Google+

Il suicidio assistito non uccide. Però si muore lo stesso

febbraio 20, 2015 Leone Grotti

Un progetto di legge in California vorrebbe che sul certificato di morte sia indicata una malattia, non il farmaco letale. Questa evidente falsità ha però un aspetto positivo

Il suicidio assistito può piacere oppure no. Si può essere favorevoli o contrari. È possibile parteggiare per il diritto di morire o credere piuttosto che rappresenti la morte del diritto. Sia come sia, su una cosa sono tutti d’accordo: il suicidio assistito fa male. Cioè, il suicidio assistito causa la morte (buona o cattiva che sia, degna o indegna) del soggetto.

SUICIDIO ASSISTITO NON UCCIDE. Sembra banale, ma non lo è. La legge allo studio in California, infatti, sulla falsariga di quella già approvata nello Stato di Washington, afferma che il suicidio assistito non uccide. Non solo: obbligherà anche i medici a mentire, scrivendolo nero su bianco sul certificato di morte dei loro pazienti.

«LA CAUSA DELLA MORTE». Per essere più precisi, nella proposta di legge (SB 128) presentata il 20 gennaio, si legge: «Il medico curante può firmare il certificato di morte qualificato dell’individuo. La causa della morte indicata sul certificato di morte dell’individuo che assume la medicina che aiuta-a-morire sarà la malattia terminale che ne sta alla base». Il decesso di chi ricorrerà al suicidio assistito, secondo la legge, non sarà dunque causato dal farmaco letale ingerito ma dalla malattia terminale per la quale si è scelto di assumere la “medicina”.

MEDICI COSTRETTI A MENTIRE. Se la legge verrà approvata, i medici dello Stato della California saranno obbligati a mentire su documenti ufficiali governativi a riguardo della causa del decesso dei loro pazienti. Tutto si può dire, infatti, tranne che il suicidio assistito non causi la morte, essendo esattamente quello il suo scopo. Chi ricorrerebbe al suicidio assistito, se non fosse mortale? Nessuno.

UN ASPETTO POSITIVO. L’evidente falsità della legge nasconde in realtà un aspetto positivo. Al di là del motivo pratico che probabilmente ha suggerito questa soluzione – nessuno potrà mai incriminare in alcun modo un medico di omicidio, visto che legalmente il farmaco da loro prescritto non ha ucciso il paziente – è come se ci fosse una segreta e irriducibile vergogna. È come se il suicidio assistito, al di là delle belle parole e delle dichiarazioni roboanti, non fosse davvero considerato una conquista di civiltà ma una sconfitta da nascondere. È come se non fosse l’affermazione della dignità ma una sozzura per l’anima.

CONTRO L’EVIDENZA. E a confermare che il suicidio resta ancora qualcosa di terribile, checché ne dicano i benpensanti, c’è il testo della legge, dove la stessa parola “suicidio” è stata nascosta. Compare appena tre volte, perché la norma riguarda “l’aiuto-a-morire”, non il “suicidio”. E se ancora qualcuno si ostinasse a dire che invece è proprio suicidio, ci sarà un regolare certificato a confermare che la causa della morte è un’altra. Contro ogni evidenza, certo, ma questo non conta: l’importante è che si senta ancora il bisogno di andare contro l’evidenza. Pur di nascondere la verità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana