Google+

In carcere e sotto processo per dieci anni. Ma non era lui (indovinate chi era il pm che coordinava le indagini)

maggio 29, 2014 Redazione

Per un caso di omonimia viene scambiato per un malvivente albanese. Ma lui è bengalese, dializzato e non sa l’italiano

carcereRaccontano le cronache locali che, quando il suo legale gli ha comunicato la notizia, è scoppiato in un pianto liberatorio. Questa è l’incredibile e triste storia di Mohamed Salim, durata dieci anni, di cui uno trascorso ai domiciliari, e tutto per un clamoroso errore giudiziario.

IL PM ANTONIO INGROIA. Tutto inizia dieci anni fa, quando a Palermo Salim viene arrestato e finisce sotto processo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, reato punito con il carcere fino a 15 anni. A coordinare le indagini un nome noto alle cronache italiane: il pm Antonio Ingroia. L’inchiesta partiva da un’intercettazione di un cittadino albanese, che anche lui si chiamava Mohamed Salim e che faceva parte di un’organizzazione che procurava falsi documenti e assunzioni a migranti irregolari.
Ma gli investigatori arrestarono il Salim sbagliato, il bengalese, che con il malvivente aveva in comune solo il nome. Il fatto grave è che c’era più di un particolare a rendere diversa la situazione dei due. L’albanese parlava l’italiano, il bengalese no. La residenza, come lo stato di famiglia, era diversa. Tutto questo non fosse bastato, c’era un fatto che più di ogni altro rendeva il bengalese impossibilitato a compiere lunghe trasferte e organizzare traffici: il nostro è un soggetto dializzato.

RISARCIMENTO DANNI. E invece? E invece nulla: l’innocente Salim è finito nel tunnel giudiziario. Mohamed era arrivato in Italia con un regolare permesso di soggiorno, che poi gli è stato ritirato. Ha perso il lavoro ed è diventato un clandestino. Per curarsi si era trasferito a vivere a Monza in casa del fratello, così, quando gli è stato notificato l’ordine di arresto, è risultato irreperibile e dunque considerato latitante. Arrestato, è finito ai domiciliari e rinviato a giudizio.
È stato solo grazie al lavoro del suo avvocato, Giuliana Vitello, che si è riusciti a dimostrare l’incredibile abbaglio. Finalmente Salim è stato assolto dai giudici della terza sezione del tribunale. «Ora – dice l’avvocato – chiederemo il risarcimento del danno per ingiusta detenzione. Il mio cliente è stato danneggiato enormemente da questa incredibile vicenda. Ho tentato più volte di far rilevare l’errore. Fin dall’udienza preliminare, ma senza successo». «È stato difficilissimo garantirgli le minime cure necessarie – ha aggiunto -. Speriamo che la sentenza cambi le cose. Ora proveremo a fargli ottenere un nuovo permesso di soggiorno. Ha bisogno della migliore assistenza sanitaria. Il fratello gli ha detto che non ha i soldi per tenerlo in casa e lui non sa più che fare. Si tratta di una situazione disperata».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. ftax says:

    Deve chiedere ospitalità a casa Ingroia…

  2. Mariobon489 says:

    Questo succede quando i magistrati, anziché fare il loro mestiere con attenzione, coscienza e diligenza, si mettono a fare politica, dimenticando che hanno in mano la vita di un essere umano. Si sente sempre più la necessità di una legge che tocchi personalmente il magistrato che con dolo e/o superficialità rovini la vita dell’imputato. Altro che ideologia!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.