Google+

Il suicidio di Andrea e l’omofobia immaginaria dei nostri giornali

novembre 26, 2012 Redazione

Sabato sul Foglio è stato pubblicato un editoriale dal titolo “L’omofobia immaginaria” che parla dell’episodio del ragazzo di Roma e della «pigrizia di certe interpretazioni»

Vi abbiamo già parlato nei giorni scorsi del suicidio di Andrea, 15enne studente del Liceo Cavour di Roma. Lo abbiamo fatto riportando le parole della preside e due lettere che i compagni, gli insegnanti e i docenti dell’istituto avevano inviato ai media per smentire molte e gravi inesattezze che erano state scritte sulla vicenda. Sabato sul Foglio è stato pubblicato un editoriale dal titolo “L’omofobia immaginaria” che parla dell’episodio e della «pigrizia di certe interpretazioni». Lo riproduciamo di seguito.

L’omofobia immaginaria
Il suicidio del giovane Andrea e la pigrizia di certe interpretazioni

Forse non sapremo mai che cosa ha spinto il quindicenne romano Andrea a uccidersi tre giorni fa. Se il bullismo omofobico o il dileggio per quel suo modo di acconciarsi, con pantaloni, rossetto e smalto rosa, oppure, come anche è stato detto, una complicata situazione famigliare o un amore deluso o niente di tutto questo. Certo è che, nel voler dare per scontata la matrice del pregiudizio anti gay in questa vicenda tragica, buttandola subito in fiaccolata e in richiesta di pene per gli omofobi, si rischia più di un paradosso. Si rischia, come il Corriere della Sera, di titolare “Paola Concia: diversità disprezzata e ferita”, l’onesta dichiarazione in cui la parlamentare del Pd impegnata nella difesa dei diritti degli omosessuali racconta di aver parlato per due ore con i compagni di classe e i professori di Andrea, e di non aver riscontrato altro che “un contesto scolastico assolutamente non ostile alla diversità”. Al punto che si è trovata, alla fine, a dover consolare quei ragazzi sconvolti da “un doppio dolore: quello della perdita del loro compagno di classe e quello di essere stati descritti su tutti i siti come i responsabili della sua morte”.

Veniamo al paradosso: si chiedono, i dementi che attaccano quei ragazzini come omofobi assassini, che cosa questo può provocare nelle loro vite? In tema di prediche inutili, si distingue invece Repubblica, che fa straparlare Michela Marzano di diritto a vestirsi di rosa o di azzurro senza essere per questo discriminati (ma dove vive? Non è mai stata all’uscita di una scuola?). Scopriamo poi che il profilo Facebook da cui ad Andrea sarebbero arrivati gli insulti “era una pagina costruita con lui” (Paola Concia) e non, come si è letto ovunque, messa su per perseguitarlo. Il problema, allora, può essere il contrario di quello piattamente espresso dal pensiero mainstream:  con lo smalto rosa sulle unghie, con gli atteggiamenti stravaganti, quel ragazzino magari non chiedeva di essere “accettato”, ma di essere aiutato (suo nonno, tra l’altro, raccontava del suo innamoramento per una ragazzina). La psicoanalista Simona Argentieri, nel libro A qualcuno piace uguale (Einaudi), racconta di come ormai sia più facile rassicurare un ragazzino di tredici, quattordici anni (l’età dell’incertezza) dicendogli che tutti sono felici se è gay,  piuttosto che accompagnarlo in un percorso di vera conoscenza di sé. Assassina, a volte, è la pigrizia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana