Google+

In Coppa Africa vince la Nigeria. Perché non sempre le “favole” battono i progetti

febbraio 11, 2013 Emmanuele Michela

La vittoria delle Super Aquile sulla Cenerentola Burkina Faso ha dietro la mente di Stephen Keshi, tecnico africano che ha preferito lasciare a casa alcuni nomi pesanti per puntare su talenti sconosciuti locali.

Ok, forse questa vittoria delle Super Aquile non sarà piaciuta a tutti. La diretta concorrente alla conquista della Coppa Africa, il Burkina Faso, godeva del favore di tanti appassionati sportivi, speranzosi di poter vedere l’ex-Alto Volta trionfare e diventare la nuova favola del calcio africano, con giocatori semisconosciuti e poco impegnati in Europa a rappresentare una nazione tra le più povere al mondo. Ma del paradigma del “Davide vs Golia” forse si è abusato troppo, e a leggere i commenti apparsi qua e là la Nigeria sembra il Barcellona del Continente Nero, se non addirittura una novella Svizzera dell’economia africana. Ma la cavalcata trionfale dei ragazzi di Stephen Keshi ha alcuni tratti salienti su cui vale la pena soffermarsi, fatti di scelte azzardate ma vincenti, partite sudatissime e progetti virtuosi seguiti alla regola.

UNO DEI POCHI TECNICI AFRICANI. Il primo aspetto è proprio legato al nome del giovane tecnico nigeriano, da ieri unico africano ad aver vinto questo trofeo sia da tecnico che da allenatore, insieme all’egiziano Mahmoud El-Gohary. Era lui il capitano della squadra che 19 anni fa mise per l’ultima volta le mani su quella Coppa: era un gruppo straordinario, che fu protagonista anche ai Mondiali di Usa ’94, eliminati solo dall’Italia agli Ottavi di finale. Keshi da quel gruppo ha portato alla squadra di oggi orgoglio, grinta e carattere, e ha saputo disciplinare nel migliore dei modi una nazione che produce una gran quantità di talenti calcistici esportati in Europa, ma non puntando esclusivamente sui tanti nigeriani in giro per i campionati del Vecchio Continente, bensì facendo spazio ad alcuni ragazzi del campionato locale. È un trend singolare, che privilegia alcuni tecnici africani (di solito messi da parte per far spazio a guide europee) in un momento in cui la Coppa Africa riscuote sempre meno interesse tra i calciatori impegnati fuori dal Continente Nero. Così c’è gente come Keshi, o Appiah del Ghana, che conoscono a meraviglia le leghe locali, sanno chi sono i giocatori validi, quali quelli interessati a mollare l’Europa a gennaio per andare a rappresentare sul serio le proprie terre, e così si arrischiano in scelte non certo facili, ma che alla lunga pagano.

GIOVANI SCONOSCIUTI. Così le Super Aquile si sono presentate con un gruppo molto giovane e affiatato, emblematizzato alla perfezione da Sunday Mba, centrocampista 24enne che ha deciso la finale ieri sera contro il Burkina Faso: rete pregevole, frutto di velocità, classe e convinzione, siglata da un ragazzo che in Nazionale c’è da poco tempo, e che proviene niente meno che dai Warri Wolves. Oppure i difensori Oboabona, del Sunshine Stars, e Omeruo, ’93 arrivato da poco agli olandesi del Den Haag dalle giovanili del Chelsea. Ha avuto coraggio Keshi a puntare su questi giovani, in una finale in cui gli mancava pure Emenike, punta classe 1987 in forza allo Spartak Mosca, infortunatosi nella semifinale col Mali e sostituito dal “veterano” (28 anni) Uche. Per il resto in squadra c’erano tante facce conosciute dei nostri campionati, come Obi Mikel, Enyeama, Moses, il laziale Onazi. Ha scelto loro Kechi, al posto di gente come Odemwingie, Oba Oba Martins, l’intersita Obi, Ameobi, Taiwo, Obinna… Ma la tattica è sembrata quella giusta: valorizzare chi aveva voglia di vestire la maglia delle Super Aquile e dare una possibilità anche a tanti giovani sconosciuti di grande valore. E la vittoria di ieri sera ha dato ragione al vecchio capitano.

Seguici su Tempi Sport

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana