Google+

Immigrazione. Obama si comporta come un Trump qualunque

gennaio 16, 2017 Leone Grotti

Cancellati i privilegi degli immigrati cubani perché «ne sono arrivati troppi». Protesta la Chiesa cattolica: «I loro diritti sono ancora violati dal regime di Castro»

«L’America non è mai stata indebolita dalla presenza degli immigrati, ma rafforzata. Se decidiamo di non investire nei figli degli immigrati, solo perché hanno un aspetto diverso dal nostro, riduciamo le prospettive dei nostri stessi figli». Con queste parole pronunciate a Chicago, le ultime da presidente, Barack Obama ha strappato centinaia di applausi. Il discorso è così piaciuto che a pochi giorni di distanza, nel suo ultimo speech da First lady, Michelle Obama l’ha ripreso per attaccare Donald Trump: «La diversità di fede, colore e credenza non è una minaccia a ciò che siamo, ci rende ciò che siamo». Lacrime di commozione in sala.

PAROLE, NON FATTI. Ancora una volta, gli Obama si sono rivelati fantastici oratori. Ma alle parole non sempre corrispondono i fatti, come dimostra la cancellazione improvvisa della politica “Wet Foot/Dry Foot” decisa dall’amministrazione uscente giovedì scorso. Essa garantiva a tutti i cubani che riuscivano a scappare dal regime di Fidel Castro e a entrare negli Stati Uniti un anno di permanenza negli Usa e poi la possibilità di ottenere la residenza. Ora, invece, tutti i cubani che saranno trovati sul suolo americano senza un visto regolare saranno deportati se non hanno diritto all’asilo.

TROPPI IMMIGRATI. La legge è stata modificata per due motivi. Da una parte, a causa della «normalizzazione dei rapporti con il governo di Cuba», che veniva evidentemente danneggiato da questa misura. Dall’altra, ha spiegato Ben Rhodes, vice-consigliere per la sicurezza nazionale alla Casa Bianca, perché ultimamente sono arrivati troppi immigrati: «Nel 2015 erano 40 mila e sono saliti a 54 mila nel 2016». A quanto pare, la “diversità” dei cubani non contribuisce a costruire l’identità americana.

CRITICHE DELLA CHIESA. La Chiesa cattolica americana, in particolare il vescovo Joe Vasquez di Austin, a capo della Commissione ecclesiastica sull’immigrazione, ha criticato Obama come se fosse un Trump qualunque: «Noi abbiamo apprezzato la normalizzazione dei rapporti con Cuba, ma la violazione dei diritti umani più basilari è purtroppo ancora una realtà per molti cubani e la politica “Wet Foot/Dry Foot” era un aiuto per loro a trovare rifugio negli Stati Uniti».

CUBA-USA. L’accordo tra Obama e Raúl Castro ha fatto ripartire le relazioni diplomatiche tra i due paesi. La speranza del presidente afro-americano è che l’apertura economica di Cuba al mondo riesca a cambiare il regime, cosa che l’embargo e la linea di chiusura finora non sono riusciti a fare. Tutti si augurano che sia così, ma ancora non si vede nessun cambiamento e le violazioni dei diritti umani del regime comunista restano tali e quali. Perché allora Obama chiude gli occhi e fa finta che Cuba sia un paese come gli altri, tanto da non meritare una speciale politica immigratoria?

«STORIA DI SUCCESSO». Anche a prenderla dal lato dei numeri dell’immigrazione, troppo alti per l’amministrazione, la modifica della legge è poco comprensibile: «Gli americani cubani sono stati uno dei gruppi di immigrati che hanno avuto più successo nella storia degli americani. Le protezioni accordate loro erano un modello di trattamento umano. Ora sarà più difficile per la popolazione vulnerabile di Cuba cercare protezione». Ma ormai questi non sono più problemi di Obama.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.