Google+

Ilva di Taranto. Prima di chiuderla bisognerebbe rispondere a queste domande

novembre 21, 2012 Matteo Rigamonti

Davvero l’Ilva di Taranto è un pericolo per la salute della popolazione? Alvise Petazzi, medico del lavoro dell’associazione Lavoro e Prevenzione mette in discussione i numeri dello studio Sentieri

«Nessuna emergenza ambientale» e «perizie mediche inaffidabili». Con queste motivazioni i legali dell’Ilva di Taranto hanno chiesto il dissequestro dell’azienda per poterla finalmente rimettere a nuovo, facendo fronte a tutti gli adempimenti richiesti dalla nuova Aia, l’Autorizzazione integrata ambientale, necessaria per poter riprendere la produzione dell’acciaio, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e a tutela della salute. Sull’acciaieria più grande d’Europa, infatti, grava ancora lo stop imposto dai giudici, che hanno sequestrato gli stabilimenti imponendo lo spegnimento dei forni. Una decisione le cui conseguenze economiche potrebbero essere fatali non solo per l’azienda, che vede messo a repentaglio il suo business, ma anche per tutta la popolazione tarantina che dall’Ilva e dal suo indotto da sempre trova fonte di sostentamento e lavoro. Certamente la salute dei cittadini e di chi lavora nell’Ilva merita di essere messa in primo piano e tutelata adeguatamente, così come è anche per l’ambiente circostante. Ma se davvero si vuole fare il bene dei dipendenti e della popolazione, forse, anche raccontare tutta la verità sui fatti non sarebbe male. E Alvise Petazzi, medico del lavoro con una lunga esperienza alle spalle ed esponente dell’associazione Lavoro e Prevenzione, che dell’Ilva si è già occupata negli anni passati, di una cosa è convinto: ci sono domande alle quali finora non si è ottenuta alcuna risposta. Forse perché non sono state poste ai giusti interlocutori.

Se le motivazioni allegate alla richiesta di dissequestro dell’Ilva non sono campate per aria, cosa dobbiamo pensare di quanto è accaduto fino ad ora?
Non per colpevolizzare il magistrato che ha deciso il sequestro dell’Ilva, ma l’impressione è che qui si stia compiendo tutti un errore di sovrastima dei problemi dell’azienda. Tutti, a partire dagli statistici – la cui competenza è fuori discussione – che hanno condotto gli studi per il progetto epidemiologico Sentieri, quello su cui si basano peraltro le decisioni dei giudici.

Ci dica di più.
Il punto è che i dati di cui finora abbiamo disposto, quelli dell’indagine di Sentieri, si limitano ad osservare che, in un determinato lasso di tempo (circa vent’anni), si è registrato nel tarantino un incremento delle forme patologiche cronico-degenerative superiore alla media attesa. Ok, va bene. Anche le carte sanitarie lo confermano. Ma qual è, se c’è, il rapporto di causa-effetto tra questa rilevazione e l’Ilva adesso? Che certezza abbiamo nel dire che l’Ilva è un pericolo per la salute delle persone e per l’ambiente circostante? A queste domande nessuno risponde. Anzi, nessuno le pone.

E ce ne sono altre?
Sì, un’altra è questa: i problemi dell’inquinamento dipendono solo dall’Ilva o dipendono in una qualche misura anche dal fatto che l’area sia un’area rurale piuttosto che un’area industriale? La variabile del traffico dei veicoli non influisce in nessun modo sulla presenza di polveri nella zona? L’Asl di Taranto cosa dice in merito?

In assenza di evidenze di segno opposto, i giudici hanno preferito chiudere tutto.
Chiudere tutto è giustificabile solo se c’è l’evidenza di un pericolo reale. Evidenza che per ora ancora manca. La correlazione tra inquinamento, malattie e la presenza dell’Ilva, infatti, almeno per ora, non è stata dimostrata. L’acciaieria, dal canto suo, ha fatto sapere di avere modificato i processi di produzione e ridotto l’inquinamento. Non sto dicendo che sia sicuramente stato fatto tutto il possibile (questo nemmeno l’Ilva lo dice), ma sto dicendo che non si possono prendere decisioni non supportate dai fatti. E mi permetto di sollevare un’ulteriore domanda: è mai possibile che tra chi lavora nell’Ilva non ci sia una mortalità più elevata tra chi lavora fuori dall’azienda? Anche a questa domanda si dovrebbe dare una risposta, per capire se davvero l’azienda debba essere chiusa. Insomma, per concludere, occorre che qualcuno dica se davvero all’Ilva la situazione è così grave da esigere la chiusura dell’impianto piuttosto che, se così non è, non possa forse essere meglio la messa in sicurezza. In modo che anche i proprietari possano portare a termine gli ammodernamenti necessari.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana