Google+

Ilva, «ai danni dei Riva un esproprio proletario da brividi». Industriali dell’acciaio contro le toghe

settembre 13, 2013 Redazione

Dopo la resa del gruppo in seguito all’ennesimo sequestro giudiziario, scende in campo Antonio Gozzi, presidente di Federacciai: «Riva trattati come delinquenti da strada. Il governo garantisca la libertà d’impresa»

Un «esproprio proletario» da far «venire i brividi». Non usa mezzi termini Antonio Gozzi, docente di economia all’Università di Genova, industriale siderurgico (gruppo Duferco), nonché presidente di Federacciai, per descrivere, in un’intervista a La Stampa, l’atteggiamento dei magistrati nei confronti dei Riva (proprietari dell’Ilva di Taranto), della loro azienda e delle migliaia di persone che ci lavorano. Ieri, infatti, il gruppo proprietario della più grande acciaieria d’Europa, in seguito all’ennesimo sequestro giudiziario (916 milioni di euro), ha annunciato al sospensione delle attività in ben sette stabilimenti (Verona, Caronno Pusterla, Lesegno, Malegno, Sellero, Cerveno e Annone Brianza), con centinaia di esuberi.

BISOGNA FARE QUALCOSA. «È vera emergenza», denuncia il capo della Confindustria dell’acciaio. «Serve un provvedimento che oltre all’Ilva copra altre aziende del gruppo». E se il governo non interverrà, «sarà sempre peggio. Si fermano le società di logistica e quelle che gestiscono le navi: presto si fermerà Taranto per mancanza di approvvigionamenti. Non a caso mi dicono che il commissario Bondi è furioso». A questa situazione si è giunti come «conseguenza di un braccio di ferro tra magistratura e governo, con la magistratura che ha prevalso vanificando ben due leggi dello Stato: la 231 e quella successiva sul commissariamento dell’Ilva». Secondo Gozzi è arrivato il momento di «chiederci quali strumenti possiamo mettere in campo per garantire al nostro Paese una reale libertà d’impresa».

COME CON I MAFIOSI. I Riva, che sono accusati di aver sottratto 8 miliardi dalle casse dell’Ilva, ma – obietta ancora il presidente di Federacciai – «non sono mai stati chiamati davanti a un giudice a difendersi. C’è un calcolo fatto dai magistrati e solo quello conta». Gli stessi magistrati, insiste Gozzi, «si comportano come se i Riva fossero malavitosi, dei boss mafiosi», e invece così non è: «Avranno agito con arroganza e hanno commesso i loro errori – chiosa l’industriale – ma presentarli come delinquenti di strada è troppo». Anche perché dal 1995, data in cui hanno acquisito l’Ilva dall’Iri, i Riva hanno realizzato 4,2 miliardi di euro di utili. Reinvestendone 4,5 miliardi di cui 1,2 in miglioramenti ambientali. «Non basta? Può darsi», chiosa Gozzi. «Ma non si può dire che non hanno fatto niente e sono fuggiti con la cassa».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. KLAUS DURMONT says:

    Guarda caso chi parla è un proprietario siderurgico e per di più della Federacciai. Ammette anche obtorto collo che ” i Riva avranno fatto anche loro degli errori ” (SIC!) e poi il Bondi che da AD passa ad essere nominato Commissario. Roba da Repubblica delle Banane ! La Magistratura cattiva e comunista che chiude le fabbriche affamando i lavoratori. Nemmeno un decerebrato sarebbe in grado di accettarlo come un passo falso di giudici che vedono vanificati i loro giudizi e deprivati da Decreti Legge ad hoc immediatamente esecutivi. Della situazione sanitaria di una intera comunità di 190 mila PERSONE non se ne parla. Mi sovviene solo un ossimoro : A TARANTO PARLANO I MORTI . Si vergogni Erg. Presidente Gozzi. La presenza sul territorio di Taranto di una industria definita come la più inquinante d’Europa la si deve all’ignavia dei Tarantini ahinoi che non hanno “le palle” per restituire a Genova il grazioso cadeau dell’area a caldo della quale se ne disfecero facendola trasferire perché la maggiore fonte d’inquinamento per la città di Cornegliano. Questa è la sola verità altro che esproprio che la fa rabbrividire, venga a scaldarsi vicino agli altiforni.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.