Google+

In Inghilterra non si può bere alcol in gravidanza perché farebbe male al nascituro, però si può abortire

febbraio 3, 2014 Leone Grotti

Una coppia di genitori adottivi ha fatto causa alla madre della figlia adottata perché bevendo eccessivamente in gravidanza le avrebbe causato danni

gravidanza-bere-alcol-nascituro-abortoBere alcol in gravidanza, danneggiando così il nascituro, potrebbe diventare un’azione criminale sanzionabile penalmente; abortire, ponendo termine alla vita del nascituro, invece no. È il paradosso a cui rischia di andare incontro il Regno Unito, a causa di un processo già arrivato al processo di appello.

L’ACCUSA. Al centro della contesa c’è una bambina di sei anni, il cui nome non è stato rivelato, che soffre di disturbi mentali. La causa è stata intentata ai danni della madre dai genitori adottivi e dal consiglio comunale di un paesino del nordovest dell’Inghilterra, che pagano le cure per la bambina. La donna è accusata di aver danneggiato la figlia bevendo eccessivamente in gravidanza, pur sapendo che questo avrebbe potuto nuocerle.

IL FETO È UNA PERSONA? Nel 2011 un tribunale ha giudicato i danni presentati dalla bambina come «direttamente attribuibili a un crimine violento», ovvero «bere eccessive quantità di alcol». La sentenza era stata però ribaltata il 18 dicembre scorso da un secondo tribunale perché «non ci sono prove che i danni siano stati causati dall’alcol», avendo anche la donna assunto altre sostanze, e perché «al tempo la bambina era un feto, e non essendo una persona in termini legali, non può subire un crimine di questo genere».
Davanti a questa decisione il consiglio insieme ai genitori adottivi della bambina ha deciso di ricorrere in appello contro questa seconda decisione, secondo quanto riportato dal The Sunday Times.

FEMMINISTE ALLARMATE. Posto che dei genitori adottivi che denunciano una madre, alla quale hanno già tolto la custodia della figlia, per aver molto probabilmente commesso degli errori durante la gravidanza e perché paghi delle spese mediche al loro posto, è una notizia insolita e sgradevole, la causa ha fatto notizia anche per i risvolti che hanno messo in allarme la galassia femminista. Se infatti venissero riconosciuti per la prima volta nel paese diritti legali a una bambina non ancora nata, ci sarebbero effetti devastanti: il primo, ovviamente, riguarderebbe l’aborto, che non potrebbe più essere considerato legalmente come un «diritto delle donne» ma diventerebbe a tutti gli effetti omicidio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. beppe says:

    non ci sarebbe bisogno di questi eventi per rendersi conto dell’assurdità della legislazione sull’aborto, ma oggi siamo ridotti a questo. ma questa gente non si ferma e non riflette davanti a questi fatti. sono ormai intossicati dalle loro idee omicide. provo solo disgusto e amarezza.

  2. domenico b. says:

    le femministe sono allarmate… ma non hanno una coscienza? Si dovrebbero allarmare molto di più perché il tempo passa veloce e dovranno presentarsi anche loro davanti al Creatore della Vita… Questi bambini non nati giudicheranno la nostra epoca, e giudicheranno anche noi!

    • filomena says:

      Domenico b. La tua mi sembra un’idea delirante: come puoi pensare che le leggi tengano conto del tuo Dio creatore, essere devono rispondere anche a chi non crede. In altre parole la legge deve essere laica poi ognuno e libero di credere in quello che vuole altrimenti diventeremmo una teocrazia

      • domenico b. says:

        Filomena, semplicemente perché il mio Dio creatore è anche il tuo Dio creatore e il Dio creatore di chi ha la responsabilità di proporre e approvare le leggi che regolano una società civile ( a meno che le femministe siano una categoria a parte che si è autocreata da sola)

        • filomena says:

          L’arroganza di pretendere che il tuo pensiero deve valere per tutti e veramente grave. Tu credi in Dio ma questo vale solo per te

  3. Andrew says:

    Va be che alla redazione di Tempi noi inglesi non vi stiamo particolarmente simpatici, ma il problema sono le demoniache leggi sull’aborto. Non ci vogliono lauree per capire che droghe e alcool danneggiano la vita nascente.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.