Google+

Il terremoto, le latterie e il grana: ora Mantova «vuole tirarsi su le maniche»

giugno 4, 2012 Daniele Ciacci

Dopo il sisma che ha scosso la provincia virgiliana, intervista a Carlo Maccari, assessore lombardo alla Semplificazione e alla Digitalizzazione: «Non manca la voglia di ripartire, ma non si sa quando sarà possibile».

«Questa gente vuole tirarsi su le maniche e iniziare a sistemare». Carlo Maccari, assessore alla Semplificazione e alla Digitalizzazione della Regione Lombardia, sintetizza il clima della provincia di Mantova – la più colpita, insieme all’Emilia, dalle scosse di terremoto che proseguono ininterrotte dal 20 maggio –. «Ma la seconda scossa, insieme a quella di ieri, ha dato il colpo decisivo sia al morale, sia alle iniziative concrete. Non è come se fosse passato un tornado che, concluso, si sa che non può tornare per un po’. Non sappiamo quando la terra smetterà di tremare. Non manca la voglia di ripartire, ma non si sa quando sarà possibile».

Che danni si contano nel mantovano?
Ad oggi i danni sono notevoli sia per le abitazioni civili, che per gli edifici istituzionali, fino alle attività produttive, soprattutto quelle che riguardano la filiera zootecnica. A differenza di quel che succede in Emilia, dove l’economia colpita dal sisma riguarda la piccola-media impresa, qui oltre 7mila aziende agricole sono in gravissima difficoltà. Mantova è l’unica provincia italiana a possedere entrambi i marchi di Grana Padano e Parmigiano reggiano.

Ci sono state vittime?
Non ci sono stati morti, e questo è un miracolo. Ma sono 2400 le persone sfollate, in una zona molto concentrata. Moglia è il comune più danneggiato, l’epicentro delle scosse è solo a pochi chilometri. A San Giacomo delle Segnate, la Colonna mobile della Protezione Civile ha già costruito due campi di accoglienza, che rimarranno in piedi ancora per qualche mese. Le case sono molto danneggiate, e sarà difficile far rientrare tutti gli sfollati in breve tempo.

Qual’è il problema più grave?
Il sistema zootecnico è quello che regge l’economia mantovana. Si trovano a terra circa 400mila forme di Parmigiano e di Grana. Sono un prodotto che fa stagionatura: se non si recuperano le forme rovinate, per due anni quel prodotto non sarà più immesso nel mercato. Da queste parti, il formaggio catastato garantisce l’accesso al credito e, di conseguenza, un tracollo del mercato farebbe perdere le garanzie bancarie. E sarebbe un danno irrimediabile. Sia con il governatore Roberto Formigoni che con il vicepresidente della commissione europea Antonio Tajani stiamo adottando misure che possano permettere a queste aziende di non interrompersi.

Cosa sta facendo la Regione Lombardia?
Ci siamo mossi immediatamente, anzitutto con il Pronto Intervento. La Colonna mobile ha impiantato tende che coprono oltre 2mila persone. Adesso, l’impegno principale è ri-orientare le risorse regionali presso questi territori. Il presidente Formigoni ha adottato misure oculate, soprattutto per evitare il rischio di congelamento del sistema di credito bancario. Ha anche permesso una moratoria dei debiti per quelle aziende implicate nel terremoto, in modo che esse stesse possano incrementare l’impegno nella ricostruzione. Abbiamo anche chiesto che i fondi per le misure del piano di sviluppo rurale dell’Ue fossero spostate sul settore della rifondazione.

Ci sono dei tentativi concreti di ripartire?
Stanno ripartendo tutti. La Latteria sociale “Porto mantovano”, attaccata alla città, è al lavoro da tre giorni. La gente munge a casa le proprie mucche e porta tutto in latteria, raccoglie forme di formaggio e cerca di smerciarle. Mantova è la prima provincia italiana per produzione di latte, e la valorizzazione del latte è il formaggio. Quello che per molti è soltanto un prodotto da supermercato, qui è la possibilità di ricominciare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.