Google+

In Grecia vincono i pro-Euro, sospiro di sollievo per Merkel&co.

giugno 18, 2012 Redazione

Secondo i risultati parziali Nea Dimokratia di Samaras ottiene il 30,6% (130 seggi), Syriza il 26,56% (71), il Pasok il 12,50% (33). Samaras e Pasok possono formare una coalizione per governare.

“La catastrofe per Atene e l’Europa sembra allontanarsi. Ma dopo la vittoria dei conservatori di Nea Dimokratia, la formazione di un governo di unità nazionale e pro-Euro per la Grecia, che pure sulla carta avrebbe i numeri per nascere subito, non sembra esattamente questione di ore. L’accelerazione è stata auspicata già stasera da Ue e Usa, soddisfatti dell’esito delle urne, mentre l’Euro volava ai suoi massimi da tre anni. Ma passata la grande paura di una vittoria della sinistra «anti-sistema» di Syriza, con il conteggio dei voti ancora in corso, sono già iniziate le grandi manovre. Il Pasok, terzo partito ellenico, uscito a brandelli dalle urne ma decisivo per formare un governo di unità, ha annunciato di voler partecipare all’esecutivo di ampia coalizione, che però dovrebbe a suo avviso includere anche Syriza, la grande sconfitta della serata: una prospettiva alla quale il partito di Alexis Tsipras ha già chiuso la porta” (Avvenire).

“La serata del voto più importante della recente storia ellenica era iniziata con un drammatico testa a testa tra destra e sinistra, ma presto si è delineata una maggioranza relativa dei voti per i conservatori pro-Euro di Nea Dimokratia. La formazione di Antonis Samaras (nella foto), che ha già ricevuto una telefonata di complimenti da Angela Merkel e ha parlato di vittoria non solo per i greci ma «per tutta Europa», dovrebbe ottenere – secondo quanto risulta dopo oltre il 75% dei voti scrutinati – 130 seggi. Uniti ai 33 dei socialisti del Pasok, consentirebbero la formazione di un governo di coalizione delle forze che vogliono mantenere il Memorandum, pur ammorbidendolo. Ma questo sodalizio, che rimane altamente probabile, non appare del tutto scontato” (Avvenire).

“In serata infatti è arrivata la presa di posizione del leader dei socialisti Evangelos Venezelos, che ha detto sì ad un governo di «corresponsabilità», ma chiedendo anche la partecipazione della sinistra radicale di Tsipras, che ha già annunciato di non volerne sapere. Il Pasok rischia di guastare la festa? Alcuni analisti interpretano la mossa solo come un tatticismo, magari per ottenere maggior considerazione e ministeri di peso al tavolo del negoziato con Samaras. E Venizelos è esposto in queste ore a grandissime pressioni, anche dall’estero, come dimostra la telefonata ricevuta in serata dal socialista Hollande. Ma la partita rimane comunque da giocare. Nonostante il suo nuovo exploit elettorale, Tsipras (festeggiato dai suoi supporter al centro di Atene, dove ha parlato di «grande successo, comunque»), che voleva cancellare il Memorandum e mettere fine all’austerità, non ce l’ha fatta a intercettare a sufficienza il malessere dei greci” (Avvenire).

“Mentre si segnala il nuovo, inquietante successo dei neonazisti di Alba Dorata, che otterrebbero una percentuale del voto tra il 6 e il 7%, simile a quella del 6 maggio. Secondo i risultati parziali Nea Dimokratia ottiene il 30,6% dei consensi (130 seggi), Syriza il 26,56% (71), il Pasok il 12,50 (33), Greci indipendenti il 7,46% (20), Chrysi Avgi (Alba dorata, estrema destra) il 6,94% (18), Sinistra democratica il 6,08% (16), Kke (comunisti) il 4,49% (12). In una giornata di grande caldo, e senza particolari problemi (a parte le due granate rinvenute inesplose presso la sede del gruppo editoriale della tv Skai e del quotidiano Kathimerini a Faliro, sulla costa ateniese), quasi 10 milioni di greci sono andati alle urne con gli occhi del mondo puntati addosso, mentre le banche centrali internazionali preparavano piani d’emergenza per il possibile terremoto che da Atene si sarebbe propagato in tutta Europa e forse oltre.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana