Google+

Immigrazione. Trump non «discrimina i musulmani», casomai ignora i cristiani perseguitati

marzo 8, 2017 Leone Grotti

Il primo ordine esecutivo prevedeva una corsia preferenziale per l’accoglienza di cristiani e altre minoranze perseguitate. Ora è stata tolta e tutti continuano a parlare di «musulmani discriminati»

Donald Trump ha firmato il nuovo ordine esecutivo sull’immigrazione due giorni fa. Il decreto vieterà temporaneamente l’ingresso negli Usa per chi arriva da sei paesi arabi considerati sponsor o conniventi con il terrorismo. Dal 16 marzo, e per 90 giorni, saranno vietati gli ingressi da Sudan, Siria, Iran, Libia, Somalia e Yemen. Saranno accettati invece i viaggiatori che arrivano da questi paese con green card o visto e coloro che sono già residenti negli Usa.

AMMESSI GLI IRACHENI. Per rendere il divieto più digeribile rispetto al primo, contestatissimo e rigettato dai giudici, Trump ha fatto alcune modifiche e non ha inserito nella black list dei paesi l’Iraq, ricordato come paese alleato nella guerra al terrorismo islamico. Nonostante i cambiamenti, la stampa internazionale ha continuato a ribadire che «rimane chiaro l’intento di discriminare i musulmani». Non è così.

ABOLITA CORSIA PREFERENZIALE. Ad essere discriminati sono piuttosto i cristiani. Il precedente decreto esecutivo, infatti, prevedeva una corsia preferenziale per loro e altre minoranze religiose, dal momento che, soprattutto in Iraq, cristiani e yazidi hanno perso tutto e sono stati presi di mira dallo Stato islamico esclusivamente per la loro fede. L’anno scorso, inoltre, con Barack Obama solo lo 0,5 per cento dei rifugiati provenienti da Siria e Iraq accolti dagli Stati Uniti era di nazionalità cristiana.

«ABBIAMO PERSO TUTTO PER LA FEDE». Dopo il primo ordine esecutivo, l’arcivescovo di Erbil (Kurdistan Iracheno) Bashar Warda aveva dichiarato: «Chi parla di “messa al bando dei musulmani” farebbe bene a misurare le parole perché ci mette in serio pericolo. La maggior parte degli americani non ha la minima idea di che cosa significhi essere un cristiano o uno yazida in Iraq. E nessuno ha protestato mentre l’Isis ci uccideva o ci obbligava ad abiurare. I terroristi ci perseguitano per la nostra religione, noi abbiamo perso tutto per la nostra religione e ora gli americani dicono che la religione non deve c’entrare in tema di visti, anche se la persecuzione religiosa è un criterio per avere lo status di rifugiato secondo l’Onu? Per me è pazzesco sentire certe cose».

CORNUTI E MAZZIATI. Non capisco, aggiungeva l’arcivescovo, «com’è possibile che tanti americani si arrabbino perché viene data la priorità a chi ha subito un orribile genocidio». Ora quella priorità è stata tolta, mentre i giornali continuano a parlare di discriminazione dei musulmani. Per i cristiani perseguitati dal terrorismo islamico, oltre al danno è arrivata anche la beffa. Se il presidente repubblicano vuole davvero distinguersi da Obama e difendere i cristiani, come dice di voler fare, dovrebbe passare dalle parole ai fatti.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.