Google+

Il terremoto, le latterie e il grana: ora Mantova «vuole tirarsi su le maniche»

giugno 4, 2012 Daniele Ciacci

Dopo il sisma che ha scosso la provincia virgiliana, intervista a Carlo Maccari, assessore lombardo alla Semplificazione e alla Digitalizzazione: «Non manca la voglia di ripartire, ma non si sa quando sarà possibile».

«Questa gente vuole tirarsi su le maniche e iniziare a sistemare». Carlo Maccari, assessore alla Semplificazione e alla Digitalizzazione della Regione Lombardia, sintetizza il clima della provincia di Mantova – la più colpita, insieme all’Emilia, dalle scosse di terremoto che proseguono ininterrotte dal 20 maggio –. «Ma la seconda scossa, insieme a quella di ieri, ha dato il colpo decisivo sia al morale, sia alle iniziative concrete. Non è come se fosse passato un tornado che, concluso, si sa che non può tornare per un po’. Non sappiamo quando la terra smetterà di tremare. Non manca la voglia di ripartire, ma non si sa quando sarà possibile».

Che danni si contano nel mantovano?
Ad oggi i danni sono notevoli sia per le abitazioni civili, che per gli edifici istituzionali, fino alle attività produttive, soprattutto quelle che riguardano la filiera zootecnica. A differenza di quel che succede in Emilia, dove l’economia colpita dal sisma riguarda la piccola-media impresa, qui oltre 7mila aziende agricole sono in gravissima difficoltà. Mantova è l’unica provincia italiana a possedere entrambi i marchi di Grana Padano e Parmigiano reggiano.

Ci sono state vittime?
Non ci sono stati morti, e questo è un miracolo. Ma sono 2400 le persone sfollate, in una zona molto concentrata. Moglia è il comune più danneggiato, l’epicentro delle scosse è solo a pochi chilometri. A San Giacomo delle Segnate, la Colonna mobile della Protezione Civile ha già costruito due campi di accoglienza, che rimarranno in piedi ancora per qualche mese. Le case sono molto danneggiate, e sarà difficile far rientrare tutti gli sfollati in breve tempo.

Qual’è il problema più grave?
Il sistema zootecnico è quello che regge l’economia mantovana. Si trovano a terra circa 400mila forme di Parmigiano e di Grana. Sono un prodotto che fa stagionatura: se non si recuperano le forme rovinate, per due anni quel prodotto non sarà più immesso nel mercato. Da queste parti, il formaggio catastato garantisce l’accesso al credito e, di conseguenza, un tracollo del mercato farebbe perdere le garanzie bancarie. E sarebbe un danno irrimediabile. Sia con il governatore Roberto Formigoni che con il vicepresidente della commissione europea Antonio Tajani stiamo adottando misure che possano permettere a queste aziende di non interrompersi.

Cosa sta facendo la Regione Lombardia?
Ci siamo mossi immediatamente, anzitutto con il Pronto Intervento. La Colonna mobile ha impiantato tende che coprono oltre 2mila persone. Adesso, l’impegno principale è ri-orientare le risorse regionali presso questi territori. Il presidente Formigoni ha adottato misure oculate, soprattutto per evitare il rischio di congelamento del sistema di credito bancario. Ha anche permesso una moratoria dei debiti per quelle aziende implicate nel terremoto, in modo che esse stesse possano incrementare l’impegno nella ricostruzione. Abbiamo anche chiesto che i fondi per le misure del piano di sviluppo rurale dell’Ue fossero spostate sul settore della rifondazione.

Ci sono dei tentativi concreti di ripartire?
Stanno ripartendo tutti. La Latteria sociale “Porto mantovano”, attaccata alla città, è al lavoro da tre giorni. La gente munge a casa le proprie mucche e porta tutto in latteria, raccoglie forme di formaggio e cerca di smerciarle. Mantova è la prima provincia italiana per produzione di latte, e la valorizzazione del latte è il formaggio. Quello che per molti è soltanto un prodotto da supermercato, qui è la possibilità di ricominciare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana