl avrebbe dovuto votarlo se davvero non esisteva più? Ma a questo punto bisogna guardare anche il futuro: ben vengano le primarie, purché siano una cosa seria e che consentano la scelta di una leadership del partito nuova e forte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Enrico says:

    Un po’ di opposizione fa bene, rigenera e allontana le zecche. Permette di riprogrammare, schiarirsi le idee e ripresentarsi più freschi al prossimo giro.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi