Google+

Imam vietano ai musulmani dell’Indonesia di augurare «Buon Natale»

dicembre 21, 2012 Benedetta Frigerio

Un editto islamico del 1981 vieta ai musulmani dell’Indonesia di augurare “Buon Natale”.

Augurare «buon Natale» oggi forse è impopolare, per qualcuno imbarazzante, in Indonesia invece è proibito. E a ricordare a tutti i musulmani che l’impedimento non è formale ci ha pensato Ma’ruf Amin, leader islamico del dipartimento della Fatwa del Consiglio degli ulema indonesiani (Mui), organizzazione finanziata dal governo. Ieri Amin ha ricordato il divieto imposto dall’editto religioso del 1981: «Augurare Buon Natale – ha detto – non è giusto ancora oggi. Sarebbe meglio dire felice anno nuovo».

TOLLERANZA E ARMONIA. Nel paese islamico più grande del mondo, 230 milioni di persone di cui oltre l’80 per cento islamico, i «musulmani devono garantire la tolleranza e l’armonia» e quindi, continua Amin, non bisogna impedire che i cristiani celebrino il Natale. Ma non tutti sono convinti di queste parole. Secondo Zuhairi Misrawi, leader musulmano della Nahdlatul Ulama, la più grande organizzazione islamica del paese, «l’islam è come un grande e profondo mare blu. L’editto del Mui è solo una corrente ma ce ne sono molte altre».

MANCA LA LIBERTÀ RELIGIOSA. Theopilus Bela, segretario generale del Comitato indonesiano per la Libertà Religiosa e la Pace, ha dichiarato che il Mui ha lanciato numerose fatwa che dimostrano come nel paese manchi la libertà religiosa. «Spero che la maggioranza dei musulmani non segua l’indicazione del Mui» fatta da Amin. Me l’estremismo islamico è molto radicato nel paese e c’è da credere che in tanti non oseranno contraddire l’editto del 1981.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana