Google+

Immigrazione, i canadesi la pensano come il truce Trump (e non come beautiful Trudeau)

marzo 21, 2017 Redazione

Secondo un sondaggio Ipsos il 48 per cento dei canadesi «vorrebbe aumentare la deportazione di chi vive illegalmente in Canada». Il 46 per cento boccia le politiche di Trudeau

Quando si tratta di immigrazione, il 48 per cento dei canadesi la pensa come gli americani e il loro presidente Donald Trump e non come il premier Justin Trudeau. Vorrebbe cioè rimandare indietro tutti gli immigrati illegali che entrano nel paese. È questo il risultato di un sondaggio Ipsos diffuso ieri da Reuters.

IL SONDAGGIO. Negli ultimi mesi, centinaia di migranti africani e mediorientali, provenienti dagli Stati Uniti, sono entrati in Canada. Quattro persone su 10 (41 per cento) temono che l’immigrazione illegale renda il Canada un paese «meno sicuro» e il 48 per cento che «la deportazione di chi vive illegalmente in Canada vada aumentata». Riguardo agli ultimi arrivi dagli Stati Uniti, la metà dei canadesi ritiene che «debbano essere rimandati indietro negli Usa». Solo il 36 per cento sostiene che debbano invece essere «accolti» per avere possibilità di ottenere asilo politico.

TRUDEAU BOCCIATO. Allo stesso modo, non sono apprezzate le politiche e le dichiarazioni di apertura di Trudeau, che in occasione di una recente visita negli Stati Uniti è stato descritto dai giornali americani come l’anti-Trump per eccellenza. L’operato del premier, che ha dichiarato il mese scorso che «il Canada accoglierà i migranti che se ne andranno dagli Usa», è disapprovato dal 46 per cento dei suoi concittadini. Poco più del 30 per cento, invece, lo approva.

MENO RIFUGIATI. Il premier dal sorriso hollywoodiano, al di là delle dichiarazioni di apertura incondizionata che hanno fatto stravedere i nemici di Trump, ha mantenuto per il 2017 lo stesso numero di immigrati da accettare rispetto al 2016: 300 mila persone. Ha però ridotto di oltre la metà il numero di rifugiati a cui aprire le porte: 25 mila contro i 45 mila del 2016. Quando i riflettori delle telecamere si spengono, anche il motto «la diversità è la nostra forza» si oscura un po’.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi