Google+

Imu, si parte: a giugno la prima rata si pagherà con l’aliquota base

aprile 3, 2012 Redazione

Un subemendamento fiscale dei relatori per la conversione del Dl 16/2012, Antonio Azzolini (Pdl) e Mario Baldassarri (Pdl), stabilisce che il pagamento dell’acconto Imu sarà calcolato sulle aliquote base, mentre la seconda rata sarà a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno con conguaglio. Il governo intanto annuncia che i nuovi parametri saranno stabiliti entro il 31 luglio.

 

Per il 2012, primo anno di applicazione dell’Imu, bisognerà pagare entro giugno il 50% dell’aliquota base. Poi il rincaro. Dovrebbe essere quesrto il quadro, dopo i dubbi sollevati dai centri di assistenza fiscale. Il governo potrebbe rivedere entro il prossimo 31 luglio le aliquote di base della nuova Imposta Municipale Unica, la vecchia Ici, in funzione del gettito che sarà registrato con il pagamento dell’acconto, atteso entro maggio. La possibilità di rivedere l’importo della nuova tassa è emersa ieri al Senato con un emendamento dei relatori al decreto di semplificazione fiscale, presentato in accordo con il governo. (Corriere, p. 10)

Con lo stesso emendamento i relatori, Antonio Azzollini e Mario Baldassarri (Pdl e Fli), hanno anche chiarito le modalità di pagamento della prima rata dell’Imu, dopo la sollecitazione dei Centri di assistenza fiscale (Caf), già alle prese con le dichiarazioni dei redditi, ma senza indicazioni formali da parte del governo. L’emendamento specifica che per il 2012, il primo anno di applicazione dell’Imu, il pagamento della prima rata cui adempiere entro il 18 giugno, ovvero l’acconto «è effettuato, senza applicazione di sanzioni e interessi, in misura pari al 50% dell’importo ottenuto applicando le aliquote di base e la detrazione previste». I contribuenti dovranno dunque calcolare l’importo della tassa, moltiplicando per 160 la rendita catastale (rivalutata del 5%), applicare l’aliquota di base (il 4 per mille sulla prima casa, il 7,6 per mille su tutti gli altri immobili, e non quella eventualmente già deliberata dai pochi Comuni che l’hanno decisa), togliere le detrazioni forfettarie, che sono pari a 200 euro più 50 euro per ogni figlio a carico di età fino a 26 anni, e pagare la metà di quest’importo. (Corriere, p. 10) 

A dicembre, cioè con il saldo, si pagherà il resto, tenendo conto delle aliquote effettivamente stabilite nel frattempo dal Comune di residenza, che possono essere il 2 per mille in più o in meno per la prima casa (quindi dal 2 al 6 per mille) e il 3 per mille in più o in meno sugli altri immobili (per i quali l’Imu può variare, dunque, da un minimo dello 0,46% al massimo dell’1,06%). A oggi solo pochissimi Comuni hanno già fissato le aliquote definitive dell’Imu, anche perché hanno tempo per farlo entro la fine di giugno. Il bello è che neanche a fine giugno, quando cioè tutti i Comuni dovranno aver adottato le necessarie delibere consiliari sull’aliquota Imu, i contribuenti italiani sapranno quanto dovranno effettivamente sborsare per la nuova imposta sugli immobili. Entro la fine di luglio, come detto, il governo potrebbe infatti rivedere tutto, comprese aliquote e detrazioni. Secondo l’emendamento presentato dai relatori, infatti, il governo «sulla base del gettito della prima rata dell’imposta municipale, provvede alla modifica delle aliquote, delle relative variazioni e della detrazione stabilita per assicurare l’ammontare del gettito complessivo previsto per l’anno 2012». (Corriere, p. 10)

 

Tutto resterà dunque in sospeso fino all’estate. A determinare la possibile revisione sarà la verifica delle previsioni di gettito sulla base dei versamenti in acconto e, probabilmente, l’andamento complessivo dei conti pubblici. Per ora dal Tesoro arrivano buoni segnali. Nei primi tre mesi dell’anno, secondo i dati diffusi ieri, il fabbisogno complessivo è stato di 28,2 miliardi di euro, quasi tre miliardi meno rispetto al primo trimestre del 2011. Nel solo mese di marzo il fabbisogno è stato di 17,5 miliardi, anche in questo caso inferiore di circa 3 miliardi al mese di marzo del 2011. (Corriere, p. 10)

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download