Google+

Il test di medicina e la tiritera malmostosa del ricorso. Ma studiare, no?

settembre 5, 2012 Daniele Ciacci

È più meritoria l’iniziativa dei Pre-Post di Medicina e studenti (che ti aiutano a studiare per preparare l’esame) oppure quella dei tanti collettivi che ti aiutano (dopo l’esame) a fare ricorso?

Ieri si sono tenuti i fatidici test di ammissione di Medicina, che minacciano danni pari o superiori alla prova di preselezione del Tfa. Gli aspiranti camici bianchi si sono recati, passo ritmato e testa bassa, ai portoni dei principali atenei nazionali, in una scena che poteva assomigliare ai video dei Pink Floyd. Pensate, la Repubblica Milano ha persino celato, tra i candidati, un suo reporter, Luca De Vito, perché raccontasse la cronistoria di un esame dato per impossibile ben prima dell’apertura delle buste. E dice che si poteva copiare, che i commissari hanno «terrorizzato» la platea ma poi si sono tranquillizzati. Insomma ragazzi, complesso sì, ma ci si poteva dare una mano. La socializzazione sarà vista come atto compensativo per quei 7 candidati su 8 che saranno costretti a vertere su altri lidi: Biologia e Infermieristica i più quotati.

AUGURI DI BUON “RIPESCAGGIO”. Dopo la cultura del ricorso, ecco la cultura del fallimento. L’uscita più esemplificativa è vergata a capopagina del Corriere della Sera Milano, pag. 4: «Test di Medicina, 4 mila in corsa con la speranza del “ripescaggio”». Ogni ulteriore sottolineatura della differenza semantica tra “ripescaggio” e “passaggio” è inutile anche per i digiuni di cose linguistiche. All’articolo si accompagnano le lamentele dei candidati. Una domanda sulla fondazione del Muro di Berlino è stigmatizzata: troppo difficile. «Sapevamo quand’è caduto», si giustificano. Grazie.

LOGICA TROPPO LOGICA. Ciò che stupisce è la necessità da parte della stampa di aderire alla richiesta di queste facilitazioni. Se riguardo al Tfa l’iniziativa poteva starci – poiché molti quesiti dei test non erano pertinenti con i piani ministeriali di insegnamento –, in questa sede meno. È inutile lamentarsi che le domande di biologia sono troppo difficili, quelle di logica troppo logiche, quelle di cultura generale troppo generali. A fronte della necessità di dottori e dell’alto numero di partecipanti, c’è chi aspira ad eliminare i test di ammissione per Medicina. Fare come in Romania o in Spagna. Volantini del Cepu, all’entrata degli Atenei, risollevavano il morale: non passi in Italia? Vai in Romania, dove entrare è easy. Sarebbe più utile, invece, presentare realtà che si muovono per accompagnare i giovani lungo uno scoglio giustamente arduo da superare, ma non impossibile. Suvvia, sfoltiamo la bambagia. È più meritoria l’iniziativa dei Pre-Post di Medicina e studenti (che ti aiutano a studiare per preparare l’esame) oppure quella dei tanti collettivi che ti aiutano (dopo) a fare ricorso?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa nipponica crede nella propulsione elettrica e in occasione del Salone di Ginevra presenta una crossover concept a zero emissioni forte della trazione integrale e di un’autonomia di 400 km.

Immagini suggestive, girate a Navados De Chillan, fanno da sfondo al lancio della nuova versione

Entro il 2017 è atteso il debutto della nuova monovolume elettrica Opel, parente stretta di Chevrolet Volt. Potrà contare su di un’autonomia superiore a 300 km e una generosa abitabilità.

Derivata dall’estrema 620R, ne condivide il 2.0 Ford supercharged da 314 cv. Il peso cresce da 500 a 610 kg a causa di alcune concessioni al comfort, ma le prestazioni restano degne di una supercar.

La Casa spagnola debutta nell’affollato segmento delle Sport Utility con una vettura concreta e gradevole esteticamente. Entry level la 3 cilindri 1.0 TSI da 115 cv, top di gamma la 2.0 TDI da 190 cv. Trazione anteriore o integrale e cambio manuale o DSG.

Speciale Nuovo San Gerardo