Google+

Dall’Ilva di Taranto si alza un fumo che sa tanto di elezioni anticipate

gennaio 18, 2015 Luigi Amicone

Renzi si è impegnato per decreto al salvataggio dell’acciaieria, ma ci vogliono bei quattrini per ricapitalizzare un’azienda che ha 1,5 miliardi di debiti e il 75 per cento degli impianti sequestrati. Tanti da generare un sospetto

«Il primo decreto dell’anno, il numero 1/2015 riguarda Taranto. Questa città bella e disperata è il punto di partenza del nostro anno. Salvataggio di Ilva insieme al salvataggio dei tarantini e dei loro figli». Commovente messaggio quello con cui Renzi ha salutato la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto per Taranto. «Peccato non ci siano le coperture». Così dicono quelli che nel salva-Ilva vedono la pistola fumante di elezioni anticipate.

A maggio? «Manca solo la data e il nome del presidente della Repubblica che le indirà». Parola di gufo. «Tra il rischio che Bruxelles peschi la carta falsa nella nostra legge di stabilità e dopo le elezioni greche si scateni la tempesta in Europa, come ne usciamo quando si vedrà che per Ilva non ci sono soldi?». In effetti ci vogliono dei bei quattrini per ricapitalizzare un’azienda che in due anni ha perso 2,5 miliardi di patrimonio e ha una pila di 1,5 miliardi di debiti.

Pagati gli stipendi di dicembre (con i prestiti bancari) e prorogata fino al 31 gennaio (per Autorità dell’energia) la fornitura di gas, resta poco da intuire sul destino di un’azienda a tutt’oggi gravata da provvedimenti giudiziari di sequestro che coprono il 75 per cento degli impianti. Ammesso (e non concesso) che Renzi riesca a sfilare gli 1,2 miliardi congelati ai Riva dai magistrati di Milano (ma sono sigillati in trust anglo-americani), Ilva non può impegnarli nella ricapitalizzazione perché sono soldi già destinati alle bonifiche ambientali. Molto più facile immaginare il tweet definitivo. «#Gufi contro riforme? E io voto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi